SCIUTO CINZIA

 

CINZIA SCIUTO



AVO' video

CHISTA E' LA VUCI MIA audio

CU TI LU DISSI video

 I PIRATI A PALERMU audio

L'AMURI CA V'HAIU audio

L'AMURI CA V'HAIU video

LA SIMINZINA audio

LA SIMINZINA video

SANT'AGATA CHE AUTU LU SULI audio

TERRA CA NUN SENTI audio




Cinzia Sciuto poliedrica artista catanese si occupa di ricerca e valorizzazione delle tradizioni popolari siciliane.
Lungo il cammino la Sciuto, si è imbattuta nella straordinaria figura di Rosa Balistreri e ne ha condiviso la passione, l'amore, la rabbia, l'odio per l'ingiustizia, ma anche la gioia, la speranza, la capacità di rinascita, sentimenti tutti che sostanziano l'anima vera del popolo siciliano.
“Cancia lu Ventu” è la sua prima silloge di poesie in lingua siciliana; altre sue poesie sono state pubblicate in diverse antologie.
Accompagnando la poderosa voce alla sua fedele chitarra, Cinzia Sciuto esercita l'arte del “Cantu e Cuntu”, un'arte antica che fu dei greci e che in Sicilia non è mai morta, si esibisce in spettacoli musicali, organizza eventi-palcoscenico per la valorizzazione dei talenti siciliani, realizza percorsi di riscoperta della sicilianità.
Attenzione particolare pone verso i giovani affinchè si avvicinino e amino la cultura dei loro padri, convinta che “ciò che non si conosce non si può amare”.
L'artista è particolarmente sensibile ai temi sociali, impegno molto apprezzato per sensibilità e attenzione che caratterizzano in special modo i suoi numerosi interventi musicali a favore di progetti contro il femminicidio e la violenza sulle donne.
Nel novembre 2014 si esibisce alle Terme della Rotonda di Catania per lo spettacolo “InCanti alla Rotonda”, un altro successo di pubblico e di critica e a dicembre dello stesso anno al Marina Palace Hotel di Acitrezza le viene assegnato il Premio AICS “Katania Creativa” nel settore cultura, per la divulgazione della cultura popolare.
Il 30 dicembre del 2014 l'artista viene chiamata a Santa Venerina come ospite d'onore della serata commemorazione in occasione del venticinquesimo anniversario dell'ultimo concerto di Rosa Balistreri, svoltosi proprio in tal luogo il 30 dicembre del 1989.
Ospite musicale ad importanti presentazioni libro di autori illustri, per citarne alcuni: Matteo Collura, Emanuele Macaluso, Antonio Ingroia, Giuseppe Cantavenere, il biografo ufficiale di Rosa Balistreri.
Da alcuni anni è presente come ospite a “Omnia Arte Festival”, una kermesse artistica che si svolge tutte le estati sulla Terrazza del Castello di Acicastello, e nell'agosto del 2014 nella serata dedicata alla Sicilia e alla sicilianità le viene conferito il premio “Aquila di Federico II” per il suo impegno a favore della cultura siciliana.L'artista aderisce al “Dedalo Festival”, un emozionante viaggio tra le vie dell'arte di Caltabellotta, splendido luogo dell'agrigentino che ogni anno annovera la presenza di svariati artisti provenienti da tutta la Sicilia e dall'Italia.
Cinzia Sciuto attraverso le sue conferenze-spettacolo, aventi per protagonisti versi, musiche, canti e didascalie, contribuisce alla conoscenza e divulgazione dei grandi personaggi siciliani, soprattutto delle figure femminili che hanno fatto la Storia artistica e culturale della Sicilia, e proprio per questo suo impegno a favore delle donne artiste siciliane, l'8 marzo 2015 dalla F.I.D.A.P.A. di Cerami ( EN ) le viene conferito il Premio “Ambasciatrice della Donna Siciliana”.
Il 9 agosto 2015 a Fiumefreddo di Sicilia le viene assegnato il “Papiro Music Live” nel settore musicale delle eccellenze siciliane.
Il 29 aprile 2016 nella serata della “Cerimonia delle Candele” la sezione Fidapa di Fiumefreddo di Sicilia attribuisce a Cinzia Sciuto il “Premio Donna Fidapa 2016” e l'11 giugno 2016 riceve all'Expò di Pedara il “1° Premio Nazionale Federico II di Svevia” nel settore Poesia siciliana.





