AVANZATO TANO

 

 LAMENTU D'UN SERVU A UN SANTU CRUCIFISSU

Tano Avanzato

 

 



 

LAMENTU DI UN SERVU AD UN
SANTU CRUCIFISSU
(tradizionale) (Malarazza)

Un servu tempu fa ni chista piazza,
accussì priava a Cristu: ci dicia:
Cristu, Cristu, lu me patruni mi strapazza;
mi tratta comu un cane pi la via,
tuttu si piglia cu la so manazza,
mancu lavita mia, dici, che mancu è di mia.
si mi lamentu,
peggiu m’amminazza,
m'incatina e marturia
Cristu
Cristu l'affidu a tia sta malarazza
Tu ti lamenti ma chi ti lamenti
pigghia lu vastuni e tira fora li denti,
Tu ti lamenti ma chi ti lamenti
pigghia lu vastuni e tira fora li denti,
Chi è che l'hai forsi spizzati li vrazza,
oppuri l’hai inchiuvati coma a mmia,
cu voli la giustizia, si la fazza,
nissuni fa giustizia pi tia.

Tu ti lamenti ma chi ti lamenti

èpigghia lu vastuni e tira fora li denti,
Tu ti lamenti ma chi ti lamenti
èpigghia lu vastuni e tira fora li denti.
M'inchiuvaru l'ebrei ni sta cruciazza
e terra e mari disfari putia,
si tu si omu e un si testa pazza
piglia a prufittu sta sintinza mia.
Tu ti lamenti ma chi ti lamenti 
èpigghia lu vastuni e tira fora li denti,
Tu ti lamenti ma chi ti lamenti 
èpigghia lu vastuni e tira fora li denti                                                         
 
LAMENTO DI UN SERVO AD UN
SANTO CROCIFISSO
Un servo, tempo fa, in questa piazza,
così pregava Cristo: gli diceva:
Signore, il mio padrone mi strapazza; (1)
mi tratta come un cane per la strada,
tutto si prende con le sue manacce,
la stessa vita mia, dice, che nemmeno è mia
se mi lamento,
è peggio, mi minaccia,
con ferri e catene mi tiene in prigione;
Cristo,
a te affido questa malarazza.
Tu ti lamenti ma cosa ti lamenti,
prendi il bastone e tira fuori i denti
Tu ti lamenti ma cosa ti lamenti,
prendi il bastone e tira fuori i denti
E tu, forse hai rattrappite le braccia,
oppure le hai inchiodate come me,
chi vuole giustizia se la faccia,
e non sperare che un altro la faccia per te.
Tu ti lamenti ma cosa ti lamenti,
prendi il bastone e tira fuori i denti
Tu ti lamenti ma cosa ti lamenti,
prendi il bastone e tira fuori i denti
Mi hanno inchioodato gli ebrei su questa brutta croce
e terra e mare disfare avrei potuto,
se tu sei uomo e non testa pazza
prendi a profitto quiesta mia sentenza.Tu ti lamenti ma cosa ti lamenti,
prendi il bastone e tira fuori i denti
Tu ti lamenti ma cosa ti lamenti,
prendi il bastone e tira fuori i denti
1) mi fa angherie


In questo antico canto siciliano un servo si rivolge a Cristo, dicendogli di essere maltrattato dal padrone, gli chiede di sterminare questa “malarazza”; Cristo dalla croce gli
risponde che il servo non ha i chiodi alle mani e ai piedi come lui e quindi è libero di farsi giustizia da se.
Il testo di questa canzone sotto il titolo “Nu servu e nu Cristu” fu pubblicato da Lionardo Vigo nel 1857. Le autorità di allora scandalizzate fecero ritirare tutte le copie dell’opera con la causale che la canzone invitava alla violenza. In seguito lo stesso Vigo, per permettere la pubblicazione del suo libro, “Raccolta di canti siciliani” cambiò la risposta di Cristo con un’altra più rassegnata e meno rivoluzionaria e l’opera fu ripubblicata con i seguenti versi: Rispusta di lu Cristu: ”E tu chi ti scurdasti, o testa pazza, / chiddu ch’è scrittu ‘nta la liggi mia? Sempri in guerra sarà l’umana razza / si cu l’offisi l’offisi castija! A cu l’offenni, lu vasa e l’abbrazza / e in Paradisu sidirai ccu mia: m’inchiuvaru l’ebrei ‘nta sta cruciazza: / e Cielu e Terra disfari putia!” Diversi cantanti, tra cui Modugno, e molti gruppi musicali hanno interpretato questa canzone con l’aggiunta: “Tu ti lamenti, ma chi ti lamenti, / pigghia lu vastuni e tira fora li denti”. La risposta di Cristo nella prima versione è veramente rivoluzionaria, lontana dai dettami evangelici di porgere l’altra guancia, mentre nella seconda versione, per motivi di censura, viene annacquata e risulta più accetta ai governanti di allora.
da Canti Siciliani, 1857 Vigo Al n. 3419, 3420
Nicolò La Perna

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LU TRENU DI LU SULI

Tano Avanzato (parole di Ignazio Buttitta)

 

 



LU TRENU DI LU SULI
parole: Ignazio0 Buttitta

Turi Scordu, surfararu, abitanti a Mazzarinu; 

cu lu Trenu di lu suli s’avvintura a lu distinu.
Chi faceva a Mazzarinu si travagghiu nun ci nn’era?
fici sciopiru na vota e lu misiru 'ngalera.
Una tana la sò casa, quattru ossa la mugghieri;
e la fami lu circava cu li carti di l’usceri.
Sette figghi e la muggheri, ottu vucchi ed ottu panzi,
e lu cori un camiuni carricatu di dugghianzi.

