ZARCONE ANTONIO

 

U SURFARARU

 

 

 


 

 {

 

 

Cu st’arti ‘nfami di lu surfararu
Sira e matina camin’a lu scuru;
Sira e matina camin’a lu scuru
E di la vita so mancu è sicuru.
Veni lu lunidi e cal’a pirrera,
Cchiù di mezz’ura a scinniri dda scala;
Arriva cu caluri e cu manera
Lu bucu caccia, lu percia e lu spara.


E cu lu scuru vaju e cu lu scuru vegnu;
E cu lu scuru fazzu la jurnata,
E cu lu scuru fazzu la jurnata
Sempri a lu lustru di ‘n’acitalena.

E cu lu scuru vaju
Po’ veni la duminica da giusta
E si nni vannu dintra la taverna:
- Mittissi vinu! Tri cannati. Basta! –
Lu tempu passa e nni svarìa la testa.
E cu lu scuru vaju e cu lu scuru vegnu;
E cu lu scuru fazzu la jurnata,
E cu lu scuru fazzu la jurnata
Sempri a lu lustru di ‘n’acitalena.

Sempri a lu lustru di ‘n’acitalena.

 

 

 

 

Con quest'arte infame del sorfataro
sera e mattina cammina al buio
sera e mattina cammina al buio
e della sua vita nemmeno è sicuro. 

Viene il lunedì e scende nella miniera
più di mezz'ora per scendere la scala
Arriva accaldato e con maniera
il buco fa nella roccia, lo percia e lo spara.

 

Rit. E con iul buio vado e con il buio ritorno,
e in mezzo al buio trascorro la giornata,
e in mezzo al buio trascorro la giornata
sempre alla luce della lucerna ad acetilene

 

E con iul buio vado e con il buio ritorno,
e in mezzo al buio trascorro la giornata,
e in mezzo al buio trascorro la giornata
sempre alla luce della lucerna ad acetilene,

 

Poi viene la domenica, giornata di riposo,
e se ne vanno dentro la taverna
"Metta vino" "Tre cannate, Basta
Il tempo passa e si ci svaga la mente.

 

 

 


 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<
 
 

 

ZARCONE ANTONIO

 


 

U SURFARARU

 

ROSA ROSA (dedicata a Rosa Balistreri)

 

AFFACCIA A LA FINESTRA

       

Antonio Zarcone, folksinger da anni sim occupa di recupero e riproposta della tradizione popolare siciliana
Negli anni '70 conosce Rosa Balistreri e con lei instaura una intensa collaborazione artistica c
ome musicista alla chitarra per circa due anni 
in tutti gli spettacoli in varie èpiazze della Sicilia iniseme al poeta Ighnazio Buttitta.
Ha partecipato a vari eventi in commemorazione e onore di Rosa Balistreri esibendosi con sue canzoni ed ottenendo un grande successo di pubblico  e di consensi dalla stampa.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<
 
 

 

AFFACCIA A STA FINESTRA

 


 

 {

 


 

AFACCIA A STA FINESTRA

Affaccia a sta finestra un t'ammucciari
che l'omini e li donni fa muriri
sti capidduzzi tò nun l'ammucciari
davanti l'occhi lassali pinniri.
Veni lu ventu e li fa spampinari
megghiu di l'oru li fa straluciri,
bedda ca 'nda lu specchiu t'ha guardari,
pensa a li peni chi li fa patiri.

Amuri, amuri mannami un salutu,
nun mi fari stu cori  piniari
quannu cianciari o jornu mi tramutu
sintennu lu to nomu muntuari.
S'avissi l'ali a volu avia vimutu
s'avissi navi passaria lu mari
La 'mmidia la vinciti e cunfunniti
biniditta chidda terra chi pistati.

AFFACCIA A QUESTA FINESTRA

Affaccia a questa finestra, non ti nascondere
perchè gli uomini e le donne fai morire,
questi capelli tuoi non li nascondere
davanti agli occhi lasciali pendere.
Viene il vento e li fa muovere
meglio dell'oro li fa stralucire
bella, che nello specchio devi guardarti,
pensa alle pene che tu fai patire

Amore, amore, mandami un saluto,
non mi fare questo cuore penare,
quando ti sento piangere di giorno, mi tramuto,
sentendo il tuo nome nominare.
Se avessi le ali a volo sarei venuto
se avessi nave passerei il mare.
L'invidia vincete e confondete
benedetta quella terra che pestate.

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<
 
 

 

ROSA ROSA 

 


 

 {

 


 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<
 
 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 60 visitatori e nessun utente online