GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 64 visitatori e nessun utente online

 

DISCOGRAFIA DI CICCIO BUSACCA


 
1960 Sicilia. Aspetti del folklore siciliano 1960: Music, LPM 1020; Ciccio Busacca con Orazio Strano, Francesco platania, Giuseppe Giuffrida, Giovanni Di Giovanni (Collana in collaborazione con il piccolo teatro di milano) Artisti siciliani diretti da Ignazio Buttitta, 33 giri Ciccio Busacca canta: Lamentu pi la morti di Turiddu Carnivali, La storia di Giuliano (Il re dei briganti)
1961 Aria d'Italia a cura di Straniero Michele, canta Ciccio Busacca, 1961, Pubblicato da (S.1. Primary, 45 giri,
canzoni : Semu luntani, M'innamurai, Rosa di sdegnu, Quannu passu de cca vedi copertina disco

1963 Lu piscaturi sfortunatu - LP – CEDI DNG 1963
1963 Storia di lu briganti Musulinu Ciccio Busacca, Published 1963 Disco (33 gg.) vedi copertina disco
1963 La storia di Turi Giulianu – Busacca Ciccio, GLP – 1963 Pubblicato DNG (2) vedi copertina disco
ascolta la 1° parte della storia di Turi Giuliano ---- ascolta la 2° parte ----- ascolta la 3° parte ------- ascolta la 4° parte
1963 La storia di Giuvanni Accetta, Busacca Ciccio, disco 33 gg Pubblicato: (S.l.) DNG, 1963 vedi copertina disco
ascoltail disco "La storia di Giovanni Accetta"
1965 Lamentu pi la morti di Turiddu Carnevali, Busacca Ciccio su testo di Ignazio Buttitta, 1965 Pubblicato: [S.l.] DNG 33 gg
vedi copertina disco ------ ascolta il disco "Lamentu pi la morti di Turiddu Carnevali"
1965 Lu trenu di lu suli – Ciccio Busacca EP – CEDI 33 giri, 1965 Casa Discografica DNG in copertina disegno di Renato Guttuso, testi di Ignazio Buttitta, sul retro presentazione di Roberto Leydi vedi copertina disco --------ascolta il disco "Lu trenu di lu suli"
1965 Cosa è la mafia ?- EP – CEDI, Busacca Ciccio, disco 45 giri Pubblicato: (S.l) DNG, 1965 da uno scritto di Buttitta Ignazio
ascolta il disco "Cosa è la mafia"
1967 La storia di Turi Giulianu – Busacca Ciccio, LP – CEDI 1967 disco 33 gg vedi copertina disco
ascolta la 1° parte della storia di Turi Giuliano ---- ascolta la 2° parte ----- ascolta la 3° parte ------- ascolta la 4° parte
1971 Mi 'nni vaju 'nta la luna, Ciccio Busacca, Busacca Concetta 1971, 45 giri I dischi del sole, LR 45/18 pubblicato da s.l. Linea Rossa1971
canzoni: Mi 'nni vaiou 'nta la luna, Comu cangiari 'stu munnu --- vedi copertina disco

1972 Un'uomo che viene dal sud, Busacca Ciccio 33 gg, Pubblicato Milano, Dischi del Sole, 1972
Brani: Lamentu ppi la morti di Turiddu Carnivali, La morte e il miliardario----- vedi copertina disco e testo
ascolta la canzone "Lamentu ppi la morti di Turiddu Carnivali" ------ ascolta la canzone "La morte e il miliardario"
1973 “Ci ragiono e Canto 3”. partecipano Ciccio Busacca, Piero Sciotto, Chicca De Negri e Policarpo Lanzi. La prima fu a Genova, al Teatro della Gioventù, il 27 febbraio 1973 Busacca Ciccio canta: la storia di Turiddu Carnevale, il Treno del Sole, che cos'è la Mafia.
copertina del disco e testo
1974 Storia di Orlando e Rinaldo, paladini di Francia Busacca Ciccio, 33 gg, [S.l.] VIK 1974a corte di Francia
Origine di Rinaldo, Grandi imprese d'Orlando, Tradimeno di Gano di Magonza, Morte di Gattamogliere, Magie di Corandina, Ritorno d'Orlando e amore per Angelica, Oralndo e Ferraù di Spagna, Rinaldo Pellegrino, Tradimento di Gano ---- vedi copertina disco
1974 La storia di Giuliano (Il re dei briganti)- EP - MUSIC EPM (ried. Quadrifoglio(1974) 33 gg vedi copertina disco
ascolta la 1° parte della storia di Turi Giuliano ---- ascolta la 2° parte ----- ascolta la 3° parte ------- ascolta la 4° parte
1976 Archivio Folkstudio. Concerto di Cicciu Busacca. Roma, Folkstudio 14 ottobre 1976 Compact Disk contenuto: “La nascita del giullare, (declamato a voce) La storia dei sette fratelli Cervi, (canto con chitarra) Una madre disperata, (declamato a voce) Cosa è la mafia (canto con chitarra, Lu trenu di lu suli, (canto con chitarra) La storia di un cane. (declamato a voce)
1996 Un'uomo che viene dal sud, Busacca Ciccio Compact disck Pubblicato Modana Alabianca 1996
Brani: Lamentu ppi la morti di Turiddu Carnivali, La morte e il miliardario vedi copertina disco e testo
ascolta la canzone "Lamentu ppi la morti di Turiddu Carnivali" ------ ascolta la canzone "La morte e il miliardario"