 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 

 

CHISTA E' LA VUCI MIA

Cinzia Sciuto

 




CHISTA È LA VUCI MIA
(tradizionale)
Vinutu sugnu vinutu
dintra la vicaria,
vinni pi fariti sentiri
chista è la vuci mia.
Siddu nun pigghiu sbagghiu
chista e la porta amata
d’unni facia la guardia
nuttata pi nuttata.
Figghiu tu pigghi sbagghiu
di lu tempu passatu
a nautru beddu giovani
lu cori cci haiu datu
Lu santu diavuluni!!!
chistu iu un lu sapia
m’accuntintava moriri
e nun amari a tia,
m’accuntintava a moriri
dintra a la vicaria.
QUESTA E’ LA MIA VOCE
Son venuto
dentro il carcere,
son venuto per farti sentire
questa è la mia voce.
Se non erro
questa è la porta amata
dove facevo la guardia
nottata dopo nottata.
Figlio, stai sbagliando
del tempo passato
a un altro bel giovane
il cuore ho dato.
Oh! Santo diavolone!!!
questo non lo sapevo
mi sarei accontentato di morire
che amare te
mi sarei accontentato di morire
dentro il carcere



Canzone di carcere, dal disco vinile "Noi siamo nell'inferno carcerati" (1974, Cetra Folk)
Si ascolta tutta l'amarezza e la solitudine del carcerato e della vita amara dentro un carcere.
Anche Rosa Balistreri ha fatto questa amara vita per più di sei mesi all'Ucciardone di Palermo e questa esperienza la ritroviamo tutta intera nella straziante voce in questa canzone.
Nicolò La Perna
 




 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 

 

L'AMURI CA V'HAIU

Cinzia Sciuto

 




L’AMURI CA V’HAIU
Esposito-Maglia
Non lu sapiti l’amuri ca v’haiu
e nun sapiti quantu vi disiu;
nun lu sapiti
comu chiangiu e staiu
quann’è ca ppi mumentu
non vi viu.
Dintra di l’arma mia
na vampa cci haiu
e lu me cori è vostru e non lu miu;
si moru ‘nparadisu non ci vaiu
pirchì p’amari a vui
non pensu a Diu.
E vui sapennu st’amuri e sti peni
mi lassati muriri comu ‘n cani
ma oggi siddu cc’è cu vi tratteni
speru di cunvincirivi dumani.
Cchiù non m’amati
e cchiù vi vogghiu beni
chiù passa e chiù
vi mannu cristiani
non mi lassati amuri ‘ntra sti peni
pirchì siti ppi mia
l’acqua e lu pani.
L’AMORE CHE HO PER VOI
Voi non sapete l’amore che ho per voi
e non sapete quanto vi desidero;
non sapete
come piango e come mi sento
quando per un solo momento
non vi vedo.
Dentro di me
ho una vampa di fuoco
e il mio cuore è vostro, e non è mio;
se muoio in paradiso non ci vado
perchè per amare voi
non penso a Dio.
E voi conoscendo
questo amore e queste pene
mi lasciate morire come un cane
ma oggi se c’è chi vi trattiene
spero di convincervi domani
Più non m’ amate e più vi voglio bene
e più passa il tempo
e più vi mando persone (1)
non mi lasciate amore in queste pene
perchè siete per me
l’acqua e il pane.     1) per convincervi




Una delle più belle canzoni d’amore del repertorio di Rosa Balistreri. L’amore per l’amato è così intenso che non solo lo stesso cuore non le appartiene più, essendo stato donato al fidanzato, ma anche la stessa anima è del suo amore e non per Dio. Spesso però l’amore non è ricambiato, ma più lui è distratto è più l’amore cresce, ormai è più forte del bisogno di nutrirsi.
Molte sono le registrazioni di questa canzone fatte dalla Balistreri, perché faceva parte fissa del suo repertorio nei molti concerti effettuati riscuotendo sempre grandi applausi.

