ENZO PETRONCIANA

 

 

 

E' NATALI

 

  

 

 

E' NATALI

Na luci di luntanu...
arriva u Bambineddu
e tocca a tutti l'arma,
da paci ni lu sensu.
E notti di travagghiu
pi lu Spiritu du celu
e luntanu un cantu duci,
lu biancu amuri so maternu.
E sentu lu cantu di na Matri...
Oi oi oh...
ma chi beddu bimbu chi haiu
Oi oi oh...
è Natali e fai la vò

Pi strati di trizzeri intra sta cauda terra
si intrizza la spiranza ccu lu sciauru
che ha n'ibbrezza.
È notti uni si stinna lu tappitu a lu Signuri,
unni u munnu duna u cori, canti e soni di l'amuri.
E' granni lu beni di la Matri
Oi oi oh...
ma chi beddu bimbu chi haiu
Oi oi oh...
è Natali e fai la vò

Ninna oh, ninna oh, ninna oh!
è Natali e fai la và

 

E' NATALE

Una luce di lontano
arriva il Bambinello
e tocca a tutti l'anima,
da pace nella mente.
E' notte di lavoro
per lo Spirito del cielo
e lontano un canto dolce,
il bianco amore suo materno.
Esento il canto di una Madre...
Oi oi oh...
ma che bel bimbo che ho,
Oi oi oh...
è Natali e fai la ninna nanna.

Per strade di campagne
dentro questa calda terra

si mescola la speranza con l'odore
che ci da ebbrezza.
E' notte dove si stende il tappeto al Signore,
dove il mondo da il cuore, canti e suoni d'amore.
E' grande il bene della Madre
Oi oi oh...
ma che bel bimbo che ho,
Oi oi oh...
è Natali e fai la ninna nanna.

Ninna oh, ninna oh, ninna oh!
è Natali e fai la ninna nanna.

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 79 visitatori e nessun utente online