GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 108 visitatori e nessun utente online

CAMPISI LAURA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CAMPISI LAURA

 

 

CANZONI

A CURUNA audio

BRUCIA LA TERRA audio

CU TI LU DISSI live filmato

A VIRRINEDDA live filmato

ME MUGGHIERI UNN'HAVI PILA audio

MI VOTU E MI RIVOTU live filmato

QUANNU MORU

ROSA CANTA E CUNTA

 

Laura Campisi è cantautrice, band leader e cantante di Jazz, Folk e musica tradizionale siciliana. È vincitrice di numerosi premi sia nell’ambito della musica d’autore che in quello jazzistico e in quanto interprete. Laura Campisi è cantautrice, band leader e cantante di Jazz, Folk e musica tradizionale siciliana. È vincitrice di numerosi premi sia nell’ambito della musica d’autore che in quello jazzistico e in quanto interprete. Da novembre 2011 vive e lavora a New York, collaborando stabilmente con il contrabbassista Ameen Saleem (Roy Hargrove Quintet e Bing Band, Roberta Gambarini Band) nel suo progetto “Laura Campisi Trio” e nel duo "Face&Bass!". Laura è oggi impegnata nella preparazione del suo primo disco con una formazione del tutto particolare, un doppio trio italiano e americano di cui fanno parte lo stesso Ameen Saleem al contrabbasso, Gregory Hutchinson alla batteria, Gianluca Renzi al basso elettrico e contrabbasso, Flavio Li Vigni alla batteria,. Così Laura riunisce sotto un unico sguardo la sua terra d’origine, l’Italia, e New York, la città che l’ha accolta, in una sintesi di nuovi stimoli musicali e sonori. Laura si esibisce regolarmente a New York, ha già calcato alcuni palchi importanti della scena Jazz della città (come il Bar Next Door e Zeb's, tra gli altri) ed è stata ospite della New York University, del Westchester Italian Cultural Center e dell'Italian American Museum. Si è inoltre esibita largamente in Europa presentando a un vasto pubblico i suoi svariati progetti musicali. Laura continua a produrre una gran varietà di musica che spazia dal Jazz al Folk, dal Blues alla canzone tradizionale siciliana e mediterranea, e che comprende brani in inglese, spagnolo, portoghese, francese, italiano, siciliano e napoletano. Recente è la collaborazione con la comunità indiana e pakistana della città di New York, un’opportunità per la giovane artista di cimentarsi con la musica tradizionale di questi paesi, come quella Punjabi e quella Sufi, un’antica forma poetica in sanscrito. Parallelamente al Jazz, Laura è attiva nel campo della musica d’autore, ha partecipato ad un gran numero di concorsi vincendo svariati premi e scrive musica originale in inglese, italiano e siciliano.
Tra le performance di maggior rilievo spiccano un tour italiano nel Gennaio 2014 con il Laura Campisi “Back Home” Trio con lo special guest Gianni Gebbia ed uno nel 2013 con il Laura Campisi Roma Quartet che ha visto alternarsi i pianisti Domenico Sanna ed Enrico Zanisi, oltre a Luca Fattorini al basso ed Enrico Morello alla batteria, quattro giovani ma già affermati talenti della scena Jazz italiana; la partecipazione al progetto “Improvise Options” per la XIII Biennale di Architettura di Venezia e quella, insieme a nomi quali Ornella Vanoni, Carmen Consoli e Alfio Antico, al film documentario diretto da Nello Correale “La voce di Rosa” dedicato alla figura della celebre cantante siciliana Rosa Balistreri; un tour a New York City nell’inverno del 2010 al fianco di musicisti quali John T La Barbera, Fabio Morgera Christos Rafalides e Gianluca Renzi. Si è inoltre esibita al Festival “Parola Cantata” di Mauro Ermanno Giovanardi nel 2011 e al Nomadincontro di Novellara nel Febbraio 2010 in apertura al concerto dei Nomadi; all’Ambasciata italiana a Lisbona per la Festa Della Repubblica nel 2009 e al Festival Del mandorlo in Fiore, in duo con il pianista Salvatore Bonafede, nello stesso anno; in diversi luoghi di prestigio (tra cui al Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris e al Petit Theatre du Bonheur) a Parigi nel 2008, al Langnau Jazz Festival in Svizzera nel 2004 e in diverse occasioni per l’Associazione Amici della Musica di Palermo. Tra i riconoscimenti più prestigiosi ricordiamo il Premio “Rosa Balistreri e Alberto Favara” conferitole nel 2011 per la sua attività di divulgazione della musica e della cultura popolare siciliana nel mondo; il Premio Bianca d’Aponte 2010 e la Targa per la Miglior Interpretazione in quello stesso contesto; il Premio Lucca Jazz Donna 2009, il Premio Paladino 2009 e il Premio Siae al concorso nazionale Augusto Daolio 2009; il Primo Premio al “Concorso della canzone popolare siciliana di Caltavuturo” (PA), assegnatole da una giuria che annovera il celebre percussionista Alfio Antico. Quanto alla formazione, Laura studia canto jazz con Loredana Spata dal 1997 al 2004. Durante quegli anni, partecipa a diversi festival di musica jazz collaborando con musicisti quali Paul Jeffrey, Salvatore Bonafede, Giampaolo Casati, Mauro Bordignon, Pietro Condorelli, e altri ancora. Dal 1999 al 2011 segue seminari e corsi di perfezionamento con: Sheila Jordan, Norma Winstone, Mark Murphy, Giovanni Mazzarino, Rachele Ferrell, Maria Pia De Vito, Bob Stoloff, Norma Winstone, Cinzia Spata, Sangeeta Bandyopadhyay, Salvatore Bonafede, Michele Hendricks, Bob Stoloff, Aaron Goldberg. Nel 2007 ha conseguito, con il massimo dei voti e lode, la laurea in Discipline della musica presso l’Università degli Studi di Palermo con un lavoro sulla cantante siciliana Rosa Balistreri dal titolo “’U radicuni, ovvero storia di un legame. Rosa Balistreri: la terra e la protesta”.


