U SICILIANU

 Orazio Stranio 

 

 

 Oh guarda cu c'è Araziu Stranu
u cantastoprii sicilianu


Cantastorii iu sugnu, nunimnatu Raziu Stranu,
prima canti e poi vi dugnu stu fugghiettu sicilianu.
Taliati lu primu quatru ca na mogli è cu l'amanti,
lu maritu comu un latru
'nficca 'ncasa n'da nistanti.
Poi guardati lu secunnu,
lu maritu lu maritu sta sparannu 
leva mogghi di lu munnu e l'amanti sta scapannu.
La mgghi morta, l'amanti all'ospedali 
e u maritu si presenta o marasciallui di carrabbineri
Terzu  quadru ata guardari ca l'amanti è all'ospedali,
chiddu quartu fa trimari di na donna è u funerali
Poi lu quintu fa paura e lu spusu è assai pintutu
chiusu sta 'nde quattru mura cu lu cori assai firutu.
Ma lu sestu veramenti eri troppu 'mprissiunanti,
ca tri figghiu l'innucenti su 'nda peni strazianti.
A matri morta, u patri 'ngalera e i figghi arrestunu
assemi 'nda nanna vecchia e povira ammalata.
C'è la causa, guardati, lu maritu è 'nda l'affanni.
Prisidenti e magistrati lu cunnannanu a vint'anni.
Vinni puru cunnannatu l'omu tragicu, l'amanti
e quattru anni c'hannu datu pi l'asempiu di tanti.

Perciò donni maritati, chi successi lu sintiti
lu diavulu scansati nun traditi li mariti.
Perciò donni maritati, chi successi lu sintiti
lu diavulu scansati nun traditi li mariti

 

 

Orazio Strano, caposcuola e autorità indiscussa, è stato il più famoso cantastorie della Sicilia orientale; è considerato da molti il padre dei cantastorie siciliani, era paralitico ma questa sua condizione non gli impediva di spostarsi di città in città; si esibiva seduto sul carrozzino accompagnandosi con la sua inseparabile chitarra e alle volte con un mandolino.
La sua carriera inizia nel secondo dopoguerra, narrando e cantando vicende e fatti realmente avvenuti.
Le sue narrazioni raccontano di gente umile costretta a sopportare gli avvenimenti ed il fato avverso.
Fu il primo cantastorie a portare in giro la prima versione di “La storia di Salvatore Giuliano Rè di li briganti” scritta in collaborazione con il poeta dialettale Turiddu Bella e che poi musicò.
La prima volta che la eseguì fu a Montelepre (PA) quando Salvatore Giuliano era ancora in vita.
Una nota di cronaca ci informa che lo stesso Strano (per una forma di delicatezza e tatto), mandò il cantastorie Giacomo Saso di Trabia (PA) a parlare al padre di Giuliano affinché gli concedesse il permesso di cantarla.
Costui a questa richiesta si entusiasmò molto, tanto che gli permise di esibirsi nella strada sottostante la sua abitazione.
Con questa storia Orazio Strano contribuì molto ad elevare a leggenda le gesta di Salvatore Giuliano, raccontato come un Robin Hood nostrano, che toglieva ai ricchi per dare ai poveri.
Ha scritto anche molte canzoni e filastrocche, ha collaborato con moltissimi artisti e poeti. Una delle sue ultime collaborazioni con Rosita Caliò, una delle poche cantastorie siciliane al femminile.
È stato eletto Trovatore d’Italia alle Sagre dei Cantastorie nel '1960 e nel 1962, organizzate dall’Associazione Italiana Cantastorie Ambulanti (AICA).
Nel ’60 nella “Sagra dei cantastorie” che si svolse il 29 Giugno a Grazzano Visconti (Piacenza) risulta vincitore.
Nel ’62 la Sagra si tenne a Castell’Arquato (Piacenza), e il 1° Luglio la giuria formata da personalità del mondo dell’arte, studiosi del folklore e giornalisti, assegna il titolo a Orazio Strano.
Orazio Strano è ormai considerato da tutti uno dei più grandi poeti e cantastorie di Sicilia, una ”leggenda” il maestro per eccellenza.
Discografia
Ci sono ancora diverse incisioni tra le quali vanno ricordate:
Turi Giulianu Imperaturi di Montelepri - di T. Bella
La vita di John F. Kennedy
Focu di pagghia
Lu figghiu di Turi Giulianu
Lu miraculu di S. Alfio
Peppi Musulinu Re di L'asprumunti - di T. Bella
Prucessu a porti chiusi
La Sicilia di Orazio Strano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 128 visitatori e nessun utente online