GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 120 visitatori e nessun utente online

 

NOSTALGIA (Pensu a sta terra)

ROSA BALISTRERI

 
 

 
 
 

NUSTALGIA
(Giuseppe Nicola Ciliberto)
Pensu a sta terra ca mi sta luntana,
sta terra prufumata sutta ‘u suli,
ca iu lassai pi ghiri a travagliari,
cu gran duluri e granni dispiaciri.
Pensu a la me casuzza chi lassai,
a li biddizzi di sta terra mia,
iu ccà li viu
‘nta ‘u sonnu e m’adduluru,
e pensu notti e jornu di turnari.
E’ ‘na ‘nfilicità luntanu stari,
luntanu di sta terra di Sicilia,
lassai la mamma
e tutti li me cari,
lassai l’oduri di la primavera.
Iu cantu pi putirimi scurdari,
ca sugnu fora di la casa mia,
cu stu distinu ccà nun c’è chi fari,
e pensu notti e jornu di turnari.
Lassatimi un raggiu di lu suli,
‘na guccitedda di l’azzurru mari,
lassati di la zagara l’oduri,
ca quannu tornu la vogliu truvari.
E’ ‘na ‘nfilicità luntanu stari,
luntanu di sta terra di Sicilia,
lassai l’amuri e tutti li me cari,
lassai l’oduri di la primavera.                     

 

NOSTALGIA
Penso a questa terra che è lontana,
questa terra profumata sotto il sole,
che io lasciai per andare a lavorare,
con gran dolore e grande dispiacere.
Penso alla mia casetta che lasciai,
alle bellezze di questa terra mia,
io qua la vedo
in sogno e mi addoloro,
e penso notte e giorno di tornare.
E’ una infelicità lontano stare,
lontano da questa terra di Sicilia,
lasciai la mamma
e tutti i miei cari,
lasciai l’odore della primavera.
Io canto per potere scordarmi,
che sono fuori dalla mia casa,
con questo destino qua non c’è che fare,
e penso notte e giorno di tornare.
Lasciatemi un raggio di sole,
una goccina dell’azzurro mare,
lasciate della zagara l’odore,
che quando torno lo voglio trovare.
E’ una infelicità lontano stare,
lontano da questa terra di Sicilia,
lasciai l’amore e tutti i miei cari,
lasciai l’odore della primavera

 
 

La canzone nasce con il titolo di “nostalgia di Ribera” nel 1964 in seguito viene trasformato in canto di emigrati. Si sente nel canto tutto il dolore, anche fisico, della lontananza dalla terra, dalla mamma, dall’amore. E’ tangibile il senso d’impotenza e di fatalità per questa situazione, ma non di rassegnazione, nello stesso tempo viene esaltato il senso poetico della terra di Sicilia, vista come terra promessa, “l’odore della zagara, il mare azzurro, il sole con i suoi raggi infuocati, l’odore della primavera” Sono odori che ubriacano e lasciano una sola speranza: “ritornare alla propria casetta, alla mamma, alla donna amata, ai propri cari”. Un’ottima interpretazione è stata data da “Nico dei Gabbiani, dal riberese Nenè Fortunato e da Rosa Balistreri.

Nicolò La Perna