GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 278 visitatori e nessun utente online

 

 

 

BAMMINEDDU PICCILIDDU


 

L'intera partitura per pianoforte, fisarmonica, basso e con accordi per la chitarra fa parte libro "LE PIU' BELLE CANZONI NATALIZIE E NINNE NANNE SICILIANE"
In questo libro sono raccolte le partiture ed i testi delle seguenti canzoni siciliane 

A LA NOTTI DI NATALI

ACQUA NIVI E VENTU FORTI  

BAMMINEDDU PICCILIDDU

CH'E' DUCI STU FIGGHIU  

CUGGHIEMU ROSI E PAMPINI  

DIU VI MANNA L'AMBASCIATA

DORMI GESUZZU

FILASTROCCA A LU BAMMINU

LA CIARAMEDDA

LA SACRA SANTA NOTTI DI NATALI

LLORIA LLORIA A DIU

LU BANNU DI CESARI  

NASCIU NAUTRU SULI  

NI LA NOTTI TRIUNFANTI 

NINU NINU LU PICURARU 

ORA VENI LU PICURARU

PALUMMEDDA IANCA IANCA 

QUANNU DIU S'AVIA 'NCARNARI 

SUTTA 'NPEDI

LE NINNE NANNE SICILIANE

A SIMINZINA

AVO'

CU TI L'HA FATTU STU SCIALLINU OHINE'

FIGGHIU BEDDU

LA NACA DI GESU' BAMMINU

NANNA NINNA

NINNA NANNA (La Perna)

NINNA NANNA DI LA GUERRA

SANT'ANTUNINU

SANT'ANTUNINU CALATI CALATI

TERRA CA NUN SENTI

 Nello stesso libro vi sono dei saggi su:
 LE FONTI DEL CANTO POPOLARE  - IL CANTO SICILIANO E LA STRUTTURA POETICA - LA STRUTTURA MUSICALE DELLA CANZONE POPOLARE -
 GLI STRUMENTI MUSICALI E LA DANZA

Il libro può essere ordinato scrivendo email a Nicolò La Perna Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   cell: 3393269071 costo €: 7,00

BAMBINEDDU PICCILIDDU
(tradizionale religioso)
Bambineddu, picciliddu,
lù me' cori ù voli Iddu;
Iddu cianci ca lu voli,
Bambineddu arrobba cori;
Iddu cianci ca lu voli,
Bambineddu arrobba cori
Bambuneddu balla balla
ca lu cianu è tuttu tò,
unni posi lu to piduzzu
nasci gigliu e basilicò;
unni posi lu to piduzzu
nasci gigliu e basilicò.
Lu Bambinu mentri juvaca
si chiamava li picciliddi
e firriavunu ‘ntunnu ntunnu
e jucava tuttu lu munnu. (2 volte)
Mariuzza si 'nni iu a sidiri
ni la casa di Sant'Anna
lu bambinu si misi a cianciri
“Matri mia vogliu la nanna”
lu bambinu si misi a cianciri
“Matri mia vogliu la nanna”
Mentri figliu vuliti viniri
vi cci portu vulenteri
là va trovi lu circu tunnu
e la nanna ti fa jucari
là va trovi lu circu tunnu
e la nanna ti fa jucari.

                                                                                                                                                                    

BAMBINELLO PICCOLINO

Bambinello, piccolino,
il mio cuore lo vuole Lui;
Lui piange che lo vuole,
Bambinello ruba cuore;
Lui piange che lo vuole,
Bambinello ruba cuore;
Bambinello balla, balla,
che il cortile è tutto tuo,
dove posi il tuo piedino
nasce giglio e basilico;
dove posi il tuo piedino
nasce giglio e basilico;
Il Bambino mentre giocava
si chiamava i bambini
e giravano intorno intorno
e giocava tutto il mondo
Mariuccia (1) se n’è andata a sedere
nella casa di Sant’Anna
il bambino si mise a piangere
“Madre mia voglio la nanna”
il bambino si mise a piangere
“Madre mia voglio la nanna”
Mentre figlio, volete venire
vi ci porto volentieri
Là vai a trovare il circo tondo
e la nanna ti fa giocare.
Là vai a trovare il circo tondo
e la nanna ti fa giocare
1) Maria, la madre di Gesù

                                                                                                                                                                   

Questo canto natalizio, cantato anche come ninna è cantato anche oggi in molti paesi.

E’ presente nelle raccolte di canzoni siciliane di diversi autori e viene rimodellato da Rosa Balistreri prendendolo da diversi fonti; la voce della Balistreri è dolcissima.
Un tempo, ma anche oggi, era consuetudine “annacari i picciriddi”.

      L’ “annacata” veniva fatta in questo modo: la mamma  teneva in braccio il bambino e, stando seduta su una sedia ben solida con il fondo di paglia o di corda, tipica di quel tempo, si dondolava  battendo ritmicamente prima i piedi davanti e poi i piedi di dietro della sedia, accompagnando la cadenza con un lieve “oooh! oh!”, o sussurrando ninne nanne il cui motivo, sempre lo stesso, induceva al sonno al bambino. Vedi copia di Lionardo Vigo al n. 2318

 

 

ASCOLTA LA CANZONE  audio