GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 102 visitatori e nessun utente online

 

E VUI DURMITI ANCORA

 

Una delle più belle serenate siciliane: eccellente poesia, bellissima musica per fare affacciare la propria amata; tutto il mondo gira ed esiste per lodare le bellezze della propria donna, lo stesso sole, gli uccellini, i fiori tutti aspettano che lei apra il balcone, ma soprattutto c’è l’amato che passa le sue nottate con la chitarra in mano allietando il sonno dell’amata e brama aspettando di vederla affacciata al balcone.

Nicolò La Perna

...E vui durmiti ancora! è una poesia siciliana scritta da Giovanni Formisano nel 1910 e musicata da Gaetano Emanuel Calì. La prima incisione del brano musicale (detto mattutina, che così si distingue dalla notturna, la serenata serale) è del 1927.

Nel 1910 il Calì ebbe modo di leggere i versi del suo concittadino, mentre era di ritorno da un viaggio di lavoro a Malta. La bellezza del testo lo colpì al punto che nella sola durata del viaggio - una notte - ne compose spinto dall'ispirazione lo spartito.

Si ricorda un fatto legato al brano: sul fronte della Carnia, durante la Prima guerra mondiale, in un momento di pausa un giovane soldato siciliano prese la sua chitarra e, al chiar di luna, intonò la canzone. Il silenzio che aleggiava dava voce solo alle note della mattutina. Al termine dell'esecuzione si sentirono improvvisamente le urla di apprezzamento degli austriaci, avversari sul campo, ma compagni emotivamente: non arrivavano a capirne il senso, ma rimasero incantati dalla bellezza della musica. Il primo interprete fu ovviamente l'Emanuel Calì al Teatro Sangiorgi di Catania. Altri artisti celebri sono stati Alfio Marletta, Michelangelo Verso e il tenore siciliano Marcello Giordani.

Infine ricordiamo che il brano è stato riproposto anche dallo show-man Fiorello e dal cantante Andrea Bocelli nell'album Incanto del 2008.  (da Wilkipedia)

 

 

L'intera partitura per pianoforte, fisarmonica, basso e con accordi per la chitarra fa parte del libro "LE PIU' BELLE CANZONI SICILIANE"
di Nicolò La Perna. 
In questo libro sono raccolte le partiture ed i testi delle seguenti canzoni siciliane 

VITTI NA CROZZA. CIURI CIURI, LA LUNA ‘NMEZZU U MARI, SI MARITAU ROSA, U SCICCAREDDU, NICUZZA, 

COMU L’UNNA, LA ME ZITA (QUANTA È LARIA LA ME ZITA)

COMU SI LI CUGGHIERU LI BEDDI PIRA, LU ‘NGUI, ‘NGUA, MI VOTU E MI RIVOTU , A SIMINZINA, 

CU TI LU DISSI, ABBALLATI, ABBALLATI, E VUI DURMITI ANCORA, 
LA VINNIGNA, A CURUNA, 

A VIRRINEDDA, VITTI NA VEDDA – LU BASILICO’, TU SI BEDDA, AH! CUMMARI NINA,

AH! CUMMARI VICENZA, ACIDDUZZU DI ME CUMMARI, 
LA PAMPINA DI L’ALIVU, AVO’, FILASTROCCHE SICILIANE (Chiovi, chiovi, Mani manuzzi, Dumani è duminica, 

LU FOCU DI LA PAGLIA, SANT’AGATA CH’E’ AUTU LU SULI, 
STIDDA D’AMURI, I PIRATI A PALERMU, 

LA CAMPAGNOLA, LEVATILLU STU CAPPEDDU, I BABBALUCI, L’ANATRA, CU TI L’HA FATTU STU SCIALLINU OHINE’ 

TRI TRI TRI SETTI FIMMINI E UN TARI’, AMURI DI CARRITTERI , AHI PARTU E SU CUSTRITTU DI PARTIRI (Canzuna di carritteri)

SICILIA BEDDA, L’AMURI CA VAIU – NUN LU SAPITI L’AMURI CA V’HAIU

 Nello stesso libro vi sono dei saggi su:
 LE FONTI DEL CANTO POPOLARE  - IL CANTO SICILIANO E LA STRUTTURA POETICA - LA STRUTTURA MUSICALE DELLA CANZONE POPOLARE -
 GLI STRUMENTI MUSICALI E LA DANZA

Il libro che ha un costo di € 7,00 può essere ordinato scrivendo email a Nicolò La Perna Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   cell: 3393269071

 

E VUI DURMITI ANCORA

Lu suli è già spuntatu 'ntra lu mari

e vui bidduzza mia durmiti ancora,

l'aceddi sunnu stanchi di cantari

e affriddati v'aspettanu cca fora,

supra 'ssu balcuneddu su pusati

e aspettunu quann'è cca v'affacciati !

Li ciuri senza vui non ponu stari

su tutti ccu li testi a pinnuluni,

ognunu d'iddi non voli sbucciari

su prima non si grapi 'ssu balcuni,

dintra lu buttuneddu su ammucciati

e aspettunu quann'è cca v'affacciati !

Lassati stari, non durmiti cchiui,

ca 'mmenzu ad iddi dintra sta vanedda

cci sugnu puri iù, c'aspettu a vui,

pri vidiri ssa facci accussi bedda,

passu ccà fora tutti li nuttati,

e aspettu sulu quannu v'affacciati

                                                                                         

 

E VOI DORMITE ANCORA

Il sole è già spuntato in mezzo al mare

e voi dolcezza mia dormite ancora,

gli uccelli sono stanchi di cantare

e presi di freddo vi aspettano quà fuori,

sopra il vostro balcone sono poggiati

e aspettano quando voi vi affacciate !

I fiori senza di voi non possono stare

sono quasi tutti appassiti,

ognuno di essi non vuole sbocciare

se prima non si apre il balcone,

dentro il bocciolo sono nascosti,

e aspettano quando vi affacciate !

Lasciate stare, non dormite più,

che in mezzo a loro dentro questo vicolo

ci sono pure io, che vi aspetto,

per vedere il vostro bellissimo viso,

passo qui fuori tutte le notti,

aspettando solo quando vi affacciate.