GRASSO SANTO

 

POESIE

DI RAZZA ORIGINALI

 

DI RAZZA ORIGINALI

A la scurata, debuli e scantatu,
lu visti a la me casa avvicinari,
era nicuzzu ‘u pilu avìa bagnatu
mischinu ‘un si firmava di trimari.

Avìa l’ucchiuzzi duci, cianciulini
e mi taliàva comu a dumannari
aiutu: era tuttu chinu ‘i spini
quasi mancu putìa chiù caminari.

Misu a distanza, nun s’avvicinava,
puru suffrènnu tutti ddi duluri,
era vardignu assai, nun si fidava
comu si di la genti avìa timuri.

Iu mi calai, e misu a so purtata,
cu ‘a manu lu vulìa accarizzari,
iddu mi desi duci ‘na vardata
ca lu me cori fici arrimuddari;

poi fiduciùsu, si fici tuccari,
mentri ‘u curuzzu sò battiva forti,
nun c’era chiù ‘nmumentu d’aspittari
siddu’u vulìa sarvari di la morti.

Lestu mi lu purtai ‘nta lu dutturi:
un veru espertu pi curari cani,
tantu ca tempu nenti cu ddi curi
tutti ‘i firiti ci turnaru sani.

Ora criscìu, si fici beddu granni,
e si scurdò di ddi mumenti orrènni,
mi duna amuri, nun si fa dumanni
e pi st’amuri sò, nenti pritènni;

macari iu lu vogghiu tantu beni,
e c’entra pocu ‘a razza originali...
quannu dda vota, vinni ‘ntra li peni
iu visti sulu ‘ncani, e stava mali.

                                                                                                    

DI RAZZA ORIGINALE

All'imbrunire, debole e spaventato ,
l'ho vosto alla mia casa avvicinare,
era piccolino, il pelo aveva bagnato,
poveretto, non si fermava di tremare.

Aveva gli occhietti dolci, lacrimosi
e mi guardava come a domandare
aiuto: era tutto pieno di spine
quasi nemmeno poteva più camminare.

Tenendosi a distanza, non si avvicinava,
benchè soffrisse tutti i dolori,
era guardingo assai, non si fidava
come se della gente avesse timore.

Io mi abbassai e messo alla sua portata,
con una mano lo volevo accarezzare,
lui mi diede dolcemente uno sguardo
che il mio cuore fece sciogliere;

poi fiducioso si fece toccare,
mentre il cuoricino gli batteva forte,
non v'era più tempo di aspettare
se lo volevo salvare dalla morte.

Lesto lo portai dal veterinaio
un vero esperto per curare i cani,
tanto che in pochissimo tempo con quelle cure
tutte le ferite tornarono guarite.

Ora è cresciuto, si è fatto grande,
e si è dimenticato di quei momenti orrendi,
mi dona a more, non si fa fomande
e per questo amore suo, niente pretende;

anche io lo voglio tanto bene,
e c'entra poco che non è di "razza"
quando quella volta è venuto tra le pene,
io vidi solo un cane che stava male.

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 324 visitatori e nessun utente online