Nni lu Belgiu, nveci, ora travagghiava jornu e notti;
a la mogghi ci scriveva: nun manciati favi cotti.
Cu li sordi chi ricivi compra robi e li linzola,
e li scarpi pi li figghi pi putiri jri a scola.
Li mineri di lu Belgiu, li mineri di carbuni:
sunnu niri niri niri, comu sangu di draguni.
Doppu un annu di patiri finalmenti si dicisi:
«Mogghi mia, pigghia la roba, venitinni a stu paisi».
E parteru matri e figghi, salutaru Mazzarinu;
li parenti pi d’appressu ci facevanu fistinu.
Na valiggia di cartuni cu la corda pi traversu;
nni lu pettu lu carusu ca sucava a tempu persu.

La cuvata cu la ciocca quannu fu supra lu trenu,
nun sapeva s’era ncelu... si tuccavà lu tirrenu.
Ogni tantu si firmava pi nfurnari passaggeri:
emigranti, surfarara, figghi, patri e li muggheri.
Patri e matri si prisentanu, li fa amici la svintura:
l’emigranti na famigghia fannu dintra la vittura.
«Lu me nomu? Rosa Scordu». «Lu paisi? Mazzarinu».
«Unni jiti ?». «Unni jiamu? Unni voli lu distinu!».
Quannu vinni la nuttata doppu Villa San Giuvanni
una radiu tascabili addiverti nichi e ranni.

Tutti sentinu la radiu, l’havi nmanu n’emigranti;
li carusi un hannu sonnu, fannu l’occhi granni tanti.
Rosa Scordu ascuta e penza, cu lu sapi chi va a trova...
n’àtra genti e nazioni, una storia tutta nova.
E la radiu tascabili sona musica di ballu;
un discursu di ministru; un minutu d’intervallu.
Dopu detti li nutizii, era quasi menzannotti:
sunnu l’ultimi nutizii li nutizii di la notti.
La radio trasmette: «Ultime notizie della notte.
Una grave sciagura si è verificata in Belgio
nel distretto minerario di Charleroi.
Per cause non ancora note una esplosione ha sconvolto
uno dei livelli della miniera di Marcinelle.
Il numero delle vittime è assai elevato ».
Ci fu un lampu di spaventu chi siccò lu ciatu a tutti;
Rosa Scordu sbarra l’occhi, focu e lacrimi s’agghiutti.
La radio continua a trasmettere: «I primi cadaveri
riportati alla superficie dalle squadre di soccorso
appartengono a nostri connazionali emigrati dalla Sicilia.
Ecco il primo elenco delle vittime. Natale Fatta, di Riesi,
provincia di Caltanissetta, Francesco Tilotta, di Villarosa,
provincia di Enna, Alfio Calabrò, di Agrigento
Salvatore Scordu... ».
Tirriimotu: «Me maritu! me maritu!» grida e cianci,
e li vuci sangu e focu dintra l’occhi comu lanci.
Rosa Scordu, svinturata, nun è fimmina e né matri,
e li figghi sunnu orfani di la matri e di lu patri.
Va lu trenu nni la notti, chi nuttata longa e scura:
non ci fu lu funirali, è na fossa la vittura.
Turi Scordu a la finestra, a lu vitru appiccicatu,
senza occhi, senza vucca: è nu schelitru abbruciatu.
Vinni l ’arba senza lustru, Turi Scordu ddà ristava:
Rosa Scordu lu strinceva, nni li vrazza, e s’abbruciava.
                                                        
 
 
Molti sono gli artisti che si sono cimentati con questa storia di emigranti, tra questi eccellono, Ciccio Buisacca, NOnò Salamone. Questa interpretazione di Tano Avanzato è eccellente.
Il disastro di Marcinelle avvenne la mattina dell'8 agosto 1956 nella miniera di carbone Bois du Cazier di Marcinelle, in Belgio. Si trattò d'un incendio, causato dalla combustione d'olio ad alta pressione innescata da una scintilla elettrica. L'incendio, sviluppatosi inizialmente nel condotto d'entrata d'aria principale, riempì di fumo tutto l'impianto sotterraneo, provocando la morte di 262 persone delle 275 presenti, in gran parte emigranti italiani. L'incidente è il terzo per numero di vittime tra gli italiani all'estero dopo i disastri di Monongah e di Dawson. Il sito Bois du Cazier, oramai dismesso, fa parte dei patrimoni storici dell'UNESCO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TURIDDU CARNIVALI

Tano Avanzato

 

 



