GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 39 visitatori e nessun utente online

 

CUVERNU TALIANU

Rosa Balistreri 

 

CUVERNU ‘TALIANU
(anonimo)
Cuvernu 'talianu si veru buttanu
ci suca lu sangu a lu poveru omu.
Li tassi chi mendi su cosi trimenti
ci fannu arrizzari li spaddri a li genti.
Ma semu ridutti comu l’animi santi
na manu darreri e l’autra davanti,
ma semu ridutti comu l’animi santi
na manu darreri e l’autra davanti.
Cuvernu ‘talianu ti ringraziu
ca pi pisciari nun si paga daziu
e chi pi fari na ca... ca... ca... cantata
nun c'è bisognu di carta bullata.
Cuvernu ‘talianu ti ringraziu
ca pi pisciari nun si paga daziu
e chi pi fari na ca... ca... ca...
GOVERNO ITALIANOGoverno italiano sei un vero puttano
tu succhi il sangue al povero uomo.
Le tasse che mette son cose tremende
e fanno rizzare le spalle alla gente.
Ma siamo ridotti come le anime sante
una mano dietro e l’altra davanti,
ma siamo ridotti come le anime sante
una mano dietro e l’altra davanti.
Governo italiano ti ringrazio
perché per pisciare non si paga dazio
e per fare una ca… ca… ca… cantata
non c’è bisogno di carta bollata.
Governo italiano ti ringrazio
perché per pisciare non si paga dazio
e per fare una ca… ca… ca… cantata
non c’è bisogno di carta bollata.



 

 

Questa canzone è stata portata alla ribalta del grande pubblico da Otello Profazio ma risale al periodo delle prime rivolte socialiste in Sicilia nei primi anni dell'unità d'Italia allorquando le tasse imposte dai piemontesi furono percepite come vessatorie ed ingiuste ed uno dei modi oltre agli scioperi per dissentire era quello di farci una canzone. Venne utilizzata dalla Balistreri in molte feste dell‟Unità come pezzo forte che trovava ampi consensi nel pubblico di sinistra.
Questa registrazione audio è stata effettuata in un concerto a Cianciana

Nicolò La Perna