GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 60 visitatori e nessun utente online

FORTUNA ANTONELLA

 

FORTUNA ANTONELLA

 

POESIE

LA SICILIA E' 'NPARARISU

SULU N'ARRISU

Antonella Fortuna è nata a Carrara ma ha sempre vissuto a Catania, dove ha studiato Letterature Straniere.
Figlia di padre siciliano e di madre toscana, ha comunque assorbito «l’una e l’altra cultura con il medesimo interesse, rimanendo affascinata soprattutto dalla particolare espressività e musicalità d’entrambe».
Si dedica alla famiglia per tanti anni pur sempre, ed in gran segreto, continuando a coltivare la sua sete di sapere e voglia di scrivere: poesie, testi teatrali, novelle anche didattiche e traduzioni di libri sacri e non, della cui esistenza non era a conoscenza neppure sua figlia.
In occasione dell’avvicinarsi del duemila (iniziando il suo cammino verso il completamento delle traduzioni e non, in vernacolo siciliano, di ogni libro sacro e di quanto possa servire per auspicate ed eventuali cerimonie liturgiche particolari, sempre nel pieno rispetto e fedeltà alle versioni C.E.I.)pubblicala traduzione dei quattro Vangeli in Siciliano (‘U Santu Vancelu secunnu Matteu, Marcu, Luca, Ggiuvanni-Editore LIBROITALIANO - Ragusa) con l’intento di voler fare qualcosa «per la mia vita e per quella degli altri», ripromettendosi di continuare a scrivere specialmente nella lingua della poesia, «lu Siciliànu schìttu e veru». (1)
Ha avuto numerosi consensi, sia religiosi che critici e letterari (lettere autografe, articoli giornalistici, ecc…), svolgendo una documentata attività culturale:

Pubblicazioni:

‘U Santu Vancelu secunnu Matteu, Marcu, Luca, Ggiuvanni (2)
versione siciliana dalla vecchia traduzione CEI - Editore Libroitaliano -Ragusa- 2000.

Grammatica Siciliana
con principali regole grammaticali, fonetiche e grafiche, comparate tra i vari dialetti siciliani
-Terzo Millennio Editore, Caltanissetta, 2002.

Fantasticando… nel reale!
novelle sicilane, con italiano a fronte, in versione didattica - Terzo Millennio Editore -
Caltanissetta, 2002.

L’Atti ri l’Apuòstuli e L’Apucalìssi (2)
versione siciliana dalla vecchia traduzione CEI - SIMONELLI EDITORE - Milano - 2005 -
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., www.simonel.com, www.ebooksitalia.com.

‘A zia di Carlu
versione in siciliano, con adattamento scenografico, dalla commedia “La zia di Carlo”, di
Brandon Thomas. SIMONELLI EDITORE - Milano - 2011 - e-mail:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., www.simonel.com, www.ebooksitalia.com. Detta opera è stata rappresentata, il 28/29 Marzo ed il 5 Aprile 2009, in versione ritrattata dalla suddetta e col titolo “A zia di Carlo”, presso il teatro “Villa Angela”, via Ravanusa, San Giovanni La Punta (CT), dall’associazione teatrale “Sotto il Tocco”, regia di Michele Russo. (3)

Accussì è (su vi pari)
versione in siciliano, dalla commedia “Così è (se vi pare)” [edizione 1925], di Luigi
Pirandello. (1) SIMONELLI EDITORE - Milano - 2011 - e-mail:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., www.simonel.com, www.ebooksitalia.com.

Ammillètu
versione in siciliano di: “Hamlet”, di William Shakespeare (1564-16169) [versione siciliana
da: 1) testo originale (“Amleto”, W. Shakespeare, Oscar Mondadori, 1988 - traduzione
italiana di Eugenio Montale); 2) “Tragedie”, W. Shakespeare, Club Mondadori, 1981]. (4)
SIMONELLI EDITORE - Milano - 2011 - e-mail:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., www.simonel.com, www.ebooksitalia.com.

Desiderio di un ricordo
poesia, in periodico culturale “ARTE E FOLKLORE DI SICILIA”, N° 3/4, Marzo/Aprile 2001, pag. 15.

‘A piledda ‘i San Ggiuvanni
poesia siciliana, in “Il punto… sulla Punta”, mensile di San Giovanni La Punta - Catania -
Anno 3, N° 17- Febbraio 2006, pag. 5 - e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Montello’s street
articolo, in “Il punto… sulla Punta”, mensile di San Giovanni La Punta - Catania – Anno 3,
N° 18- Marzo 2006, pag. 2 – e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

‘A STORIA RÂ SICILIA… CUNTATA ‘M PUISÌA, virità, liggendi e tantìcchia ‘i fantasìa
(dai primordi alla metà del Novecento, per un totale di 7.840 versi) in:
Due Volumi (Parte I e II);
Due E-book (Parte I e II);
Due Volumi + Audio Libro.
BookSprint Edizioni (Vito Pacelli) - Buccino (SA) - 2012, e-mail:
www.booksprintedizioni.it

(1) Dedica di “’U Santu Vancelu secunnu Matteu, Marcu, Luca, Ggiuvanni, pag. 5.Op. cit.
(2) Tale opera si può visionare presso la Biblioteca Teologica S. Paolo, v.le Odorico da Pordenone, n° 24 - Catania.
(3) Tale opera si può visionare nell’elenco dei copioni che la FITA pubblica nel suo sito: www.fitateatro.it.
(4) Tale opera si può visionare nell’elenco dei copioni che la FITA pubblica nel suo sito: www.fitateatro.it.