TURIDDU CARNIVALI
parole: Ignazio Buttitta

Ancilu era e nun avia ali

nun era santu e miraculi facìa,
'n cielu acchianava senza cordi e scali
e senza appidamenti nni scinnia;
era l'amuri lu so' capitali
e 'sta ricchizza a tutti la spartìa:
Turiddu Carnivali nnuminatu
ca comu Cristu nni muriu ammazzatu.
Di nicu lu patruzzu nun canuscìu,
appi la matri svinturata a latu
campagna a lu duluri e a lu pinìu
ed a lu pani nivuru scuttatu;
Cristu di 'n cielu lu binidicìu
ci dissi: «Figghiu, tu mori ammazzatu,
a Sciara li patruna, armi addannati,
ammazzanu a cu voli libirtati».
Sciara
per qualcuno che non lo sa
è un piccolo paese
della provincia di Palermo
dove
ancora oggi
regna e comanda la mafia
Quindi
Turiddu avia li jorna cuntati,
ma 'ncuntrava la morti e ci ridìa
ca videva li frati cunnannati
sutta li pedi di la tirannia,
li carni di travagghiu macinati
supra lu cippu a farinni tumìa,
e suppurtari nun putìa l'abbusu
di lu baruni e di lu mafiusu.
Turiddu
s'arricugghìu li poviri, amurusu,
li dorminterra, li facci a tridenti,
li manciapicca cu' lu ciatu chiusu:
lu tribunali di li pinitenti;
e fici liga di 'sta carni e pusu
ed arma pi luttari li putenti
nni ddu paisi esiliatu e scuru
unni la storia avia truvatu un muru.
Dissi a lu jurnataru: «Tu si' nudu,
e la terra è vistuta a pompa magna,
tu la zappi e ci sudi comu un mulu
e si' all'additta comu na lasagna,
veni la cota ed a corpu sicuru
lu patroni li beni s'aggranfagna
e tu chi fusti ogni matina all'antu
grapi li manu ed arricogghi chiantu.
Ma fatti curaggiu e nun aviri scantu
ca veni jornu e scinni lu Misia,
lu sucialismu cu' l'ali di mantu
ca porta pani, paci e puisia;
veni si tu lu voi, si tu si' santu,
si si' nnimicu di la tirannia,
s'abbrazzi a chista fidi e a chista scola
ca duna amuri e all'omini cunzola.
Sì,
lu sucialismu cu' la so' parola
pigghia di 'n terra l'omini e l'acchiana,
e scurri comu acqua di cannola
ed unni passa arrifrisca e sana
e dici: ca la carni nun è sola
e mancu è farina ca si scana;
uguali tutti, travagghiu pi tutti,
tu manci pani si lu sudi e scutti».
Dissi a lu jurnateri: «'Ntra li grutti
'ntra li tani durmiti e 'ntra li staddi,
siti comu li surci di cunnutti
ca v'addubbati di fasoli e taddi;
ottùviru vi lassa a labbra asciutti
giugnettu cu' li debiti e li caddi,
di l'alivi n'aviti la ramagghia
e di la spiga la coffa e la pagghia».
Dissi: «La terra è di cu la travagghia,
pigghiati li banneri e li zappuna».
E prima ancora chi spuntassi l'arba
ficiru conchi e scavaru fussuna:
la terra addiventau una tuvagghia,
viva, di carni comu 'na pirsuna;
e sutta lu russiu di li banneri
parsi un giganti ogni jurnateri.
Curreru lesti li carrubbineri
cu' li scupetti 'n manu e li catini.
Turiddu ci gridau: «Fàtivi arreri!
cca latri nun ci nn'è, mancu assassini,
ci sunnu, cani, l'affritti jurnateri
ca mancu sangu ci hannu 'ntra li vini:
siddu circati latruna e briganti,
'n palazzu li truvati, e cu l'amanti!».
Lu marasciallu fici un passu avanti,
dissi: «Chistu la liggi un lu cunsenti».
Turiddu ci rispusi senza scanti:
«Chista è la liggi di li priputenti,
ma c'è na liggi ca nun sbagghia e menti,
ca dici: pani a li panzi vacanti,
robbi a li nudi, acqua a l'assitati,
e a cu travagghia onuri e libirtati!».
Giusto diceva Turiddu Carnivali
anche nella Bibbia
sono scritte queste parole:
«Roba ai nudi! Acqua agli assetati!
A chi lavora onore e libertà!»
Ma la mafia che cosa pensava?
La mafia pinsava a scuppittati;
'sta liggi nun garbava a li patruna,
eranu comu li cani arrabbiati
cu' li denti appizzati a li garruna;
poviri jurnateri sfurtunati
ca l'aviti di supra a muzzicuna!
Turiddu si guardava d'idd'armali
e stava all'erta si vidia sipàli.
'Na sira turnò in casa senza ali
l'occhio luntanu e lu pinseri puru:
«Mancia figghiuzzu miu, cori liali...»;
ma lu guardau e si lu vitti scuru:
«Figghiu, 'stu travagghiari ti fa mali».
e s'appujau 'na manu a lu muru.
«Matri», dissi Turiddu, e la guardau:
«Bonu mi sentu». E la testa calau.
Quella è stata l'ultima volta
che Turiddu è stato minacciato dalla mafia
Dico l'ultima volta
perché
l'avevano minacciato centinaia di volte
Tante volte magari
avevano provato a pigliarlo con le bbone
offrendoci del denaro
«Turiddu stai attento
tu stai facendo una strada sbagliata
ti sei messo contro i padroni
e sai
che chi si mette contro i padroni
può fare una brutta fine
Da un giorno all'altro
