ORAZIO STRANO CANTA LA VITA DIj.f.kENNEDY

 

 

  
 
Iu mi ginocchiu a Tia, ca stai davanti, o Diu di celu, Patri Onniputenti,
ca stai in paradisu cu li santi, ti preiu tantu luminastamenti
di raccuntari cosi 'ntirissanti e farici sapiri a tanti genti,
tutta la vita cu modesti canti di Kennedy famusu Presidenti
Nasciu a maggiu e fu a Brooklini, la so stidda d'accussì vosi
quannu tutti li cullini oduravunu di rosi
'ndo battisimu Giuanni comu nomi ci fu misu
arrivatu a li vint'anni era un giuvinu precisu.
Kennedy essendo un giuvini forti e curaggiusu chi fici vidennu un jornu
ca l'America si truvava in guerra cu lu Giappuni s'arrulau vulintariu pi difenniri la so patria.
'Ndo quarabntitrì veru suldatu di la Marina cu curaggiu sirvitu
e vinni cumannanni nunminatu di 'na curvetta e cu ... accanitu
ma un jornu pi furtuna fu affunnatu, mentri arristava comu rimbanbitu
luttannu a mezzu l'unni, fu salvatu, fu parti d'equipaggiu già feritu.
Quannu jorna ammezzu o mari, ma com'è ca resisteru senza viviri e mangiari,
cori forti pi daveru, dopu Kennidy filici, ca la morti si scansau

lu pianu so si fici quannu a guerra terminau.
Ogni omu avemu un donu di natura c'è cu l'avi pi fari beni e c'è cu l'avu pi fari mali,
Giuanni Kennedi era dutatu da na gran forza binigna unni vuleva suffucari u mali poi lu beni di l'umanità.
Essennu tantu spertu ed intilligenti, si misi a fari lu puliticanti
e si jttau precipitusamenti a mezzu la pulitica all'istanti,
purtatu fu di mila e mila genti, pirchì lu cori so l'avia custanti
figghiu di ginituri pussidenti, la propaganda so tirava avanti.
A trent'anni vinni elettu comu bravu depitutatu ed ancora fu ilettu
cu li voti di primatu, poi divinni sinaturi cu li volti eletturali, cu l'aiutu do Siugnuru superau li so rivali.
Lu giuvani, dopu che arrivau ad essiri membru di lu Guvernu,
si fici ziti cu na simpatica intelligenti giornalista chiamata Jacquelini.

iddu sìinnimurau d'idda mentri un jornu lu ìntervistau dintra la so casa.
Arriva u jornu di la ricurrenza ca iddu l'aspittava cu spiranza,
si sposa cu Kacqueline e l'accuglienza ci vinni fatta cu gra rinumanza
ma Kennedy s'ammuccia a soffirenza d'un mali so che semori chiù c'avanza,
ma dopu tanti mesi di pacenzia, guariu pi la so pirsiviranza,

Era un giuvani nirvusu, nun guardava propriu nenti,
lu caratteri fucusu lu rinneva assai valenti,
ndo jnucari a lu palluni si fa fici mala a schina c
un putenti sciddicuni nda lu campu na matina
Non sacciu quantu stetti assittatu 'ndi na seggia pi dda gran brutta cascata
a causa di lu palluni, ma cu l'aiutu di Diu e di la santa pacenza si guariu
ma non perfettamenti co'mìera na vota.
Poi 'ndo cinquantasetti a Quartaluna Jacqueline partitiu na siritina,
na figghi a ca a lu spusu gioia duna di nomu la chiamaru Carulina,
a Kennedy l'afferra la furtuna, divinni Prisidenti na matina,
l'idea pi iddu fu sultantu una, farici fari a tutti na duzzina.
Pi l'immenzi Stati Uniti, unu granni avvinimentu
tutti foru riuniti pi ddu santu giuramentu
a ddu novu Prisidenti tuttu u populu cclanava
era n'omu intiligenti, fari beni assai sperava.