Premi:

1° premio, con “L’Arcu ‘i Nuè”, per la sezione “racconti in lingua siciliana”, al 2° Concorso Letterario Nazionale “I VICERÈ” (Catania, li 07/04/2001).
Menzione di merito (con premi non assegnati), per la novella “’U paìsi dâ manu rìtta cu lu ciumi dâ manu mànca”, al Concorso Paternò-Tedeschi, per la sezione “narrativa in dialetto”,
(Catania, 08/12/01).
1° premio, con “L’àrvuli ca vòsinu ggiràri ‘u mùnnu”, per la sezione “fiabe per bambini”, al 3° Concorso Letterario Nazionale “I VICERÈ” (Catania, 05/05/2002).
Menzione di merito, con la poesia “Lu Mungibèddu”, alla 3ª Edizione 2001 del Concorso “Serafina Porcelli”, tema: “Etna: Vulcano Amico” - Istituto Scolastico “Sacro Cuore”, via Mantova N° 20, Catania (29/05/02).
Premio Speciale della Presidenza, con il racconto “Palpitazione di cuore”, al “Premio Nazionale di Poesia” promosso dall’Associazione Culturale “Vincenzo Paternò-Tedeschi” (CT), con la seguente motivazione: «Il racconto è parso ricco di spunti interessanti. La trama è molto semplice ma resa efficace da un linguaggio scorrevole e penetrante che specie nei momenti di “suspanse” si rivela con tutta la propria intensità.» (13/12/03).
Premio Speciale in Vernacolo, con la poesia Acitrìzza…“chiantu anticu”, al Secondo Concorso di Poesia “Città di Gravina” promosso dal Centro Culturale per la terza Età (Gravina di Catania, il 21/12/03).
1° premio (2° e 3° non assegnati), con la fiaba “In viaggio su… un arcobaleno”, al Concorso Letterario Nazionale “I VICERÈ”, Castello di Leucatia (CT), il 03/04/04.
Diploma di Merito, per la poesia in dialetto siciliano “Sicilia”, al Premio “Poesia, Prosa e Arti figurative” 2004, promosso dall’ Accademia Internazionale “Il Convivio” (Verzella - Castiglione di Sicilia - CT -, e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.), il 17/10/04.

 

 

 

FORTUNA ANTONELLA

 

 

SULU N'ARRISU

  

SULU N'ARRISU

Sugnu ‘na matri…
e circu n’arrìsu…
Sugnu ‘na matri…
e n’ugni sciarriata
circu n’arrìsu…
Sugnu chidda
chi t’ha parturutu,
t’annacatu,
t’ha vistutu,
ma, supratuttu,
e cu lu cori ‘m manu,
t’ha amatu…
E vulissi lu vasu…
ri ‘n sìmprici arrìsu!

SOLO UN SORRISO

Sono una madre...
cerco un sorriso...
Sono una madre...
e in ogni litigio
cerco un sorriso...
Sono quella
che ti ha partorito;
ti ha dondolato;
ti ha vestito,
ma, soprattutto,
con il cuore in mano,
ti ha amato...
E vorrei un bacio...
ed un semplice sorriso!

 

FORTUNA ANTONELLA

 

 

'A SICILIA E' 'N PARARISU

  


'A SICILIA E' 'N PARARISU

‘Nnô Pararìsu nun cci stànu
sulu li “gran signiùri”,
ma puru li “boni ri cori”…

‘Nni la Sicilia nun cci sùnnu
li mafiùsi sulamènti,
ma l’anuràti ggènti!

Su (‘ntennu tardu) cci acchianati
e a San Piètru scuntràti,
iddu, sicùru, vâ ‘mmustra,
cu tantu ri munti e ri strati,

‘ssa bedda terra nostra…
ll’ànimi santi soi
ri li patri, ri li nànni
siciliani e… catanànni…

‘A Sicilia, macàri ddà supra,
avi ‘i tri punti ri cà sutta:
di lu Fìgghiu, di lu Patri
e dû Spirdu, abbitàti.

A Diu cci puòrt’ àgni cristiànu
lu pèzzu so… e… n’arrìsu,
ri chistu triàngulu…
mutàtu… ’n Pararìsu!!!

                                                                                            

LA SICILIA E' IN PARADISO

 

In Paradiso non ci stanno
soltanto i "gran signori",
ma anche i "buoni di cuore" ...

In Sicilia non ci sono
solamente i mafiosi,
ma anche la gente per bene!

Se per caso (ma voglio dire più tardi) salite
in Paradiso e San Pietro incontrate,
Lui, di sicuro vi mostra
con tanto di monti e di strade

questa bella nostra terra..
le sue anime sante
dei padri, dei nonni
siciliani e dei... bisnonni...

La Sicilia anche la sopra,
ha le tre punte che ha qua sotto:
abitate dal Figlio, dal Padre
e dallo Spirito Santo.

A Dio ogni cristiano porta
il suo pezzo di Sicilia... e... un sorriso
di questo triangolo...
che si muta... in Paradiso.