A SIGNURINA CURRIDURA
testo: Turio Bella - canta: Orazio Strano

 

 

 
Na piccutedda chiamata Cuncetta, bedda, liganti, giniusa e dritta
si la viditi iri in bicicletta, è vera curridura maliditta
prima ca curri pari ca si pitta.
Appressu a idda l'omini ci vannu vulinteri,
ma curri velocissima, li lassa tutti a tutti arreri
s'ammazzanu li masculi pi ghirici davanti
a lu scopu di vidiri na cosa interessanti
Cu ci curri na vota ci vulissi curriri sempri
pirchì duna tantu piaciri ndo curriri
sta fimmina galeota, picciotti e picciotti ca si partunu da tutta la Sicilia
pi farisi na cursa cu idda.
Sta signurina che è na catanisa pi curriri daveru è quarchicosa
i megliu curriduri metti 'mprisa, ca va currennu pari e na riposa
e pidalannu va cu bella posa.
Daveru è troppu pratica, fa sempri allinamentu
si fa deci chilometri lu fa 'nda un mumentu
ma quantu è forti e energica 'ndi la musculatura
figghia cilibratissima, putenti curridura.
A matri era na putenti curridura ,ma a figlia ci ha vinci centu punti
pirchì s'anfaccia cu li megliu curriduri do munnu
ma comu l'avi fattu di ferru lu cori ca nun senti mai stanchizza.
Curri lu jornu curri 'nda la notti e curri sempri quanuu è c'ammatti
cu vecchi cu anziani e cu picciotti, ca curridura ci nasciu difatti,
ma qualche vota sa unn'è va sbatti.
Idda si vidi priculu di bottu si tratteni
a costu ca va a rumpiri li chiù putenti freni
prirchì ci trema l'anima, ca casca si fa mali
e non vuilissi soffriri 'nda un funnu di spitali.
Veramenti è na carusa pazzotica, nirvusa e capricciusa
però ci l'avi troppu finu l'ogghiu
e sapi comu fari i curvi i cchianati e i calati.
Oggi currennu e currennu dumani, già canusceva tutti li stratuni,
ma jennu e vinennu a paisi luntani, 'njornu pigghia un grossu arruzzuluni
ca muriri putia mancu li cani.