Si lu meritava gh'essiri elettu Presidenti di li Stati Uniti pirchì aveva lu cori
d'un angilu e lu surrisu aggrazziatu, si ci liggeva 'nda l'occhi
che era sinceru adattatu a mettiri la paci 'nda lu munnu.
E se arrivava presta a tuttu chissu, pirchì mangiava sempri a giustu pastu
lu so pinzerri era sempri fissu circava di lu mali stari arrassu,
Di Lincoln fu fari fulu stissu ed era comu ad iddu propiu n'assu,
luttau piu lu razzismu troppu spissu e non pinsava mai circari spassu.
Comu Lincoln pinsava ed aveva un gran turmentu
ogni cosa cuntrullava pi purtarla a compimentu,
ma lu fattu chiù impurtanti era chiddu razziali,
lu pinzeri fu custanti p'arrivari a l'idiali
Lu Prisidenti 'nda li so discursi non diciva autru: Semu tutti figli di Diu,
e tutti duvemu esseri trattati uguali senza nuddadisparità tra unu e l'autru
pirchì li dogghi di li matri su tutti li stissi.
Da 'nda la Casa Janca l'omu saggiu, parrava cu vuci forti di lu seggiu,
mannava pi lu munu u so messaggiu, aviva chissu comu privilegiu

un cori granni e chinu di curaggiu, i populi attirava a leggiu a leggiu
e tanti e tanti apprisuru linguaggiu di paci e liberta senza sdileggiu.
Travaghiava jornalmente senza sosta tutti l'ura
e vuleva indipendenti ogni omu di culuri
pritinneva fratillanza niuri e janchi tutti uguali
era chista la spiranza pi ddi misiri murtali.
2° parte
Kennidi, omu bonu e giniali, partiru un jornu cu la spusa voli
nom era un gran viaggiu elitturali, però ddu jorna chiusiri li scoli
Lu Prisidenti allegru e curdiali purtava un suo messaggiu e gran palori,
ma lu destinu s0 ni fu fatali, pinsannu a chistu lu me cori doli .
La gran fudda l'acclamava a chiddu omu di sustanza
e 'ndo mentri ca passava l'abbunnava di spiranza.
Cu ddu magicu surrisu salutava senza posa
e Jacqueline avia lu visu di na frisca e bianca rosa.
Quannu arrivaiu a Dallisi, c'eranu ngenti di tutti li maneri
c'aspittavanu cu tanta ansia lu discorsu ca ava a fari l'omu di la paci

lu sorriu fu troppu applaudutu e tantu furu forti li battuti di li mani
ca lu scrusciu simbrava na burrasca furiusa di jnnaru.
A memzu tanta dudda fridda e vasta attravirsa a Dallisi na pista
lu sciatu di lu populu unn'abbasta e va gridannu "Viva" a prima vista.
Assai è ogni scena u cineasta e non sta fermu ognu giurnalista,
ma c'è qualcunu cu la menti guasta ca pensa ora sparu lu regista
Si dirisseri in vettura era quasi menzujornu
pi li strati la quistura sitacciava tutuu intornu
e Jaqcqueline a ddu mumenti si videva pinzirusa
lu so cori avia scuntentu ma faciva la curaggiusa.
La mugghieri di lu Prisidenti pareva cuntenta, ma l'anima l'avia china di malincunia,
la testa ci scuppiava di mali pinzeri, non si sinteva sicura
comu tanti autri voti ca aviva accumpagnatu lu so veru spussu cu tanta gioia.
Kennedy accabti al guvernaturi non si stancava mai di salutari,
ma stava prontu dda n'attintaturi ca lu vuleva prestu eliminari
e 'nda dd'istanti l'omu tradituri di nna finestra si misi a sparari
fici bersagliu l'uccellu tiraturi livannu o Prisidenti lu parrari
Nda la spadda e nda la gula fu culpitu Prisidenti,
già s'affanna a mogghi sula e nessunu sapi nenti,
s'accasciu Guvernaturi ca firutu fu 'nda schina
e ndo centru di ddu tirruri ogni d'unu s'avvicina
Tanti e tanti vistiru ca 'nda la machina di lu Prisidenti c'era traficu
ma non sapevanu di chiddu ca si trattava, la fudda si precipitava
a destra e a manca mentri lu veru culpevuli si spirdeva immediatamente.