Contatti e Web:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
UE +39 349 3443577USA +1 917 348 2852
http://soundcloud.com/laura-campisihttp://www.youtube.com/user/lallajazzwww.myspace.com/lallaintothegardenwww.myspace.com/rosatulipanu

 

CAMPISI LAURA

 

 

CANZONI

A CURUNA

 

A CURUNA (tradizionale)

Arsira lu me beddu vinni fora
supra un cavaddu d’oru 
chi vulava.
 Sutta li me finestri e li barcuna
c’un fazzulettu ‘nmanu 
e lacrimava.
 S’affaccianu lu re cu la rigina
a sta picciotta l’hamu 
a ‘ncurunari.
 Su picciridda 
e nun canciu parola
a iddu vogliu 
e non vogliu curuna

LA CORONA

Ieri sera il mio amore è uscito
volando 
sopra un cavallo d’oro.
 Sotto le mie finestre e i balconi
lacrimando 
con un fazzoletto in mano.
 Si affacciano il re e la regina
questa ragazza 
dobbiamo incoronare.
 Sono piccolina 
e non cambio parola
solo lui voglio
e non voglio la corona

 

 

 

 

CAMPISI LAURA

 

 

CANZONI

ME MUGGHIERI 'UN AVI PILA

 

ME MUGGHIERI 'UN AVI PILA

Picciotti chi v'aviti a mmaritari
cchiù prima ancora di farivi ziti
a zita sutta e supra at' a ‘gguardari
si nun vuliti 'nganni e ni patiti
si nun sapi travagghiari 
dopu nenti si po' ffari (due volte) 
Ma chistu unn’ nenti sintiti comu cantava
me compari Tulipanu … e cumu cantava?
E malidittu quannu mi maritai 
truvai me mugghieri senza pila 
dopu tri gghiorna ca mi nn'addunai 
la me mugghieri nun avia pila
me mugghieri unn'avi pila, n'avi pila 
pi…. oh… (a pila pi ‘llavari)
e ci manca u pilaturi 
acqua dintra 'nn avi chiù
Picciotti chi ‘vv'aviti a mmaritari
cchiù prima di cunzarivi lu lettu 
sentiti a mmia 'nzoccu aviti a fari 
facitici pruvari u friscalettu.
Siddu nun sapi sunari 
dopu nenti si po' ffari (due volte) 
(parlato) Ma chistu ancora nun è nenti: 
sintiti me compari Rosa comu cantava
e comu cantava ? Ah sintiti
E malidittu quannu mi maritai 
truvai me mugghieri senza pila 
dopu tri gghiorna ca mi nn'addunai 
la me mugghieri nun avia pila
me mugghieri unn'avi pila, unn'avi pila pi…

(parlato) oh… ma chi vi criditi 
a pila pi lavari…ah e ci manca u pilaturi 
acqua dintra nenti chiù

Ah ah ah chi mugghieri c’accapitai
c’accattai la vugghia e lu filu
e nun la vitti cusiri mai.