Amuri morti e sirinata amara ----- ascolta la cantata 1° parte -------- ascolta la cantata 2 ° parte
La matri snaturata ---------- ascolta la cantata del "La matri snaturata"
La morte e il miliardario vedi copertina disco e testo ------ ascolta la canzone "La morte e il miliardario"
Lu piscaturi sfurtunatu CB ------ ascolta la cantata del "Lu piscaturi sfurtunatu"
Petru Taormina lu sfurtunatu 33 gg ------------- ascolta la cantata di "La storia di Petru Taormina"
Spusaliziu di sangu ( La storia di dui poviti cuntadini)
La storia di Nardo Malaspina
Amuri, tradimentu e pistulati (Tradimentu)
Canzoni carrettiere siciliane - EP - Primary
Duminicu Cariddu 'ntisu lu bastardu cumannun a li mogghi 33 gg (parla dell'ostracismo a cui sono sottoposti i figli della colpa)
Filumena Guastafierru, in questa canzone Busaccaparla di una delle piaghe sociali più terribili di tutto il Sud: la cessione per denaro dei figli a coppie ricche e senza prole per l'adozione.
L'amuri vinci e la ricchizza perdi (parla degli eterni conflitti dell'amore con gli interessi di casta ricca)
L'assassinio di Raddusa tratto da una storia di cronaca avvenuta realmente nel paese di Raddusa, una ragazza diciassettenne si era vendicata dell'uomo che l'aveva violentata, avvicinandolo nella piazza del paese mascherata da anziana e uccidendolo.
Lu dannu di la barbira ricchizza
Lu veru amuri in due volumi Versi Siciliani di Cicciu Busacca disco e libretto Casa editrice: n. s.d., Paternò, 22x16 cm., 6 pp.
Peni e duluri di Vicenzu Serra, (brigantaggio, al mercato nero del dopoguerra)
Rimorsi e pintimentu d'un banditu in due volumi
Rosa Privitera »
Virgogna e gilusia
L'emigranti in Germania (parla dell' emigrazione causa dello svuotamento di uomini di interi paesi, ed in particolare di Giuanninu Spatafora)
Cari amici, c'è Busacca
misu prontu ppi cantari,
ca li cori vi li spacca
mentri stati ad ascutari.
Giuvanninu Spatafora,
ccu tri figghi e già spusatu,
abbannuna la so casa,
di la fami assicutatu.
Lu tradeva, e sparti ancora
li dinari ca pigghiava
la muggheri 'ncannatrici
all'amanti li muddava.
A lu vintiquattru Giugnu
Giuvanninu Spatafora
la Girmania abbannuna
senza diri na palora.
Fu na scena spavintusa
a vidiri ddi tri figghi
ca chiangevunu 'nginocchiu,
tutti tri facennu schigghi.
A li soggiri Giuvanninu
non ci dissi na parola,
perchì, caricu di nervi,
fa parrari la pistola.
Quantu genti nta dda strata,
quantu genti s'affacciaru!
E a lu poviru Giuvanni
a scappari l'aiutaru.
Ma Giuvanni, mischineddu,
cci diceva a lu scappari:
« A sti poviri tri figghi
non li fati piniari ».
Ora Vanni è sutta terra,
quattru 'nfami sunu morti,
ddi tri figghi svinturati
tra lu chiantu e lu scunfortu.
Siddu sbagghia la muggheri
e l'onuri vostru 'ntacca
non macchiativi di sangu,
ascutatulu a Busacca.
La matri snaturata
Omini e tantu fimmini,
viniti e stati attenti;
iu vinni ppi cantarivi
stu fattu cummuventi.
Nda m-paiseddu picculu,
chiamatu Vintimigghia,
ci stava Petru Caccamu
spusatu e cu na figghia.
« Mamma, ti pregu, asciatimi,
cerca di riturnari,
lu to cunfortu portimi,
venimi a cunsulari.
Haiu priatu l'angili,
li santi e tutti pari,
ma nuddu voli sentiri
di fariti turnari.
Ora ppi mia disgrazia
sugnu malata assai,
si tu non torni, cridimi,
iu non guarisciu mai.
Ritorna e fammi sentiri
li duci toi carizzi;
li figghi non si lassunu,
li figghi su ricchizzi! ».
« Ti pregu, torna, Angila,
Santuzza sta malata;
lu to cunfortu portici,
è troppu scuraggiata.
Li medici mi dissiru
ca, suddu tu non torni,
mori tra peni e lacrimi,
mori tra li frastorni ».
« ...si Santa arriva a moriri,
muremu tutti quanti ».
« Santuzza mia carissima,
Ti Vogghiu beni assai,
varda quanti giucattuli,
figghiuzza, ti purtai ».
« Ma iu non Vogghiu bambuli,
vulissi sulamenti
la mamma, ppi pigghiarisi
l'urtimi mei lamenti ».
« Figghiuzza mia, pirdunimi,
ca sugnu n'assassinu,
ma ora stamu nzemula,
starmi tutti vicinu ».
Iu di cantari terminu
e dicu a tutti quanti:
li figghi non si lassunu
pp'amuri di l'amanti.