ti può succedere
qualche disgrazia»
Turi a queste minacce
rispondeva sempre
con la stessa risposta:
«Sono pronto a morire
per i contadini
Anche io sono un contadino
Ho avuto la fortuna
di leggere qualche libro
e so quello che ce dovete fare ai contadini:
quello che ce spetta
E voi padroni glielo dovete dare».
«Turiddu
stai attento a quello che fai
t'abbiamo avvertito tante volte
stai attento»
Turiddu quella sera
si era ritirato a casa
con quella minaccia
ancora incisa nel cervello
e non appena arrivò a casa
la madre ce fa trovare la menestra pronta
come tutte le sere
Non appena lo vede arrivare
è contenta
«Turiddu
sei arrivato
figlio mio
La menestra è pronta
mangia».
Ma Turi
quella sera
non aveva fame
«Mamma
lascia perdere
Questa sera
ho tante cose
da pensare
Non ho fame»
La madre ha capito
che
Turiddu l'avevano minacciato
ancora una volta.
«Figghiu, cu fui t'amminazzau?
Sugnu to' matri, un m'ammucciari nenti».
«Matri, vinni lu jornu»; e suspirau:
«a Cristu l'ammazzaru e fu 'nnucenti!».
«Figghiu, lu cori miu assincupau,
mi ci chiantasti tri spati puncenti!».
Genti ca siti ccà, faciti vuci:
dda matri si lu vitti mortu 'n cruci.
'Sta volta
i mafiusi
hanno mantenuto la promessa
L'indomani mattina
mentre Turiddu andava a lavorare
nella cava
durante la trazzera
ci hanno sparato due colpi di lupara
in faccia
che l'hanno sfigurato
Non si dimentica mai quella mattina:
sedici maggio
millenovecentocinquantacinque
Sidici maju l'arba 'n cielu luci
e lu casteddu àutu di Sciara
che guardava lu mari chi stralluci
comu n'artaru supra di na vara;
e tra mari e casteddu na gran cruci
si vitti dda matina all'aria chiara,
sutta la cruci un mortu, e cu' l'aceddi
lu chiantu ruttu di li puvureddi.
E come si può dimenticare mai
quel sedici maggio a Sciara?
Dopo un'ora che Turi era partito da casa
la madre se sente bussare alla porta
furiosamente
(la madre ancora era a letto)
Era l'alba
«Francesca!
Donna Francesca!
Signora Francesca, aprite!
Aprite, è successa una disgrazia!
Hanno ammazzato a Turiddu
Hano ammazzato a vostro figghiu Turiddu
ci hanno sparato due colpi di lupara in faccia
che l'hanno sfigurato
L'hanno ammazzato
a Turiddu,
l'hanno ammazzato!»
Dirlo così
è facile
Ma lo pensate
per quella povera madre
che aveva soltanto quel figlio al mondo
come si veste in fretta e in furia
e incomincia a girare
per tutte le strade del paese
gridando
invocando i poveri a seguirla
per andare a piangere
sul cadavere di suo figlio.
Gridava: «Figghiu!» pi strati e vaneddi
la strangusciata matri chi curria
versu lu mortu a stramazzamareddi,
a fasciu di sarmenti, chi camìa
dintra lu furnu e ventu a li purteddi:
«Curriti tutti a chianciri cu mia!
Puvireddi, nisciti di li tani,
morsi ammazzatu pi lu vostru pani!».
Sono arrivati
i poveri
dove c'era il cadavere di Turiddu
ma
nessuno poteva passare
Nessuno poteva guardare Turiddu
per l'ultema volta
Turiddu
era circondato di carrabbineri
La madre
si inginocchia di fronte ai carrabbineri
«Carrubbineri, mi si' cristianu...
- Nun mi tuccari, levati di ddocu,
nun vidi ca su' torci li me manu
e addumu comu pruvuli a lu focu;
chiddu è me figghiu, vattinni luntanu
quantu lu chianciu e lu duluri sfogu,
quantu ci sciogghiu dda palumma bianca
c'havi dintra lu pettu a manu manca.
Carrubbineri, mi si' cristianu,
nun vidi ca ci cula sangu finu?
Fammi 'ncugnari ca ci levu chianu
dda petra ch'havi misa ppi cuscinu,
sutta la facci ci mettu li me manu
supra lu pettu 'stu cori vicinu
e cu' lu chiantu li piaghi ci sanu
primu c'agghiorna dumani matinu.
Prima c'agghiorna trovu l'assassinu
e ci scippu lu cori cu' 'sti manu,
lu portu strascinannu a lu parrinu:
e ci dicu: sunati, sacristanu!
Me figghiu avia lu sangu d'oru finu
e chistu di pisciazza di pantanu,
chiamaticci na tigri ppi bicchinu
la fossa ci la scavu cu' 'sti manu.
Figghiu, chi dicu, la testa mi sguazza,
ah, si nun fussi ppi la fidi mia,
la sucialismu chi grapi li vrazza
e mi duna la spranza e la valìa;
mi lu 'nzignasti e mi tinevi 'n brazza
ed iu supra li manu ti chiancia,
tu m'asciucavi cu lu muccaturi
iu mi sinteva moriri d'amuri.
Tu mi parravi comu un confissuri
iu ti parrava comu pinitenti,
ora disfatta pi tantu duluri
ci dugnu vuci a li cumannamenti:
vogghiu muriri cu' 'stu stissu amuri
vogghiu muriri cu' 'sti sintimenti.
Figghiu, ti l'arrubbau la bannera:
matri ti sugnu e cumpagna sincera!
SALVATORE CARNEVALE


