CARDELLO GIUSEPPE

 

 

VECCHIU PAISI

 

VECCHIU PAISI

Vecchiu paisi supra nu mulu allintatu
brillanti malatu di stiddi e lampiuna
rigina antichissima e poi buttana senza formi
cunzatu di fangu, virgogna e munnizza

Vecchiu paisi allampatu rusicatu di lupi
culla di figghi ranni ni lu tempu abbannunati
terra russa diserta sciusciata a groppu di ventu
viulenza e turmentu pi li jorna ‘ncannizzati

Vecchiu paisi aggrappatu a tanti treni
e ni li vaguna di ferru lasciatu ‘nfracitiri
scecchi senz’occhi pi li strati cu li curi cascati
corpi di lanna ‘n fila quannu scura la biddizza

Vecchiu paisi c’arrobbi tempu a la natura
muntagna di rina pistata unni sbatti lu mari
ciuri di fimmini siccari cu picciriddi ‘nniricati
senza riccami e ciàuri d’antichi amuri

Vecchiu paisi carti gialli spampinati
splinnuri e culura purtati lintamenti a muriri
cicala pazza ni la notti senza ciatu
arsura d’istati e zicchi di lu novu pantanu

Vecchiu paisi radichi maliditti
ca pigghianu lu cori, accupunu l’anima
ti pregu ‘rrusbigghiati, ritorna a vulari

                                                                                         

VECCHIO PAESE

Vecchia città a dorso di mulo inarcata
luccicante giallastra di stelle e lampioni
regina antichissima e poi puttana senza forme
vestita di fango, vergogne e mondezze

Vecchia città spenta dai lupi sbranata
culla di figli grandi nel tempo dimenticati
terra rossa deserta erosa dai venti
violenza e tormento nei giorni ingabbiati

Vecchia città agganciata a tutti i treni
e nei vagoni di ferro lasciata marcire
gente senz’anima per le strade con le code
pendenti metalliche forme in fila
al crepuscolo dell’estetica
Vecchia città che rubi i giorni alla natura
castello di sabbia crollato al principio del mare
graziose fanciulle annoiate su bambini di gomma senza merletti
e profumi d’antichi ideali
Vecchia città dalle carte senza destino
tesori e dipinti lasciati lentamente a morire
triste donna malata senza luce essenziale
afa d’estate e sanguisughe del nuovo pantano

Vecchia città maledette radici
che prendono il cuore avvinghiano l’anima
ti prego risorgi, ritorna a volare
lava le coste, riprendi la storia!

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 52 visitatori e nessun utente online