Carmelu Ciaramedda : (l'omu cchiu sfurtunatu di lu munnu) / versi siciliani di Cicciu Busacca ; trad. italiana di Pasquale Marchese
"Siddu lu primu quatru taliati "Lu quatru deci la scena vi duna
la matri di Carmelu canusciti: " di Carmelu ca canta la canzuna "
"sulu na munachedda avia vicinu, L'undicesimu quatru vi lu dici
comu spiega lu quartu quatrittinu ". li du cuscini comu su 'filici".
''lu quintu quadru ca fa stranizzari "E si vuliti lu fattu perfettu
e chianciri duviti tutti pari". ccà c'è lu dudicesimu quatrettu ".
"E li biddizzi so troppu prigiati "lu re di l'assassini pirchì fici
'nta lu settimu quatru li truvati". 'nzoccu lu quatru tridici vi dici".
"E ora 'nta lu nonu quatrittinu "ora vi 'nvitu tutti pari, pari
si vidi Melu a li nanni vicinu" 'nta lu quatrettu quindici vardari".

"Sona chitarra, sona chitarredda beddu di facci e riccu di midudda,
quantu vicinu a mia veni la fudda crisciu 'nda lu culleggiu di Frascati,
e cantu di Carmelu Ciaramedda, ed ora la sua storia ascutati ".
"Ed ora amici la me chitarredda Ma prima ca di ccà v 'alluntanati
si senti stanca e stanca la midudda. storii e dischi vogghiu e 'accattati:
Cu la morti di Melu Ciaramedda e 'ncasa li sintiti ccu capricciu
iu m'arritiru e salutu la fudda. scritti e cantati di Busacca Cicciu".
"Carmelu Ciaramedda, l’omu cchiù sfurtunatu di lu munno”. Una ragazza figlia di un fruttaiolo, uno che vende la frutta per le strade su un carrettino si innamora di uno molto ricco, un miliardario. Questa ragazza rimane incinta e lo dice a lui, contenta "Aspetto un bambino, sposiamoci." "Sei pazza! Abortisci, che ti sei messa in testa? Io sono già fidanzato per i fatti miei" e infatti la ragazza viene a scoprire che sua cugina le ha rubato il fidanzato, va a casa, prende la pistola e li ammazza tutti e due. Va in galera e il bambino nasce in carcere. Dopo tre anni lo tolgono alla madre, lei impazzisce e muore. A diciotto anni il ragazzo viene preso dai nonni materni. Arriva a casa, tutti sapevano che era il figlio del ricco e della povera, ma conoscevano di più la madre che il padre, tutti lo aspettavano, gli volevano bene. Questo ragazzo era molto intelligente e il nonno lo fa studiare, a scuola si incontra con una ragazza e si innamorano. Nel paese conoscono sia lui che lei. Lei che cosa era? Era la figlia del fratello dell'uomo che non aveva voluto sposare la fruttaiola cioé la madre del ragazzo. Questi due Innamorati erano cugini! Infatti quelli del paese lo chiamano e gli dicono "Ma tu sai chi è quella? Quella è la figlia del fratello di quello che ha rovinato tua madre" "Cosa importa! Noi ci vogliamo bene". Quando si incontrano questi due ragazzi lui le dice: "Lo sai che siamo cugini? Tuo padre è pericoloso". "Non importa noi siamo noi, il passato è finito". Il popolo sapeva