GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 48 visitatori e nessun utente online

 

ALESSIO DI GIOVANNI

 

POESIE

VENNU

 
 

 

 

 

VENNU

E vennu a matina: li viditi?
Parinu di la morti accompagnati,
vistuti di scuru, li cunfunniti
mmenzu lu scuru di li vaddunati.

A dui a dui suli stanchi e avviliti
ni la muntata spuntanu affannati
ca nun nni ponnu chiù, nun li viditi
parunu di la morti accumpagnati.
Poi s'assettanu 'nterra pi manciari
e ci scula la frunti di sudura
li cani misi 'ntunnu a taliari
magri affanmati, lesti
stannu accura 
si vidinu la manu arriminari 
a lu patruni
e nun fannu c'abbaiari

                                                                                                                                                                                                                                                                                               

VENGONO

E vengono di mattina: li vedete?
Sembra che la morte li accompagni,
vestiti di nero, li confondete 
in mezzo al buio dei valloni.

A due a due, soli stanchi e avviliti
nella salita spuntano affamati
perchè non ne possono più, non li vedete
sembra che la morte li accompagni.
Poi si siedono a terra pewr mangiare
e scola la fronte di sudore
i cani messi intorno a guradare
magri, affamati. svelti
stanno attenti
se vedono la mano muoversi
del padrone
e non fanno altro che abbaiare