GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 204 visitatori e nessun utente online

 

LA CURSA DI LI CAVADDI

                                       

 

 

 

 

 

 

LA CURSA DI LI CAVADDI
(tradizionale)
Ohè! Ohè! u cavadduzzu miu
i Vanni Quartu
unni… pigghiau u barattu
Ohè! Ohè!
Ivi e parti di porta Felici,
ivi a pigghiari
l’acula a Matrici.
Ohè! Ohè! u cavadduzzu miu
i Vanni Quartu
unni… pigghiau u barattu
Ohè! Ohè!
e ci fici li pedi d’argentu
e mi va comu lu ventu

                       

 

LA CORSA DEI CAVALLI

Ohè! Ohè il cavalluccio
di Vanni Quarto
dove... ha preso il cambio
Ohè! Ohè
sono andato dalle parti di porta
Felice e sono andato a prendere
l’aquila alla Matrice
Ohè! Ohè il mio cavalluccio
di Vanni Quarto
dove… ha preso il cambio
Ohè! Ohè
e gli ho fatto i piedi d’argento
e mi corre come il vento

                     

 

 

 

Questo video con la canzone è estratto da you tube 
http://www.youtube.com/watch?v=u6uUq-DDa4Q

Ecco cosa dice il Favara: Anticamente da Porta Felice a Porta Nuova a Palermo si correvano le corse dei cavalli. Finita la gara il vincitore riceveva in premio l’aquila reale costellata da scudi d’argento e si formava una corte che ritornava a Porta Felice con in testa il cavallo ed il cavaliere vincitore (Vanni Quarto) preceduti dall’aquila reale.

Nicolò la Perna