Jacqueline abbracciò forti a lu so spusu,
mentri vagnava di chiantu lu so visu,
na ddu mumentu tantu disatrusu gridava ti spararu all' improvvisu.
La pulizia a cori piatusu cercava cu sirviziu assai pricisu
all'assassinu ca fu prisintusu e dava a li pattugli u bruttu avvisu
Cu vilucità putenti si curreva 'nde viali
pi purtari o prisidenti' nda un mumentu all'uspitali
e Jaqcqueline lu tineva 'ndo so pettu strittu tantu,
mentri un sangu ci scurreva, lu vagnava cu si chiantu.
Quannu l'autista vista a lu Presidenti firutu a facci sutta dintra la machina,
e lu guvernaturi ca ci scurreva lu sangu di la spadda partiu comu se fussi
un lampu in cerca d'aiutu pi putirici salvari la vita a di ddu ìmpurtanti pirsunaggi.
Poi foru all'ospitali e cu fervori di cca e di dda scappau ogni nfermeri
o Prisenti e lu Governaturi si l'impuneru cu svelti maneri,
nda sal operatori ogni dutturi scappau lestu lestu cu pinzeri
e nda dda scena ca facia terruri lu chiantu si sintia di so mugghieri.
Prima a Kennedy upiraru chiddi medici valenti,
ca di già si n'addunaru ch'era gravi veramenti,
poi l'ussiginu fu datu pi scasarlu di la morti
c'hannu tuttu praticatu, ma fu 'ngrata la so sorti.
Arretu li porti di ml'uspitali s'ammassau tanta pupulazioni gionalisti,
fotografi e tanti autri personalità ca aspittaunu nutizzi di lu Prresidenti
e lu Guvernaturi, ma nu mentri Kennedi eri sutta li ferri di li dutturi e cummatteva tra vita e la morti.
Cu tanti testi di gran esperienza ca erunu riuniti 'nda dda stanza
ristau vana ogni granni scienza, cu puri ca nun c'era trascuranza
lu Prisidenti gravi fu in partenza pi ddu fucili sparatu a distanza
finiu prestu prestu l'esistenza, lassannu a la mugghieri in viduvunza.
Quannu vista a lu maritu ca ormai era mortu
la so fidi stritta o itu, metti ad iddu cu scunfortu
Era antica sta usanza di la scusa ca s'affanna
e nda chista circustanza ogni cori ni cumanna.
3° parte
Pi lu Guvernaturi non fu vana la cura ca ci ficiru a catina,
ogni mumentu bruttu s'alluntana, luvannuci lu chiunnu di la schina.
Essennu cori forti e fibra sana, la morti scansa e calma la ruvina,
'ndo mentri sonu acchiana di na campana pi Kennedy famusu di duttrina.
E la radiu raccuntava la nutizia scunvulgenti
ogni d'unu dubitava, non cridevanu li genti,
pi lu munnu si spargiu e s'aprrisi cu rancuri
' nde giurnali si liggiu fu pi tanti un gran duluri.
Tutti chiddi ca l'amavanu, quannu 'ntisiru dda notizia
ficinu cosi mai visti, omini e donni si videvanu chianciri comu picciliddi.
Quannu la matri sappi lu spaventu
gridau scattannu 'nda un mari di chiantu,
la casa s'affuddau nda un mumentu, l'amici prestu ci curreru accantu.
Pi tutti li parenti fu un turmentu, duluri forti ni pruvaru tantu,
pi tanti e tanti fu prisintimentu, lu cori c'arristau chinu di chiantu.
Lu silenziu chiù prufunnu già arrignava 'nda dda casa,
ogni anima 'ndo munnu di duluri ni fu rasa,
e Jacqueline ca suffriva stava accantu a lu so amatu
ci pareva ca durmeva, era inveci assassinatu.
