NFAMITA'

ROSA BALISTRERI

 
 

 
 
 

'NFAMITA‟ (tradizionale)
Lu libbru di li 'Nnfami t'accattasti
la prima 'nfamità mi la ficisti.


Nun sentu ne rilogiu e ne campana
ca mi sentu 'ncatinatu comu un cani.


Sentu chiamari mamma e m‟allamicu
chi mamma… m'arrispunni la catina.


Ammazzari vurria cu sì vosi
na palla vecchia e un pugnu di lupara.

.

INFAMITA’
Il libro degli infami ti sei comprato
la prima infamità me l'hai fatta.

Non sento ne orologio e ne campana
perché mi sento incatenato come un cane.

Sento chiamare mamma e mi rattristo
ma quale mamma… la catena mi risponde.

Ammazzare vorrei chi ha voluto così
una palla vecchia e un pugno di lupara.

 

 
 

Canzone di carcere, triste e rancorosa. Rosa Balistreri per due volte andò in carcere; una prima volta per pochi giorni a Licata nel vecchuo carcere, ex convento carmelitano di Sant'Angelo, e oggi Chiostro Sant'Angelo con una stanza dedicata a Rosa Balistreri, ed una seconda volta per molto più tempo a Palermo, dove conobbe l'ambiente carcerario e dove sentì molte canzoni di carcere.
Troviamo questa canzone nel "Corpus di musiche popolari siciliane" del Favara al numero 54 sotto il nome di "Vicariota" come canzone di Palma di Montechiaro

Nicolò La Perna





 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 64 visitatori e nessun utente online