GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 316 visitatori e nessun utente online

 

ORA VENI LU PICURARU

autore anonimo

Rosa Balistreri

 

ORA VENI LU PICURARU
(tradizionale religiosa)
Nun durmiti chiù pastura, 
già che è natu lu Missia
Bettilemme e li fridduri 
nascì in brazza di Maria
La ninna oh la ninna oh 
dormi Gesù e fai la vo vo.
Ora veni lu picuraru, 
e nun havi chi ci purtari,
porta latti ‘ntra la cisca,
cascavaddu e tuma frisca.
La ninna oh la ninna oh 
dormi Gesù e fai la vo vo.
Ora veni lu cacciaturi 
e nun havi chi ci purtari
porta lepri e un cunigghiu, 
pi la matri e pi lu figghiu.
La ninna oh la ninna 
oh dormi Gesù e fai la vo vo.
Ora veni lu jardinaru 
e nun havi chi ci purtari
ci purtau du aranciteddi, 
pi jucari lu picciriddu.
La ninna oh la ninna oh 
dormi Gesù e fai la vo vo.
Ora veni la viddanedra 
e nun havi chi ci purtari
ha scinnutu di li muntagni, 
porta mennuli e castagni.
La ninna oh la ninna oh 
dormi Gesù e fai la vo vo.
Nun durmiti chiù pastura, 
già che è natu lu Missia
Bettilemme e li fridduri 
nasci in brazza di Maria.

 

                                                  

                                                                                 

ORA VIENE IL PECORAIO

Non dormite più pastori, 
già che è nato il Messia,
a Betlemme con tempo freddoloso
è nato nelle braccia di Maria.
La ninna oh la ninna oh 
dormi Gesù e fai la vo vò
Ora viene il pecoraio 
e non ha cosa portargli,
porta latte nel pentolino di rame, 
caciocavallo e formaggio fresco.
La ninna oh la ninna 
oh dormi Gesù e fai la vo vò.
Ora viene il cacciatore 
e non ha cosa portargli,
porta una lepre ed un coniglio 
per la madre e per il figlio.
La ninna oh la ninna 
oh dormi Gesù e fai la vo vò.
Ora viene il giardiniere 
e non ha cosa portargli,
ci ha portato due arance, 
per far giocare il bambino.
La ninna oh la ninna 
oh dormi Gesù e fai la vo vò.
Ora viene la villanella 
e non ha cosa portargli,
è discesa dalle montagne, 
porta mandorle e castagne.
La ninna oh la ninna oh 
dormi Gesù e fai la vo vò.
Non dormite più pastori, 
già che è nato il Messia,
a Betlemme con tempo freddoloso
nasce nelle braccia di Maria.

 

 

La versione del Favara nel suo “Corpus” così recita: “Ora veni lu picuraru e nun ha chi ci purtari / porta latti e nti la cisca / cascavaddu e tuma frisca. Arrivisciti o matri mia, ca nui semu a la campìa. E ninna ahò, e ninna ahò e lu mè figghiu dormiri vò”. 
Bellissima ed antica canzone natalizia tutt’ora cantata nelle sere natalizie o davanti alle icone natalizie (fiureddi). Ciò che la gente povera possiede viene portato al Bambinello, formaggio fresco e caciocavallo, due arance, mandorle e castagne. La canzone è pregna dell’atmosfera natalizia, di dolcezza, di bontà, serenità e gioia. vedi copia del Pitrè a pag. 459 al n. 987 ed è presente nella raccolta di Francesco Paolo Frontini “Natale Siciliano, 1904, De Marchi al n: 4 col nome “Pastorale”

https://www.youtube.com/watch?v=xjpXcI3Gcfo
coro folkloristico

https://www.youtube.com/watch?v=OXpMosRrBsw
coro

https://www.youtube.com/watch?v=7fYdZ4YnULU
Quataumentata

.



 


 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<