Dintra la casa paterna di Kennedy c'era na vera sdisolazioni,
chiancevanu lu mortu comu si fussi statu 'nda lu menzu di la casa
ma 'nda mentri Jacqueline suffreva sula e scunsulata
accantu a lu maruti assassinatu.
La pulizia circava all'assassinu, pinsannu ca nan fussi assai lunbtanu,
tintava dintra un cinima vicinu e s'ammirava un giuvani ruscianu,
di genti sperti cu lu senzu finu, sdraiatu lu truvaru 'ndo un divanu,
mentri un mumentu prima u malandrinu
sparau un puliziottu a svelta manu.
Poi di fattu la pistola scarricau 'nda un mumentu
comnu aceddu prestu vola di ddu locu di spaventu.
Chiù tranqullu si nni eva 'nda lu cinima vicinu
'nfretta in furia traseva pi sfuiri allu distinu.
Quannu era dintra lu cinima lu picciottu pinsava a lu poliziottu
ca avuva lassatu mortu 'nda terra, la pillicola ca stavanu facennu
dda sira pi iddu nun era cinema ma era sulu lu scopu di lu rifugiu.
La puliazia lu rintracciau prestu, pirchì si misi già di sostu e sostu,
dopu un puliziottu lestu lestu, l'afferra e poi lu 'nchiova 'nda ddu postu
Tirannu la pistola ci fa un gestu, e dissi a li cumpagni: semu a postu,
fu dichiaratu subbitu in arrestu, l'ammanittaru dda a qualunchi costu.
La nutizia si spargiu ca pigghiaru all'assassinu
la so faccia cumnpariu 'nde giurnali du matinu
e accussì supra ddu tali la giustizia s'accirtava
che era iddu u crimninali, ma Osvaldi lu niava.
Dopu ca ci pigliaru l'impronti digitali,
ci ficiru tanti e tanti spirimenti
unni s'accertaru che Osvaldu era l'assassinu
c'aviva sparatu a lu Presidenti e a lu Guvernaturi.
E 'nda lu mentri ca la polizia abbadava cu iddu,
ficiru lu novu Prisidenti
Fu Lindon Jonsu, l'omu tantu addettu, e dopu giuramentu aviri fattu,
di tutti i Prisidenti vinni elettu, 'nda pocu d'uri fu misu in attu.
Ddu jornu cu rancuri 'nda lu poettu, dersi un cumannu e ni fu suffisfattu
lu corpu di chiddu omu, tantu rettu,
a Washington purtaru 'ndu trattu.
E Jacquelini lu guardava, sfurtunata di ddu dolu
l'apparecchiu li purtava leggiu leggiu 'nda ddu volu,
prestu fu all'aeroportu lu famusi Presidenti,
ma ormai ritorna mortu 'nda ddu locu diludenti.
Lu figghiu di lu Prisidenti appena visti la salma di so patri, scattau sull'attenti
e ci fici lu saluti militari lassannu a tutti cummossi e sbalurditi
di ddu granni gestu fattu d'un picciliddu di tri anni, puri
La figghia stinniu la so manuzza e ci mannau l'ultimu salutu a so patri.
Lu capu d'ogni granni nazioni, arriva a Washington e si tratteni
ognunu cu la propria affezioni, duluri senti dda ddi tristi sceni.
All'arritunna di pirsuni boni, 'nda dda nuttata fannu va e veni
pi visitari cu divuzionu, lu Prisidenti ca faceva beni.
Lu silenziu era prufunnu, si priava cun arduri
comu dda, na tutti u munnu, si implurava a lu Signuri,
l'arba a luttu riturnau era vintitrì nuvembri, pi li genti a la manu i
ddu eè prisenti sempri.
Lu granni cavaleri du cavaddru biancu nunn'esisti chiù ni chi sterra,
pirchi quannu pridicava la vera duttrina ni fu sparatu senza ragiuni,
ma però resta l'esempiu di un omu ca luttava
pi la mpaci e lu beni di tutti li popoli
A luttu svintulava ogni bannera 'nda tuttu u munnu 'nda dda brutta ura,
lu funurali menzu la priera, faceva ripinsari la sciagura,
'ndo centru di dda favulusa schiera, si rivideva fridda la signura
lu spusu accampagnau, ma cu manera, chiancennu finu all'ultima dimura.
