GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 119 visitatori e nessun utente online

 

Re Ceccuni
(ballata)

Rosa Balistreri

 

LA BALLATA DI RE CICCUNI

Ascutati, amici mei, sta chitarra ava a cantari
chista storia ca a tutti n'ava a fari miditar.
E' nu fattu spavintusu ca rispecchia chiaramenti
la siducia e la pura
quannu ormai tutti li genti
militava 'nda la Laziu un valenti campiuni
e di nomi si chiamava Lucianu Re Ciccuni.

Canusciutu in tutta Roma
pi l'impattu populari
pirchì in campu lu palluni
lu sapeva manuvrari.
Era un giovani stimatu, sempri allegru, ginirusu,
'nnamurau di la vita era puri assai schirzusu.
Mentri un jornu si truvava cu l'amici a passiari
tuttu 'nsemula ci vinni lu capricciu d schirzari
E ddu jornu dici ca nuddu
nun l'avissi canusciutu, vosi ridiri e 'nvintari 
na rapina in un minutu.
E di fattu cu l'amici ca ci avunu darreri
s'infilau risulutu 'nda putia du juilleri.
Ma pinsannu ca u patruni, di darreri dda vicinu
ca l'avissi canusciutu ci gridau "E na rapina".
Ma cu forza ripintina lu patruni si vutau
e cridennulu un banditu 'nda lu pettu ci sparau.
Chistu in sintisi è lu fattu cummuventi e svinturatu
di lu poviru Lucianu ca finiu mortu ammazzatu.
La giustizia di lu Statu u juilleri giudicau 
pi liggittima difisa e a la casa lu mannau.
E vi cuntu ca la genti nun si senti chiù sicura
pirchì l'Epuca è 'nfilici
cu sta vita sempri chiù dura.
Li rapini d'ogni jornu cu feriti e ammazzamenti
dannu giusta la misura ca lu Statu nun fa nenti.
Lu Guvernu si nni futti di li tempi chi curremu
e a nuatri fa pagari puri chiddu ca unn'avemu.
Nun sapennu ca la vita è comu u duluri
e che prima d'ogni cosa va prutetta
e pi l'ominbi putenti ca nun sannu guvirnari 
si nni issiru a la casa e finemmu d'arrubbari,
e pi l'ominbi putenti ca nun sannu guvirnari 
si nni issiru a la casa e finemmu d'arrubbari.                                                                    

                                                            .                               

                     

LA BALLATA DI RE CECCONI
Ascoltate amici miei, questa chitarra deve cantare,
questa storia che a tutti deve fare meditare.
E' un fatto spaventoso 
che rispec chia chiaramente
la sfiducia e la paura
che ha ormai tutta la gente.
Militava nella Lazio un valente campione
e di nome si chiamava Luciano Re Cecconi.
Conosciuto in tutta Roma
per l'imoatto popolare
perchè in campo il pallone lo sapeva manovrare.
Era un giovane stimato, sempre allegro e generoso,
innamorato  della vita essendo un tipo assai scherzoso,
E quel giorno dice che tutti l'avrebbero conosciuto
volle ridere ed inventare una rapina in un minuto.
E di fatto con gli amici che andavano insieme a lui
s'infilò risoluto in una negozio di gioielliere.
Ma pensando che il padrone, che era voltato
l'avesse conosciuto gli gridò: "E' una rapina"
ma con forza repentina il padrone voltandosi
e credendolo un bandito nel petto gli sparò.
Questo in sintesi è ipl fatto commovente e sventurato
del povero Luciano che finì ammazzato.
La giustizia dello Stato il gioielliere giudicò
per legittima difesa ed a casa lo mandò.
Ora vi racconto che la gente non si sente più sicura
perchè questa epoca è infelice
con questa vita sempre più dura.
Vi sono rapine ogni giorno con feriti e ammazzamenti
che danno giusta la misura che lo Stato non fa niente.
Il Governpo se ne fotte dei tempi che attraversiamo
ed a noi fa pagare pure quello che non possediamo.

Non sapendo che la vita è piena di dolori
e che prima d'ogni cosa va protetta.
e per gli uomini potenti che non sano governare
se ne vadano a casa finiscono di rubare,
e per gli uomini potenti che non sano governare
se ne vadano a casa finiscono di rubare,

 

 Ringrazio Peppe Filippone per avermi dato questo audio.
     Rovistando tra le carte di Rosa che ha lasciato alla biblioteca comunale di Licata ho ritrovato delle poesie scritte di Rosa Balistreri, forse per farne delle canzoni, sicuramente Rosa ne ha scritte tante: ritengo che Rosa Balistreri oltre che artista cantante la si può definire anche poetessa; considerando in premessa che Rosa non frequentò alcuna scuola e che imparò a leggere e a scrivere da grande, posso affermare con certezza che le poesie scritte da Lei come questa ed altre sono di una bellezza  lirica eccezionale, uscite dal cuore di una madre (Poesia a Luca) o di una attivista di partito (Quando lo sciopero è gia compatto) o di una figlia come questa "Malincunia" dedicata alla madre, donna Vicinzina.

 

 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<