Nicolò La Perna






 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I PIRATI A PALERMU

Cinzia Sciuto

 




I PIRATI A PALERMU
(Ignazio Buttitta)

Arrivaru li navi
tanti navi a Palermu,
li pirati sbarcaru
cu li facci di ‘nfernu.
N’arrubbaru lu suli, lu suli,
arristammu allu scuru, chi scuru,
Sicilia… chianci.
Tuttu l’oru all’aranci
li pirati arrubbaru
li campagni spugghiati
cu la neggia lassaru.
N’arrubbaru lu suli, lu suli,
arristammu allu scuru, chi scuru,
Sicilia… chianci.

Li culura a lu mari
arrubbaru chi dannu!
su ‘mpazzuti li pisci
chi lamentu chi fannu.
N’arrubbaru lu suli, lu suli,
arristammu allu scuru, chi scuru,
Sicilia… chianci.

A li fimmini nostri
ci scipparu di l’occhi
la lustrura e lu focu
c’addumava li specchi.
N’arrubbaru lu suli, lu suli,
arristammu allu scuru, chi scuru,
Sicilia… chianci.

I PIRATI A PALERMO


Sono arrivate le navi
tante navi a Palermo,
i pirati son sbarcati
con le facce d'inferno.
Ci hanno rubato il sole, il sole,
siamo rimasti al buio, che buio,
oh, Sicilia… piangi.
Tutto l'oro alle arance
han rubato i pirati,
le campagne spoglie
nella nebbia han lasciato
Ci han rubato il sole, il sole,
siam rimasti al buio, che buio,
oh, Sicilia… piangi.

I colori del mare
ci hanno rubato, che danno!
i pesci sono impazziti
che lamento che fanno.
Ci han rubato il sole, il sole,
siam rimasti al buio, che buio,
oh, Sicilia… piangi.

Alle nostre donne
han strappato dagli occhi
lo splendore ed il fuoco
che illuminava gli specchi.
Ci han rubato il sole, il sole,
siam rimasti al buio, che buio,
oh, Sicilia… piangi.