Mogghi e figghi a dd'omu arditu lu purtaru o cimiteri
cirimonia e sacru ritu fu pi iddi un gran misteru.
'Nda la tomba ripusava e lu sciatu di piuneri
dda pi sempri iddu arristava cummigghiatu di banneri.
4 parte 38, 58
Truvannisi Osvaldu ditinutu, na matina vineva traspurtatu,
lu cangiamentu so era insaputu, ma ogni giurnalista fu avvisatu.
Chiddu omu ca niava risalutu, pinsava ca vineva libiratu,
pi poi diminticari l'accadutu, ma lu distinu so era signatu.
L'aspittava na vittura, accustata la banchina,
fu pigghiata la misura pi scansari ognu ruvina;
fu purtata dda vicinu, cu severa maistria
e ddu trattu era chinu di l'attenta pulizia.
Cu tutti li massimi curi du puliziotti purtavanu Osvaldu 'nda lu menzu
pi purtarlu 'nda nautru carciri ma iddu non puteva pinsare nè ora nè mai
chiddu c'ava succederi 'nda ddu mumentu.
Osvaldu circundatu di quistura, pinsava la so vita tanta cara
ma 'nda dd'istanti n'omu cu primura 'mpugnau la so pistola e in pettu spara
culpisci comu fossi na cungiura, pi vindicare dda pirsuna rara
la pulizia ca ci appi tanta cura ristau dda ddu mumentu a vucca amara,
ma fu subbitu acchiappatu c'ammazzau all'assassinu
l'hannu prestu ammanittatu, chistu fu lu so distinu.
Jack Ruby si chiamava, era beni canusciutu
e la radiu raccuntava tuttu quantu l'accadutu.
Propriu ni ddu mumentu quannu Osvaldu fu sparatu di Ruby la televisioni
si truvava prisenti, ca stava trasmittennu ddi sceni,
accussì tutta l'America potti assistiri a dda tragedia.
Mentri lu suli lentu tramunbtava, lu chetu di la sira già scinneva
accantu di la tomba ci vigliava la bedda amata spusa ca chianceva.
La matri di lu mortu ca priava, cu l'occhi lacrimusa......
d'ognunu di li frati suspirava, lu cori di li sori si strinceva.
Quannu tuttu poi finiu, ogni granni pirsunaggiu
chiù cummossu ripartiu, ca ci aviva rinnutu omaggio.
Ora è mortu u Prisidenti e a la giuvini cunsorti
ci rimani 'nda la menti lu ricordu di la morti.
L'urtimu jornu attagghiu a la tomba di lu difuntu Presidenti
c'eranu tanti granni personaggi vin uti di tuttu u munnu.
Ruby aspetta la cunnanna e mentri aspetta tuttu s'affacenna,
la sorti so si fici assai tiranna, ed ora gesti sparti iddu accenna.
Riduca la giustizia non s'inganna, pirchì travaglia già pi sta facenna
è inutili ca Ruby chiù s'affanna a picca a picca arriva la so strenna.
Ma pirchì ddu bruttu gestu, chi pinsata maliditta,
ma pirchì fu tantu lestu, sapi u fici pi vinnitta
Sulu un fattu lu po fari, soccu fici pi daveru,
non si sa chi pinsari, va scupertu lu misteru.
Non c'è cosa ca non si sapi 'nda lu munnu, è tuttu questioni di tempu
e accussì saprà lu veru culpevuli di sta spavintusa tragedia
ca tanti e tanti cori addulurati
Mentri lu Prisidenti dormi in paci lu munnu sembra aspettacu ci dici
la virità di un'omu ca a la paci ca si parlassi ni sarà filici.
Ma un jormo si saprà cosa è viraci, ddu jornu l'assassinu u malidici
pensannu ca l'aspetta la furnaci e mancu arresta chiù la so radici.