apprezzare l'amore vero per questo che la storia piaceva tanto. La voce circola e arriva alle orecchie del padre di lei: "Tu incontri quello?" "Sì ma io l'amo e basta!" Chiusa in casa, non può più uscire. La ragazza una notte prende un lenzuolo e scappa come i carcerati. Ma il padre sente dei rumori proprio mentre lei sta scappando e infatti vede la figlia appesa al lenzuolo e le spara, l'ammazza. Il padre viene arrestato e i suoi fratelli cercano il ragazzo per ucciderlo. Questo ragazzo dopo la scuola se ne andava a piangere al cimitero, un giorno mentre piange lo trovano e lo ammazzano, lui prima ne uccide tre, poi tutto ferito con il sangue scrive sulla tomba di lei
"Cu passa e s'ha da leggere leggite,
la terribile fine di sti ziti" (gli ziti sono i fidanzati)
"O patri e matri che figli ci aviti
e sapete che sunu innamorati,
cuntro l'amore nun vi ci mettite
perché sò chisti li veri peccati,
l'amore vince qualsiasi intreccio
e ve lo dice Busacca Ciccio"
Poesia
LITTRA
Littra ca passi vaddi, munti e mari,
iu ti ni pregu, fammillu 'n-favuri:
a frati e amici mi l'à-ssalutari;
a me muggheri portici l'amuri;
a li me figghi non ti li scurdari:
portici di stu ciatu lu caluri
e dicci ca stu patri non po stari,
ca pensa ad iddi e soffri a tutti l'uri.
Si qualcunu t'avissi a-ddumannari:
« L'affari comu vanu, tinti o bboni? ».
dicci sultantu: « Lu 'ntisi cantari
luntanu di la nostra nazioni ».
A patri e matri ci mannu a-vvasari
la manu ritta ccu dducazioni,
e dicci su mi volunu mannari
la santa e giusta binidizioni (1)
A RUSIDDA
Rusidda, figghia bedda, vi chiamati,
ca lu culuri di li rosi aviti;
chi siti bedda, quannu mi vardati!
Cchiù bedda ancora, quannu m'arriditi.
Ccu lu vostru surrisu 'mbriacati,
ca 'n-surrisu 'ncantevuli tiniti;
siti na rosa di 'nvernu e di stati,
e stati e 'nvernu ciauru facitì.
DOPU DU MISI NI LASSAMU,
E CCI FICI STA CANZUNA DI SDEGNU
Piccatu ca Rusidda vi chiamati!
Vui di li rosi nudda forma aviti...
Vi chiamunu Rusidda e vi priati
e na vera rusidda vi criditi;
sulu lu nomu di Rosa purtati,
ma vui li rosi non li canusciti;
li rosi sunu frischi e profumati
e vui a lu cuntrariu fititi!
Non mancano, nel libretto, poesie di argomento scherzoso, come « Brinnisi a la taverna », in cinque ottave classiche, ognuna delle quali termina con la dedica di un bicchiere di vino ad uno degli amici che, si immagina, stanno seduti a bere ed ascoltare attorno al tavolo dell'osteria. Riproduco soltanto l'ottava centrale della composizione, in cui Busacca descrive gli... allegri effetti del vino:
Forza, vivemu, signuri e signuri!
Lu vinu li pinseri fa scurdari,
lu vinu fa canciari lu culuri,
porta tant'alligria e fa cantari;
lu vinu duna a l'omu lu valuri,
a li vecchi picciotti fa turnari,
e stu biccheri di vinu priggiatu
cci lu dugnu a ccumpari Nunziatu.