“Io ho incontrato Rosa Balistreri a Firenze, circa 22 anni fa, in casa di un pittore mio amico. Quella sera Rosa cantò il lamento della morte di “Turiddu Carnevali”, che è un mio poemetto. Io quella sera non la dimenticherò mai. La voce di Rosa, il suo canto strozzato, drammatico, angosciato, pareva che venissero dalla terra arsa della Sicilia.
Ho avuto l'impressione di averla conosciuta sempre, di averla vista nascere e sentita per tutta la vita: bambina, scalza, povera, donna, madre, perchè Rosa Balistreri è un personaggio favoloso, direi un dramma, un romanzo, un film senza volto. Rosa Balistreri è un personaggio che cammina sopra un filo che ha un cuore per tutti, che ama tutti; un cuore giovane per la Sicilia di Vittorini e di Quasimodo, un cuore giovane per la Sicilia di Guttuso e di Leonardo Sciascia”.
Ecco cosa pensava Ignazio Buttitta di Rosa Balistreri
I versi sono di Ignazio Buttitta (19 settembre 1899 - 5 Aprile 1997) che ricorda in questo testo le invasioni turche, ma in senso lato è rivolta all’annessione della Sicilia da parte dello stato Italiano.
Famose le parole di Buttitta:
”Un populu mittitilu a catina /spugghiatilu, atttupatici a vucca,
e` ancora libiru. Livatici u travagghiu, u passaportu,
a tavula unni mancia, u lettu unni dormi, è ancora libiru.
Un populu diventa poviru e servu, / quannu ci arrobbanu
la lingua addutata di patri: è persu di sempri.
Diventa poviru e servu / quannu li paroli nun figghianu paroli
e si mancianu tra d'iddi”.
Un popolo mettetelo in catene, spogliatelo
tappategli la bocca è ancora libero. Levategli il lavoro, il passaporto
la tavola dove mangia, il letto dove dorme, è ancora ricco.
Un popolo diventa povero e servo / quando gli rubano la lingua
ricevuta dai padri: è perso per sempre. Diventa povero e servo
quando le parole non figliano parole / e si mangiano tra di loro
I temi ricorrenti nei suoi scritti sono quelli delle lotte contadine e della conservazione della cultura siciliana.
E’ la canzone che più delle altre dimostra il perfetto binomio tra Rosa e Buttitta, non solo erano amici fraterni, dividevano insieme ad altri amici ad Aspra spesso le serate davanti ad una tavola imbandita con olive, sarde salate, pane siciliano e vino locale, ma condividevano l’amore per la Sicilia, lo sdegno per lo sfruttamento del lavoratore, il richiamo ad una giustizia sociale vera, la conservazione della cultura siciliana, il canto per le bellezze della terra di Sicilia: il mare con i suoi colori, il cielo azzurro, il sole cocente e forte. Tutto i pirati hanno rubato, non resta che piangere, Sicilia piangi.
Il verso è settenario con accenti sulla sillaba 3/6.





 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'AMURI CA V'HAIU

Cinzia Sciuto

 




L’AMURI CA V’HAIU
Esposito-Maglia
Non lu sapiti l’amuri ca v’haiu
e nun sapiti quantu vi disiu;
nun lu sapiti
comu chiangiu e staiu
quann’è ca ppi mumentu
non vi viu.
Dintra di l’arma mia
na vampa cci haiu
e lu me cori è vostru e non lu miu;
si moru ‘nparadisu non ci vaiu
pirchì p’amari a vui
non pensu a Diu.
E vui sapennu st’amuri e sti peni
mi lassati muriri comu ‘n cani
ma oggi siddu cc’è cu vi tratteni
speru di cunvincirivi dumani.
Cchiù non m’amati
e cchiù vi vogghiu beni
chiù passa e chiù
vi mannu cristiani
non mi lassati amuri ‘ntra sti peni
pirchì siti ppi mia
l’acqua e lu pani.
L’AMORE CHE HO PER VOI
Voi non sapete l’amore che ho per voi
e non sapete quanto vi desidero;
non sapete
come piango e come mi sento
quando per un solo momento
non vi vedo.
Dentro di me
ho una vampa di fuoco
e il mio cuore è vostro, e non è mio;
se muoio in paradiso non ci vado
perchè per amare voi
non penso a Dio.
E voi conoscendo
questo amore e queste pene
mi lasciate morire come un cane
ma oggi se c’è chi vi trattiene
spero di convincervi domani
Più non m’ amate e più vi voglio bene
e più passa il tempo
e più vi mando persone (1)
non mi lasciate amore in queste pene
perchè siete per me
l’acqua e il pane.     1) per convincervi




Una delle più belle canzoni d’amore del repertorio di Rosa Balistreri. L’amore per l’amato è così intenso che non solo lo stesso cuore non le appartiene più, essendo stato donato al fidanzato, ma anche la stessa anima è del suo amore e non per Dio. Spesso però l’amore non è ricambiato, ma più lui è distratto è più l’amore cresce, ormai è più forte del bisogno di nutrirsi.
Molte sono le registrazioni di questa canzone fatte dalla Balistreri, perché faceva parte fissa del suo repertorio nei molti concerti effettuati riscuotendo sempre grandi applausi.

Nicolò La Perna






 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 191 visitatori e nessun utente online