Ma si Ruby nun cunfessa, ci sarà lu 'nfiuccanasu
ca sicuru sempri pressa pi scupriri lu su casu,
e accussì nenti di menu, si sapissi già lu fattu,
non ci n'ha la gioia frenu, quannu ognunu è suddisfattu.
Lu populu nun sapi chiù chi pinsari, cu ni dici una e cu ni dici n'autra
ma c'è chiddu ca sapi tuttu lu veru fattu e arriva lu jornu ca iddu spalisa
lu granni segretu ca tenu dintra ni lu so malvagiu cori
Pirchì l'umanità supra sta terra lassata bona a tanti e tanti sparla
pirchì contra di n'autra la guerra a fari tuttu chistu lìomu sgarra.
Non pensa ca la morti poi n'afferra e chidda veni spissu ca è bizzarra,
lu beni cu lu mali lu sotterra e di nuatri chiù non si ni parla
Ora iu v'arricumannu non mintiti 'ncori peni, scungiurati vui l'ingannu
e faciti sempri beni
Pirchì quannu nui muremu come ....
da nu celu ni nni jemu e ama a dari cuntu a Diu.
Orazio Strano, caposcuola e autorità indiscussa, è stato il più famoso cantastorie della Sicilia orientale; è considerato da molti il padre dei cantastorie siciliani, era paralitico ma questa sua condizione non gli impediva di spostarsi di città in città; si esibiva seduto sul carrozzino accompagnandosi con la sua inseparabile chitarra e alle volte con un mandolino.
La sua carriera inizia nel secondo dopoguerra, narrando e cantando vicende e fatti realmente avvenuti.
Le sue narrazioni raccontano di gente umile costretta a sopportare gli avvenimenti ed il fato avverso.
Fu il primo cantastorie a portare in giro la prima versione di “La storia di Salvatore Giuliano Rè di li briganti” scritta in collaborazione con il poeta dialettale Turiddu Bella e che poi musicò.
La prima volta che la eseguì fu a Montelepre (PA) quando Salvatore Giuliano era ancora in vita.
Una nota di cronaca ci informa che lo stesso Strano (per una forma di delicatezza e tatto), mandò il cantastorie Giacomo Saso di Trabia (PA) a parlare al padre di Giuliano affinché gli concedesse il permesso di cantarla.
Costui a questa richiesta si entusiasmò molto, tanto che gli permise di esibirsi nella strada sottostante la sua abitazione.
Con questa storia Orazio Strano contribuì molto ad elevare a leggenda le gesta di Salvatore Giuliano, raccontato come un Robin Hood nostrano, che toglieva ai ricchi per dare ai poveri.
Ha scritto anche molte canzoni e filastrocche, ha collaborato con moltissimi artisti e poeti. Una delle sue ultime collaborazioni con Rosita Caliò, una delle poche cantastorie siciliane al femminile.
È stato eletto Trovatore d’Italia alle Sagre dei Cantastorie nel '1960 e nel 1962, organizzate dall’Associazione Italiana Cantastorie Ambulanti (AICA).
Nel ’60 nella “Sagra dei cantastorie” che si svolse il 29 Giugno a Grazzano Visconti (Piacenza) risulta vincitore.
Nel ’62 la Sagra si tenne a Castell’Arquato (Piacenza), e il 1° Luglio la giuria formata da personalità del mondo dell’arte, studiosi del folklore e giornalisti, assegna il titolo a Orazio Strano.
Orazio Strano è ormai considerato da tutti uno dei più grandi poeti e cantastorie di Sicilia, una ”leggenda” il maestro per eccellenza.
Discografia
Ci sono ancora diverse incisioni tra le quali vanno ricordate:
Turi Giulianu Imperaturi di Montelepri - di T. Bella
La vita di John F. Kennedy
Focu di pagghia
Lu figghiu di Turi Giulianu
Lu miraculu di S. Alfio
Peppi Musulinu Re di L'asprumunti - di T. Bella
Prucessu a porti chiusi
La Sicilia di Orazio Strano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 61 visitatori e nessun utente online