Angelo era e non aveva ali

non era santo e miracoli faceva
saliva in cielo senza corde e scale
e senza sostenersi ne scendeva;
era l'amore il uso capitale,
questa ricchezza con tutti la spartiva:
Turiddu Carnevale nominato
che come Cristo morì ammazzato.
Da piccolo il padre non conobbe
ebbe la madre sventurata al fianco
compagna nel dolore e nelle pene
del pane nero a fatica sudato;
Cristo benedicendolo gli disse:
«Tu, figlio mio, morirai ammazzato;
i padroni di Sciara, quei dannati,
ammazzano chi vuole libertà».
Sciara
per qualcuno che non lo sa
è un piccolo paese
della provincia di Palermo
dove
ancora oggi
regna e comanda la mafia
Quindi
Turiddu aveva i giorni contati,
ma incontrando la morte ne rideva,
ché vedeva i fratelli condannati
sotto i piedi della tirannia,
le carni dal lavoro macinate
poste sul ceppo a farne tortura,
e sopportare non poteva l'abuso
né del barone, né del mafioso.
Turiddu
i poveri radunò con tanto amore,
i dorminterra, le facce a tridente,
i mangiapoco con il fiato chiuso:
il tribunale dei penitenti;
di questa carne fece lega e polso
ed arma per combattere i padroni
di quel paese esiliato e oscuro
dove la storia aveva trovato un muro.
Disse al giornaliero: «Tu sei nudo
e la terra è vestita in pompa magna
tu la zappi sudando come un mulo
e stai all'impiedi secco, una lasagna;
viene raccolto e a colpo sicuro
il padrone il prodotto arraffa
e tu che fosti sempre sulla terra
apri le mani e ci raccogli pianto.
Fatti coraggio, tremare non devi,
verrà il giorno che scende il Messia,
il socialismo con il manto d'ali
che porta pace pane e poesia;
vieni se tu lo vuoi, se tu sei santo,
se sei nemico della tirannia,
se abbracci questa fede e questa scuola
che amore dona e gli uomini consola.
Sì,
il socialismo con la sua parola
prende da terra gli uomini e li innalza
e scorre come acqua di fontana
e dove arriva rinfresca e sana
e dice che la carne non è cuoio
e neppure farina da impastare:
tutti uguali, lavoro per tutti,
tu mangi pane se lavori e sudi».
Disse ai giornalieri: «Nelle grotte,
nelle tane dormite e nelle stalle
siete come i topi delle fogne
vi saziate di fagioli e torsoli;
ottobre vi lascia a labbra asciutte
e giugno con i debiti ed i calli
dell'ulive ne avete le ramaglie
e delle spighe la stoppia e la paglia».
Disse: «La terra è di chi lavora,
prendete le bandiere e gli zapponi!»:
e prima ancora che spuntasse l'alba
fecero conche e scavarono fossi:
la terra sembrò tavola imbandita,
viva, di carne come una persona;
e sotto il rosso di quelle bandiere
parve un gigante ogni giornaliero.
Di corsa vennero i carabinieri
con le catene ed i fucili in mano
Gridò Turiddu: «Fatevi indietro!
Qui non ci sono ladri né assassini,
ci sono, cani, gli afflitti giornalieri
che non hanno più sangue nelle vene:
se voi cercate ladroni e briganti
li trovate nei palazzi, con le amanti».
Il maresciallo fece un passo avanti,
disse: «La legge ciò non vi consente».
Turiddu gli rispose fieramente:
«La vostra legge è quella dei prepotenti,
ma c'è una legge che non sbaglia e mente
e dice: pane per le pance vuote,
vestiti agli ignudi, acqua agli assetati
e a chi lavora onore e libertà».
Giusto diceva Turiddu Carnivali
anche nella Bibbia
sono scritte queste parole:
«Roba ai nudi! Acqua agli assetati!
A chi lavora onore e libertà!»
Ma la mafia che cosa pensava?
La mafia ragionava a fucilate;
questa legge ai padroni non garbava,
erano come cani arrabbiati
coi denti conficcati nei garretti.
Poveri giornalieri sfortunati
che addosso li tenete a morsicarvi!
Turiddu conosceva quelle bestie
e stava all'erta se vedeva siepi.
Tornò una sera in casa senza ali
gli occhi lontani ed il pensiero pure:
«Mangia, figliolo mio, cuore leale...»;
Ma più lo guarda, più lo vede scuro:
«Figlio questo lavoro ti fa male»,
e con la mano s'appoggiava al muro.
«Madre», disse Turiddu e la guardò:
«Mi sento bene». E la testa chinò.
Quella è stata l'ultima volta
che Turiddu è stato minacciato dalla mafia
Dico l'ultima volta
perché
l'avevano minacciato centinaia di volte
Tante volte magari
avevano provato a pigliarlo con le buone
offrendoci del denaro
«Turiddu stai attento
tu stai facendo una strada sbagliata
ti sei messo contro i padroni
e sai
che chi si mette contro i padroni
può fare una brutta fine
Da un giorno all'altro
ti può succedere
qualche disgrazia»
