LI CAUSI FRANCO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FRANCO LI CAUSI

 

A LA NICUSIANA (AUDIO)

 

A LA NICUSIANA 
modo di cantare delle contadine di Nicosia

Ora ch'è 'n festa la chiana e lu mari
e 'ntra li spichi lu frummentu 'ngrana,
dintra 'sta massaria amu a cantari
canzuni a stagghiu (1) a la "nicusiana".

Saridda è tantu vucitara e pazza
c'ammatula s'ammela la vuccuzza:
non pò canciari, mancu si s'ammazza!
falla comu la voi... sempri è cucuzza

Ccu 'ss'occhi beddi toi lu suli astuti,
ccu 'ss'occhi spataioli e ammavarati...
Quannu mi guardi ccu 'ss'occhi pizzuti
mi sentu ccu li causi strazzati

Cci haju 'na zita ca si chiama Nedda
bedda di facci ma senza midudda.
Cci addimannai 'n vasuni, ma 'sta bedda
mi dissi: "No,pirchì mangiai cipudda"

Cchiù ti taliu e cchiù addiventu siccu!
mi sentu ccu la testa dintra 'n saccu!
Ppi jiri appressu a tia persi lu sceccu 
e ora ...a cui diavulu cravarcu?

ALLA DONNA DI NICOSIA

 

Ora che è in festa la pianura e il mare
e fra le spighe il frumento fa la grana,
dentro questa masseria dobbiamo cantare
canzoni a "stagghiu a la nicusiana " (1)

Saretta è tanto sguaiata e pazza
che è inutile che si riempie la bocca di miele
non può cambiare neanche se si ammazza!
falla come vuoi...sempre è cocuzza 

Con quegli occhi belli il sole spegni,
con quegli occhi ladri che incantano.
Quando mi guardi con quegli occhi pungenti
mi sento con i pantaloni strappati.

Ho una fidanzata che si chiama Nella
bella di faccia ma senza cervello
Le ho chiesto un bacio, ma questa bella
mi ha detto "No, perchè ho mangiato cipolla"

Più ti guardo e più divento magro!
mi sento con la testa dentro un sacco!
Per andare appresso a te ho perso l'asino
e ora...a chi diavolo cavalco?

 

 

 

 

 

 

FRANCO LI CAUSI

 

COMU SI LI CUGGHIERU LI BEDDI PIRA 

 

COMU SI LI CUGGHIERU LI BEDDI PIRA 

tradizionale

Comu si li cugghieru li beddi pira 
tirò, tirò, tiròllalla ... 
e comu ci acchianaru senza scala 
tirò, tiròllalla 
a lu cchianari appiru la furtuna 
tirò, tirò, tiròllalla ... 
a lu scinniri si stuccau na rama 
tirò, tiròllalla 

e nun mi marito no 
e nun mi maritu no 
e nun mi maritu noooo 
schettu mi staiu tirollallalò 
e cu doti e senza rota 
e cu doti e senza rota 
e cu doti e senza rotaaaaa 
schettu mi staiu e tirollallalà 

Pi ghiri appressu a tia pessi lu sceccu 
tirò, tirò, tiròllalla ... 
ora mi sentu la testa intra an'saccu 
tirò, tiròllalla 
nun cianciu li pumiddi e li cirasi 
tirò, tirò, tiròllalla ... 
cianciu la cunfirenza ca ti resi 
tirò, tiròllalla 

e nun mi marito no 
e nun mi maritu no 
e nun mi maritu noooo 
schettu mi staiu tirollallalò 
e cu doti e senza rota 
e cu doti e senza rota 
e cu doti e senza rotaaaaa 
schettu mi staiu e tirollallalà

 

 

 

 

 

 

FRANCO LI CAUSI

 

E LA LUNA 'NMEZZU O MARI (AUDIO)

 

C'è la luna 'mezzu o mari
(Popolare)

C'è la luna 'mezzu o mari
mamma mia ma' maritari
-figghia mia a ccu t'ha dari ?
-mamma mia pensici tu

Si ti dugnu a lu varveri
iddu va, iddu veni
e u rasolu 'manu teni
teni, teni, teni
se ci pigghia la fantasia
rasulia la figghia mia

oh! mammà mi vogghio marità
oh! mammà mi vogghiu marità
oh! mammà mi vogghiu marità
-figghia mia a ccu t'ha dari
-mamma mia pensici tu

si ti dugnu o carritteri
iddu va iddu veni
sempri u sceccu 'manu teni
teni, teni, teni
si ci pigghia la fantasia
spaia u sceccu e pigghia a tia

oh! mammà mi vogghio marità
oh! mammà mi vogghiu marità
oh! mammà mi vogghiu marità
-figghia mia a ccu t'ha dari
-mamma mia pensici tu

Si ti dugnu o macillaiu
iddu va, iddu veni
e a sasizza 'manu teni
teni, teni, teni,
se ci pigghia la fantasia
ccu ddu caddozza ti sazzia

oh! mammà mi vogghio marità
oh! mammà mi vogghiu marità
oh! mammà mi vogghiu marità
-figghia mia a ccu t'ha dari
-mamma mia pensici tu

 

 

 

 

 

 

FRANCO LI CAUSI

 

A VIRRINEDDA

 

 

A VIRRINEDDA
(tradizionale)

Accattari vurria na virrinedda
di notte la to porta spirtusari
vidiri gioia mia quantu sì bedda
quannu ti spogli prima di curcari!
E temu ca tu fussi cussi bedda
ca l'occhi nun m'avissiru a nurvari
lassa la porta misa a spaccazzedda
ca iu stanotti ti vegnu a truvari.

E na varcuzza banneri banneri
sta dia d'ammuri ni vinni a purtari
ridìanu tutti li cilesti speri
trimavanu li specchi di lu mari.
Binidittu lu Diu chi ti manteni
ca cussi bedda ti vosi furmari!
Spampinanu li sciuri unni ca veni
l'ariu tribulatu fa sirinari.

Avia li trizzi di na Mantalena
‘ntesta si miritava na curuna
‘nni la to casa nun ci sta lumera
lu lustru lu fai tu, stidda Diana.
Catina ca mi teni ‘ncatinatu
catina chi ‘ncatini l’arma mia
beni ti vogliu cchiù di lu me ciatu
accussì criu ca vo beni a mia

 

LA VERRINA (1)


Vorrei comprare una verrina 
e di notte bucare la tua porta
per vedere gioia mia quanto sei bella
quando ti spogli prima di coricarti.
E temo che tu possa essere così bella
che gli occhi mi potrebbero accecare
lascia la porta un po’ aperta
che questa notte ti vengo a trovare.

E una barchetta con tante bandiere
questa dea d'amore venne a portare
ridevano tutte le celesti sfere
tremavano tutti gli specchi del mare.
Benedetto Dio che ti mantiene
e che così bella volle formarti!
dove tu vai fioriscono i fiori
l'aria tempestosa fai rasserenare.
Aveva le trecce di Maddalena (2)
in testa portava una corona
nella tua casa non c’è lume
la luce la emani tu, stella Diana.
Catena che mi tieni incatenato
catena che incateni l’anima mia
bene ti voglio più del mio respiro
così credo che tu voglia bene a me.
1) trapano a mano  
2) la peccatrice del Vangelo

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 137 visitatori e nessun utente online