Mentri curreva a scinniri p'a medi Aciriali,
ci iu currennu a mmestiri ca funcia di un maiali
davanti prestu scoppia, s'abbudda lu circuni
e non potti chiù curriri ristau ni lu stratuni.
All'animu do porcu, ora chidda fu cunsata
povira criatura comu ci u ruppi lu circuni
chi l'aviva fattu d'azzaru la funcia.
La signuirina strinceva li denti,
quannu si visti scoppia davanti
ma sennu sapituna e intelligenti
scappau prestu 'nda lu nuleggianti
ma prima d'idda ci n'eranu tant.,
C'era Ninetta, Minica, Vicenza e Serafina
Tiresa, Ciccia, Vennira, Maruzza, Carmelina
cu li santi pratichi cumincia a riparari
tutti ddi rutti machini pi farli caminari.
2
E manu manu ca li ea allistennu, a tutti ci diceva mi raccumannu
du stari attenti non iri 'mmistennu
c'arriciviti mali, aviti dannu se no sfasciati assai iu vi nni mannu
Ni mia haiu lu scoppiu ci dissi Cuncittina
mi lu fa fari subitu ca a ghiri a Taurmina
lu mastru tantu enrrgicu, pigghiau li firramenti
dicennu sidda è scoppiu l'allestu in tempu nenti .
Ma chi sgonfiu e sgonfiu, a lu poviru mastru c'attuccau di smuntarla tutta para para dda bicicletta funciata da ddu porcu tantu materiali.
Lu nuliggianti 'ncuminciau a smuntari lu cupirtuni e dissi sti paroli
Chiù leggiu signurina a caminari, ca qualchi vota siddu 'nmesti mori
specialmenti sìinvesti 'nda lu cori.
Po darsi ca ddo 'mestiri chi fici signurina
'nda sta cammira d'aria ci voli a trummatina
si perdi ca lu mastici, l'aria sempri nesci
e a caminari in seguitu, chiù lei non ci rinesci.
Ci rispusi la picciotta: Ci a facissi a trummatina si è necessaria
sicuru ca civoli replica u nuleggianti specialmenti 'nda ddi curvi
di Taurmiona ca ci su misi inglisi, francisi tedeschi, amiricani
A tali paroli Cuncetta c'arrispusi
Mi ci fa tuttu chiddu ca ci voli, pacenzia s'ha fari cu l'armali,
c'haiu la schina forti ca mi doli, ma mi puteva finiri chiù mali,
un porcu ch'era chiù di du quintali.
Mi ruppi la multiplica, lu scattu e la catina
difatti ni si persiru nun c'è chiù na pallina,
non servi chiù la dinamu, la raggi su stuccati
la sella è a testa all'aria li freni su spizzati.
Quannu fu 'ndo noleggianti, si n'accurgiu la povira carusa
di tuttu chiddu ca ci aviva fattu ddu porcu tantu rabbiusu
La signurina comu scimunita, guardava la so machina smuntata,
dissi a lu nulegginati mi l'ammita, c'abbasta d'accussì sta gumitata,
quantu ci fazzu l'urtima acchianata.
Lu nuliggianti caudu ci desi na muntata,
poi cu la pompa niura ci fa la pumpiata,
idda ci desi piccioli cu suddisfazioni,
ca ni fu cuntintissima da riparazioni.
La carusa nun ci crideva ne ora ne mai
ca lu bravu prufissuri la faciva curriri ancora
e di lu preiu lu pjau cu li dinari guadagnati di l'urtima cursa.
Lu mastru nuleggianti profissuri, s'insaccau 'nda nenti li dinari
e poi ci dissi bedda pi favuri, se 'mmesti ancora ca non ci turnari
ca nan t'ha pozzu arriparari.
L'aviti 'ntisu fimmini ca 'mbicicletta iti,
stati attenti a lu curriri ammanzu c'ammistiti
ca sta donna simpatica mistiu na criatura
chiù non po ghiri a curriri e malidici l'ura.
Apriti l'occhi fimmini fucusi pirchì lu munnu è chinu i malicosi
siddu curriti assai pricipitusi, truvati spini inveci di li rosi
comu a Cuncetta ca lu mali vosi.
Pi la so testa prodiga, c'attoca di frinari
pensa ca ci sdilliria ma chiù non c'è chi fari
perciò prima pinsatici, vu riccumanna Stranu
criditici all'urtimu vi muzzicati i manu.
Orazio Strano, caposcuola e autorità indiscussa, è stato il più famoso cantastorie della Sicilia orientale; è considerato da molti il padre dei cantastorie siciliani, era paralitico ma questa sua condizione non gli impediva di spostarsi di città in città; si esibiva seduto sul carrozzino accompagnandosi con la sua inseparabile chitarra e alle volte con un mandolino.
La sua carriera inizia nel secondo dopoguerra, narrando e cantando vicende e fatti realmente avvenuti.
Le sue narrazioni raccontano di gente umile costretta a sopportare gli avvenimenti ed il fato avverso.
Fu il primo cantastorie a portare in giro la prima versione di “La storia di Salvatore Giuliano Rè di li briganti” scritta in collaborazione con il poeta dialettale Turiddu Bella e che poi musicò.
La prima volta che la eseguì fu a Montelepre (PA) quando Salvatore Giuliano era ancora in vita.
Una nota di cronaca ci informa che lo stesso Strano (per una forma di delicatezza e tatto), mandò il cantastorie Giacomo Saso di Trabia (PA) a parlare al padre di Giuliano affinché gli concedesse il permesso di cantarla.
Costui a questa richiesta si entusiasmò molto, tanto che gli permise di esibirsi nella strada sottostante la sua abitazione.
Con questa storia Orazio Strano contribuì molto ad elevare a leggenda le gesta di Salvatore Giuliano, raccontato come un Robin Hood nostrano, che toglieva ai ricchi per dare ai poveri.
Ha scritto anche molte canzoni e filastrocche, ha collaborato con moltissimi artisti e poeti. Una delle sue ultime collaborazioni con Rosita Caliò, una delle poche cantastorie siciliane al femminile.
È stato eletto Trovatore d’Italia alle Sagre dei Cantastorie nel '1960 e nel 1962, organizzate dall’Associazione Italiana Cantastorie Ambulanti (AICA).
Nel ’60 nella “Sagra dei cantastorie” che si svolse il 29 Giugno a Grazzano Visconti (Piacenza) risulta vincitore.
Nel ’62 la Sagra si tenne a Castell’Arquato (Piacenza), e il 1° Luglio la giuria formata da personalità del mondo dell’arte, studiosi del folklore e giornalisti, assegna il titolo a Orazio Strano.
Orazio Strano è ormai considerato da tutti uno dei più grandi poeti e cantastorie di Sicilia, una ”leggenda” il maestro per eccellenza.
Discografia
Ci sono ancora diverse incisioni tra le quali vanno ricordate:
Turi Giulianu Imperaturi di Montelepri - di T. Bella
La vita di John F. Kennedy
Focu di pagghia
Lu figghiu di Turi Giulianu
Lu miraculu di S. Alfio
Peppi Musulinu Re di L'asprumunti - di T. Bella
Prucessu a porti chiusi
La Sicilia di Orazio Strano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 61 visitatori e nessun utente online