Turi a queste minacce
rispondeva sempre
con la stessa risposta:
«Sono pronto a morire
per i contadini
Anche io sono un contadino
Ho avuto la fortuna
di leggere qualche libro
e so quello che ce dovete fare ai contadini:
quello che ce spetta
E voi padroni glielo dovete dare».
«Turiddu
stai attento a quello che fai
t'abbiamo avvertito tante volte
stai attento»
Turiddu quella sera
si era ritirato a casa
con quella minaccia
ancora incisa nel cervello
e non appena arrivò a casa
la madre ce fa trovare la minestra pronta
come tutte le sere
Non appena lo vede arrivare
è contenta
«Turiddu
sei arrivato
figlio mio
La minestra è pronta
mangia».
Ma Turi
quella sera
non aveva fame
«Mamma
lascia perdere
Questa sera
ho tante cose
da pensare
Non ho fame»
La madre ha capito
che
Turiddu l'avevano minacciato
ancora una volta.
«Figlio, tu sei stato minacciato;
sono tua madre, non avere segreti!»
«Madre, il mio giorno è giunto»; e sospirando
«Cristo fu ammazzato e fu innocente!»
«Figlio, il cuore mio si è fermato:
tu ci piantasti tre spade pungenti!»
Gente che siete qui, gridate forte:
la madre vide il figlio morto in croce.
'Sta volta
i mafiosi
hanno mantenuto la promessa
L'indomani mattina
mentre Turiddu andava a lavorare
nella cava
durante la trazzera
gli hanno sparato due colpi di lupara
in faccia
che l'hanno sfigurato
Non si dimentica mai quella mattina:
sedici maggio
millenovecentocinquantacinque
Sedici maggio. l'alba in cielo splende,
e il castello alto sopra Sciara
di fronte al mare rilucente
come un altare sopra di una bara;
e tra mare e castello quel mattino
una croce si vide all'aria chiara
sotto la croce un morto, e con gli uccelli
il piangere dei poveri a dirotto.
E come si può dimenticare mai
quel sedici maggio a Sciara?
Dopo un'ora che Turi era partito da casa
la madre si sente bussare alla porta
furiosamente
(la madre ancora era a letto)
Era l'alba
«Francesca!
Donna Francesca!
Signora Francesca, aprite!
Aprite, è successa una disgrazia!
Hanno ammazzato Turiddu
Hano ammazzato vostro figghiu Turiddu
gli hanno sparato due colpi di lupara in faccia
che l'hanno sfigurato
L'hanno ammazzato
Turiddu,
l'hanno ammazzato!»
Dirlo così
è facile
Ma lo pensate
per quella povera madre
che aveva soltanto quel figlio al mondo
come si veste in fretta e in furia
e incomincia a girare
per tutte le strade del paese
gridando
invocando i poveri a seguirla
per andare a piangere
sul cadavere di suo figlio.
Gridava: «Figlio!» per strade e vicoli
la madre angosciata che correva
verso il morto a vorticoso turbine
a fascio di sarmenti che brucia
dentro il forno col vento agli sportelli:
«Correte tutti a piangere con me!
Poveri, uscite dalle vostre tane,
morì ammazzato per il vostro pane!».
Sono arrivati
i poveri
dove c'era il cadavere di Turiddu
ma
nessuno poteva passare
Nessuno poteva guardare Turiddu
per l'ultima volta
Turiddu
era circondato di carabinieri
La madre
si inginocchia di fronte ai carabinieri
«Carabiniere, se sei un cristiano...
non mi toccare, scostati di qui,
non vedi che son torce le mie mani
e accendo come polvere nel fuoco;
questo è mio figlio, vattene lontano,
lascia che il pianto ed il dolore sfoghi,
lascia che sciolga la colomba bianca
che tiene in petto nella parte manca.
Carabiniere, se sei cristiano
non vedi che sta perdendo il suo sangue fino
fammi accostare che gli levo piano
quella pietra che tiene per cuscino,
sotto la faccia gli metto le mani
sopra il suo petto il mio cuore vicino
e con il pianto le sue ferite sano
prima che faccia giorno domattina.
Prima che faccia giorno l'assassino
trovo e il cuore gli strappo con le mani
lo porto trascinandolo innanzi al prete:
suonate le campane, sagrestano!
Mio figlio aveva il sangue d'oro fino
e questo l'ha d'orina di pantano
chiamategli una tigre per becchino
la fossa gliela scavo con le mani!
Figlio, che dico? La testa mi si confonde;
oh, se non fosse per la fede mia!
Il socialismo che apre le braccia
e che mi dà speranza e coraggio;
me lo insegnasti e mi tenevi in braccio
ed io sopra le mani ti piangevo
tu mi asciugasti con il fazzoletto
io mi sentivo morire d'amore.
Tu mi parlavi some un confessore
io ti parlavo come penitente
ora disfatta per tanto dolore
la voce do a quei comandamenti:
voglio morire del tuo stesso amore
voglio morire con questi sentimenti.
Figlio, te l'ho rubata la bandiera:


