CARDELLO GIUSEPPE

 

DON ALVARIO DI LI CAMPI

 

DON ALVARU DI LI CAMPI 
(libero rifacimento di “Gazetilha” di F.Pessoa)

Di baruna priputenti a cavaddu ‘mpinnacchiati
lu tempu nun parra cchiù, lupi scurdati

Di padruna cu sarmenti, aranci e spichi
di putenti cu lu mari pi fistina
di fabbricanti di mineri e prufissuri di li corti
lu nomi è vvurricatu sutta l’ossa

Sulu nu pueta ‘ngiuriatu, nu pazzu persu
fra li stiddi a circari sirinati,
n’architettu chi squatra contrasuli basamenti
esci di la notti muta tinibrusa,
unni la storia nun è cchiù storia

O grandi signuri di jurnata!
O grandi biddizzi e successi carricati,
cianciani e culuri ca lu munnu firmati,
curriti, ballati ma nun sugnati
pigghiati oggi sordi e tavulati
pirchì dumani è de’ pazzi ‘ngiuriati!

                                                                                         

DON ALVARO DEI CAMPI

 Di baroni prepotenti a cavallo impennacchiati il tempo non parla

più, lupi dimenticati

Di padroni con sarmenti, aranci e spighe
di potenti con i mari per festini
di fabbricanti di miniere e professori delle corti
il nome è sepolto sotto le ossa

Solo un poeta ingiuriato, un pazzo perso
fra le stelle a cercare serenate
un architetto che progetta contro sole basamenti
esce dalla notte muta, tenebrosa

dove la storia non è più storia

O grandi signori di giornata!
O grandi bellezze e successi esagerati,
cianciane e colori che il mondo firmate
correte, ballate ma non sognate
prendete oggi soldi e tavolate
perché domani è dei pazzi ingiuriati!

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 243 visitatori e nessun utente online