GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 171 visitatori e nessun utente online

 

 

 

IRENE IENTILE

 

A SCIACCA BACARUNI E BACAREDDI
voce Irene Ientile
al pianoforte Ornella Cerniglia

 

 

 

A SCIACCA BACARUNI E BACAREDDI

A Sciacca bacaruni e bacareddi
Mazara salanu li beddi sardi
er a Marsala vopi e asineddi,
Trapani pigghia li russi curaddi
ed a lu Munti li picciotti beddi.
'Ntrapani deci grana su'n carinu,
'Ntrapani deci grana su'n carinu,
a lu Munti se' picciuli un granu

La missa la dici lu parrinu,
e chiddu ca la servi sacristanu.
Lu zuccu vivi acqua e nesci vinu
l'occhi juncinu prestu di luntanu.

                                                                                                

 

A SCIACCA QUARTARE E BROCCHE

A Sciacca fanno le quartare e le brocche.

A Mazara del Vallo salano le belle sardine.
Ed a Marsala allevano volpi ed asini.
Trapani raccoglie i rossi coralli.
E ad Erice( 1) ci stanno le belle ragazze.
A Trapani dieci grani valgono un carlino (2),
A Trapani dieci grani valgono un carlino.
Ad Erice sei piccioli (3) valgono un grano (4).

La messa la dice il parroco
ed è il sacrestano che la serve.
L'ostia entra acqua ed esce vino.
Gli occhi si uniscono presto da lontano.

1) Monte SanGiuliano fino al 1934
2, 3, 4) monete antiche


 

Alberto. Favara riporta questa canzone col nome di "Cantu a timuni" Modo dei timonieri delle barche a vela in alto mare di Trapani a pag, 347, canto 592. del "Corpus di musiche popolari siciliane" 
Bellissima ed antichissima canzone del Trapanese, la dolcezza della voce di Irene Ientile rendono al meglio questa canzone. Si parla di carlino, piccioli, grano, soldi antichi, il carlino è una monete d'oro e d'argento emesse per la prima volta a Napoli dalla fine del XIII da Carlo I d'Angiò, quindi fine 1200; il grano, moneta sotto Federico II, era una frazione dell'oncia d'oro pari ad 1/600 di oncia. 10 grana formavano un carlino; picciolo moneta fiorentina da un quarto di quattrino: da queste moneta si può far risalire questa canzone alla fine del 1200, quindi veramente antica. 
La melodia è dolcissima, mentre il testo ci dice delle attività delle città delo Trapanese: a Sciacca la ceramica, a mazara la salatura delle acciughe, a Marsala l'allevamento delle volpi e degli asini, Erice invece è famosa per le belle ragazze, mentre Trapani è la capitale degli affari.
Nicolò La Perna