Salvatore Carnevale (detto Turiddu) era nato a Galati Mamertino, in provincia di Messina, il 25 settembre 1925, da Giacomo Carnevale e Francesca Serio. A Sciara si trasferì ancora piccolissimo con la madre, che si era separata dal marito.
Nel 1951, insieme ad un gruppo di contadini, aveva fondato la sezione socialista e la Camera del lavoro di Sciara. E subito cominciò a battersi per l’applicazione della riforma agraria e la divisione dei prodotti della terra a 60 e 40 (60% al contadino e 40% al padrone). Una cosa inaudita per i gabelloti e i campieri della principessa Notarbartolo, che fino ad allora erano riusciti a tenere fuori Sciara dalle ondate di lotte contadine della Sicilia centro-occidentale.
«A Carnevale fu subito offerto da un amministratore del feudo, se avesse abbandonato la lotta, tutte le olive che egli avrebbe voluto», raccontò Carlo Levi nel libro «Le parole sono pietre». Ma il giovane rifiutò sdegnosamente e costrinse la controparte a firmare un primo accordo favorevole ai contadini.
Sull’onda del successo, ad ottobre organizzò l’occupazione simbolica del feudo della principessa, ma fu arrestato insieme a tre suoi compagni. Scarcerato dopo 10 giorni, ma rinviato a giudizio, dovette aspettare l’estate del 1954 per essere assolto.
Nel frattempo il movimento contadino era cresciuto, fino ad ottenere «due decreti di scorporo delle terre del feudo eccedenti i 200 ettari: il primo del 21 luglio 1952, l’altro il 16 marzo 1954», scrive Pippo Oddo nel libro pubblicato in questi giorni «Tra il feudo e la cava.
Salvatore Carnevale e la barbarie mafiosa».
Ma, ai primi di agosto del 1952, in fretta e furia, il sindacalista fu costretto ad andar via da Sciara, senza dare spiegazioni, per "rifugiarsi" a Montevarchi, in provincia di Arezzo. Perché questa "fuga" improvvisa? «Per andare a lavorare», sostenne
l’avvocato Francesco Taormina al processo.
Ma Pippo Oddo non crede a questa tesi. Sostiene, invece, che Carnevale fu costretto a lasciare il suo paese per sfuggire alla mafia di Caccamo, che il 7 agosto 1952, aveva ucciso a colpi d’accetta un suo amico, il militante comunista Filippo Intile.
Turiddu, però, tornò a Sciara il 14 agosto 1954, appena gli arrivò la notizia che il processo a suo carico si era concluso con l’assoluzione, facendo pensare che se n’era allontanato perché temeva una dura condanna.
Una volta in paese, diede impulso a nuove lotte per chiedere l’accelerazione delle procedure di assegnazione della terra ai contadini (dei 704 ettari scorporati, infatti, ne erano stati assegnati appena 202), occupando nuovamente il feudo
Notarbartolo. Ancora una volta fu minacciato dai mafiosi, denunciato dalle autorità e condannato a due mesi di carcere con la sospensione condizionale della pena. Rimasto disoccupato, nel febbraio 1955 cominciò a lavorare nel cantiere edile della ditta Di Blasi. Dopo due mesi, però, rimase
nuovamente senza lavoro. Ma, inaspettatamente, gli fu offerto un posto nella cava Lambertini. Carnevale accettò e il 29 aprile 1955 cominciò a lavorare. Ma anche qui continuò la sua attività sindacale, organizzando gli operai per rivendicare il diritto alle otto ore lavorative. La sera del 10 o dell’11 maggio, un emissario della mafia gli disse: «Lascia stare tutto e avrai di che vivere senza lavorare. Non ti illudere, perché se insisti, finisci per riempire una fossa». «Se ammazzano me, ammazzano Cristo!», rispose Carnevale, che, a scanso d’equivoci, il 12 maggio proclamò lo sciopero dei cavatori per il rispetto del-
l’orario di lavoro e il pagamento del salario di aprile. All’iniziativa aderirono 30 dei 62 operai: un successo. Allora piombarono alla cava il maresciallo dei carabinieri Dante Pierangeli e il mafioso Nino Mangiafridda. «Tu sei il veleno dei lavoratori!», gli disse il maresciallo. E il mafioso: «Picca nn’hai di sta malantrinaria!». Quattro giorni dopo Turiddu sarebbe stato assassinato.
Il sindacalista aveva 30 anni quando fu ucciso. Il suo caso ispirò «Le parole sono pietre» di Carlo Levi e «Lamentu pi la morti di Turiddu Carnivali» di Ignazio Buttitta
Cinquant’anni fa a Sciara l’uccisione del giovane che difendeva i diritti dei contadini
Il sogno premonitore di mamma Francesca: «Figlio mio, occhi aperti alla cava...»
L’assassinio di Carnevale ebbe una vastissima eco in tutta Italia. Il primo dirigente politico a correre a Sciara fu il senatore Sandro Pertini, futuro Presidente della Repubblica. Da allora Pertini sarebbe sempre rimasto a fianco di mamma Francesca, tanto che si è detto (anche se non è vero) che fu uno dei legali di parte civile, in contrapposizione a Giovanni Leone, anch’egli futuro Presidente della Repubblica, che assunse la difesa (ma solo in cassazione) degli assassini.
A Sciara arrivarono anche giornalisti di tutte le testate regionali e nazionali, Emanuele Macaluso ed altri dirigenti della Cgil, del Psi e del Pci. I funerali, anche se il prete si rifiutò di benedirne la salma, furono imponenti e solenni. «Per questa bandiera mio figlio è morto, con questa bandiera deve andarsene via», disse mamma Carnevale, avvolgendo con la bandiera rossa socialista la bara di Turiddu.
Otto giorni dopo l’assassinio, a Sciara si svolse un’altra grande manifestazione, conclusa da Sandro Pertini.
Nell’occasione, fu inaugurata una lapide sul luogo del delitto, con questa scritta: «Qui nel luogo del lavoro e della lotta tra il feudo e la cava, all’alba del 16 maggio 1955, Salvatore Carnevale fu barbaramente assassinato. I compagni e il popolo posero nell’ottavo giorno del suo sacrificio come impegno di più fiera battaglia per la giustizia, per la liberazione della Sicilia».






