GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 157 visitatori e nessun utente online

 

E VAIU A LASSARI

canto dedicato a Sutera

NONO' SALAMONE

 

      

E t'haiu a lassari

Mamma mia mi nni vaiu
a travagliari unni codda lu suli
e ta lassari cu tantu duluri,
a travagliari unni codda lu suli
e ta lassari cu tantu duluri.

Matri mia nun pinsari
ma raccumannu a tutti l'amici
la vintura a sti vicchiareddi,
ma raccumannu a tutti l'amici
la vintura a sti vicchiareddi.

Speru sempri, stati allegri
ca vi vonnu tutti beni,
sugnu 'nmezzu a tanta genti,
nun fa lu friddu e c'è lu suli. (bugia)

Passu un'annu e tornu ancora
'ncapu a lu trenu semu affuddati
si viaggia mali, ma sugnu cuntenti,
'ncapu alu trenu semu affuddati
si viaggia mali, ma sugnu cuntenti.

Ma chi festa chi facemmu
sciurì puru la muntagna
abbrazzati, sintimentu
ma lu tempu nun si ferma.

Mamma mia mi nni vaiu
a travagliari unni codda lu suli
e ta lassari cu tantu duluri,
a travagliari unni codda lu suli
e ta lassari cu tantu duluri.

E ti debbo lasciare


Mamma mia me ne vado
a lavorare dove tramonta il sole
e debbo lasciarti con tanto dolore,
a lavorare dove tramonta il sole
e debbo lasciarti con tanto dolore.

Madre mia non pensare a niente
raccomando a tutti gli amici
questi due vecchietti,
raccomando a tutti gli amici
questi due vecchietti.

Spero sempre, state allegri
che qui9 vi vogliono tutti bene,
sono in mezzo a tanta gente,
non fa freddo e c'è il sole. (bugia)

Trascorro iun anno e torno ancora
dentro al treno siamo stretti
si viaggia male, ma sono contento.

Ma che festa che facciamo
è fiorita pure la montagna
abbracciati con sentimento
ma il il tempo non si ferma.

Mamma mia me ne vado
a lavorare dove tramonta il sole
e debbo lasciarti con tanto dolore,
a lavorare dove tramonta il sole
e debbo lasciarti con tanto dolore.