 

 

 

 

CAMPISI LAURA

 

 

CANZONI

BRUCIA LA TERRA

 

BRUCIA LA TERRA
testo: Nino Rota - musica Kaballà

Brucia la luna n'cielu
e ju bruciu d'amuri,
focu ca si consuma
comu lu me cori

L'anima chianci
addulurata,
non si da paci
e cchi mala nuttata.

U tempu passa,
ma non agghiorna;
non c'e mai suli
s'idda non torna.

Brucia la terra mia
e abbrucia lu me cori
cchi siti d'acqua idda
e ju siti d'amuri

A cu la cantu
la me canzuni
si no c'e nuddu
ca s'a affacia
a lu barcuni 

U tempu passa,
ma non agghiorna;
non c'e mai suli
s'idda non torna.

U tempu passa,
ma non agghiorna;
non c'e mai suli
s'idda non torna.

Brucia la terra mia
e abbrucia lu me cori
cchi siti d'acqua idda
e ju siti d'amuri

A cu la cantu
la me canzuni
si no c'e nuddu
ca s'a affacia
a lu barcuni 

BRUCIA LA TERRA


"Brucia la luna in cielo 
ed io brucio d'amore 
il fuoco che si consuma 
come il mio cuore 

L'anima piange 
addolorata 
non si da pace 
che mala notte. 

Il tempo passa 
ma non diventa mai giorno 
non c'è mai il sole 
se lei non torna mai .

Brucia la mia terra 
e brucia il mio cuore 
lei con sete d'acqua 
ed io sete d'amore 

A chi la canto 
la mia canzone 
se non c'è nessuno 
che affaccia 
al balcone 

Il tempo passa 
ma non diventa mai giorno 
non c'è mai il sole 
se lei non torna mai .

Il tempo passa 
ma non diventa mai giorno 
non c'è mai il sole 
se lei non torna mai .

Brucia la mia terra 
e brucia il mio cuore 
lei con sete d'acqua 
ed io sete d'amore 

A chi la canto 
la mia canzone 
se non c'è nessuno 
che affaccia 
al balcone

 

 

 

 

CAMPISI LAURA

 

 

CANZONI

CU TI LU DISSI

 

 

 

CU TI LU DISSI (tradizionale)

Cu ti lu dissi ca t’haju a lassari - 
megliu la morti 
e no chistu duluri
ahj ahj ahj ahj - 
moru moru moru moru
ciatu di lu me cori - 
l’amuri miu si tu.

Cu ti lu dissi a tia nicuzza -
lu cori mi scricchia
a picca a picca a picca a picca -
ahj ahj ahj ahj
moru moru moru moru -
ciatu di lu me cori - l’amuri miu si tu.

Lu primu amuri lu fici cu tia - 
e tu schifiusa ti stai scurdannu a mia
paci facemu oh nicaredda mia - 
ciatu di l’arma mia, 
l’amuri miu si tu.

                                                                             

CHI TE LO HA DETTO

Chi te lo ha detto che debbo lasciarti -
meglio la morte 
e non questo dolore
ahj ahj ahj ahj -
muoio, muoio, muoio, muoio, 

anima della mia anima, l’amore mio sei tu.

Chi lo ha detto a te piccolina - 
il cuore mi si scricchiola
a poco a poco, a poco a poco -
ahj ahj ahj ahj 

muoio, muoio, muoio, muoio,
anima della mia anima, l’amore mio sei tu.

Il primo amore l’ho fatto con te - 
e tu schifiltosa ti stai scordando di me - 
pace facciamo oh piccolina mia
anima della mia anima, l’amore mio sei tu.