 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PARRU CU TIA

Tano Avanzato (parole di Ignazio Buttitta)

 

 



PARRU CU TIA
Ignazio Buttitta 1954
Parru cu tia,
to è la curpa;
cu tia, mmenzu sta fudda
chi fai l'indifferenti
ntra na fumata e n'autra di pipa
chi pari ciminera
sutta di sta pampera
di la coppula vecchia e cinnirusa.
Parru cu tia,
to è la curpa..
Guardatilu chi facci!
La purpa supra l'ossa un àvi tracci
ci la sucau lu vermi di la fami;
e la mammana
ci addutau ddu jornu
chi lu scippò di mmenzu a li muddami:
pani e cipudda.
Parru cu tia,
to è la curpa
si porti lu sidduni
e un ti lamenti;
si lu patruni, strincennu li denti
cu lu marruggiu mmanu e la capizza
t’arrimodda li corna e ti l'aggrizza,
ti smancia li garruna,
ti cafudda ntra li cianchi purpittuna,
t’ammacca ossa e spaddi,
ti sfricunia li caddi,
ti scorcia li custani,
ti spurpa comu un cani,
e supra la to carogna
ci sputa e ti svirgogna.
Parru cu tia,
to è la curpa.
Ti dici lu parrinu:
(li beni di lu munnu
su fàusi
e murtali
ca ddà supra tutti scàusi
arrivamu
e tutti aguali);
e tu ci cridi
e cali la tistazza
cornu na pecura pazza,
e nun t'adduni
ca sutta lu rubbuni
c'è un utru pi panzuni
e la saurra
nfoca lu iocu di la murra;
e tu ci cridi e ti scordi
dda tana e ddu pirtusu
unni sdivachi l'ossa;
e li to figghi ntra dda fossa
cu li panzi vacanti
e li vrazzudda ah'aria,
cu li panzi vacanti
e li vrazzudda ah'aria,
giarni comu malaria,
sicchi e sucati
com'umbri mpiccicati
a lu muru,
schèlitri e peddi di tammuru;
ca si disianu farfalli
pi essiri vistuti,
agneddi pi sèntiri càvudu:
e gatti e cani pi spurpari ossa.
Parru cu tia,
to è la curpa
si la to casa pari un barraccuni
di zingari sfardati:
la scupa ntra n'agnuni
e scorci di patati,
lu cufularu cìnniri,
di crita la pignata:
e to muggheri
l'ossa di pècura spurpata;
li matarazza chini
di crinu di zabbara
e matri patri e figghi
tutti ntra na quadara;
lu sceccu a vista d'occhi,
chi Piscia e fa scurnazza
gialla, ca la ristuccia
ntra li vudedda sguazza;
fradicia appizzata
a pignu ntra l'arcova,
una cucuzza pàpara
ca prerni russu d'ova;
e la farni chiantata
all'antu di la porta
cu li granfazzi aperti
e la vuccazza torta.
Sfarda sta carnrnisazza arripizzata,
tìncila e fanni un pezzu di bannera,
trasi dintra li casi puvireddi,
scinni nni li carusi carzarati,
sduna pi li stratuna e li trazzeri,
chiama picciotti e vecchi jurnateri,
cerca dintra li fùnnachi e li grutti,
l’ominí persi, abbannunati e rutti,
grìdacci cu la vuci d'un liuni:
«genti, vinni lu jornu a li diuni!»
Sfarda sta caminisazza arripizzata,
tìncila e fanri un pezzu di bannera
russa comu la tònaca di Cristu,
pi torcia lu to vrazzu e lu to pusu:
unniala a li venti a pugnu chiusu:
russa era la tònaca di Cristu!
                                                        
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I PIRATI A PALERMU

Tano Avanzato (parole di Ignazio Buttitta)

 

 



I PIRATI A PALERMU
(Ignazio Buttitta)
Arrivaru li navi
tanti navi a Palermu,
li pirati sbarcaru
cu li facci di ‘nfernu.
N’arrubbaru lu suli, lu suli,
arristammu allu scuru, chi scuru,
Sicilia… chianci.
Tuttu l’oru all’aranci
li pirati arrubbaru
li campagni spugghiati
cu la neggia lassaru.
N’arrubbaru lu suli, lu suli,
arristammu allu scuru, chi scuru,
Sicilia… chianci.
Li culura a lu mari
arrubbaru chi dannu!
su ‘mpazzuti li pisci
chi lamentu chi fannu.
N’arrubbaru lu suli, lu suli,
arristammu allu scuru, chi scuru,
Sicilia… chianci.
A li fimmini nostri
ci scipparu di l’occhi
la lustrura e lu focu
c’addumava li specchi.
N’arrubbaru lu suli, lu suli,
arristammu allu scuru, chi scuru,
Sicilia… chianci.
I PIRATI A PALERMO

Sono arrivate le navi
tante navi a Palermo,
i pirati son sbarcati
con le facce d'inferno.
Ci hanno rubato il sole, il sole,
siamo rimasti al buio, che buio,
oh, Sicilia… piangi.
Tutto l'oro alle arance
han rubato i pirati,
le campagne spoglie
nella nebbia han lasciato
Ci han rubato il sole, il sole,
siam rimasti al buio, che buio,
oh, Sicilia… piangi.
I colori del mare
ci hanno rubato, che danno!
i pesci sono impazziti
che lamento che fanno.
Ci han rubato il sole, il sole,
siam rimasti al buio, che buio,
oh, Sicilia… piangi.
Alle nostre donne
han strappato dagli occhi
lo splendore ed il fuoco
che illuminava gli specchi.
Ci han rubato il sole, il sole,
siam rimasti al buio, che buio,
oh, Sicilia… piangi.


E' la canzone che più delle altre dimostra il perfetto binomio tra Rosa e
Buttitta, non solo erano amici fraterni, dividevano insieme ad altri amici ad
Aspra spesso le serate davanti ad una tavola imbandita con olive, sarde salate,
pane siciliano e vino locale, ma condividevano l‟amore per la Sicilia, lo sdegno
per lo sfruttamento del lavoratore, il richiamo ad una giustizia sociale vera, la
conservazione della cultura siciliana, il canto per le bellezze della terra di
Sicilia: il mare con i suoi colori, il cielo azzurro, il sole cocente e forte. Tutto i
pirati hanno rubato, non resta che piangere, Sicilia piangi.
Il verso è settenario con accenti sulla sillaba 3/6.
Nicolò La Perna
 






 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 65 visitatori e nessun utente online