POESIE

NUN È LU SCURU 

 

NUVULA 

Lu celu mi squagghia
la terra mi rifigghia.

Nuvula sugnu,
vapuri agghiummaratu

Bùrgiu di fumu
ca muta forma e locu
suggettu a stimpiràrisi
e spiriri.

Tuttu boria,
na lu spaziu scunfinatu,
vilìu pilligrinu
illusu di consistenza.

Ma suggettu
a ‘n-ventu ùrvulu arrèggiu
finu a quannu
na sbruffata
chiù pùtenti
scumponi l’ingannu
e mi funni
cu la pura Virità
di l’aria netta.

E scumpari
ogni lusinga,
ogni apparenza,
ogni pritisa
di forza e risistenza
Fumulizzu,
vapuri di terra e di mari,
nuvula sugnu.

                                                                                                                    

NUVOLA -

I1 cielo mi scioglie
la terra mi rigenera.

Sono nuvola,
vapore aggomitolato.

Covone di fumo
che cambia forma e luogo
soggetto a stempera
scomparire.

Tutto boria,
nello spazio infinito
pellegrino
illuso di essere consistente.

Ma soggetto
ad un vento che soffia alla cieca reggo
finché
una folata
più potente
rivela l’inganno
e mi fonde
con la pura Verità
dell’aria limpida.

E sparisce
ogni lusinga,
ogni apparenza,
ogni pretesa
di forza e resistenza.
Fatto di fumo
vapore di terra e di mare,
sono una nuvola.

                                                                                                                    

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 143 visitatori e nessun utente online