'STU MUNNU E TU

 SALVATORE GAGLIO

 

'STU MUNNU E TU

'Stu munnu è 'na casa vacanti
senz’aria né celu né ventu.
(Nun sentu né gioia né chianti,
né pena né arrìdiri sentu).

Mi pari 'mpastatu di nenti;
nun havi né picca né quantu.
'Nta tantu silenziu potenti
si nuddru mi senti, chi cantu?

Ma c’era lu tuttu e lu tantu:
pi fina lu celu era spantu
quann’ératu ccà lu me 'ncantu.

Rispùntami, e parlu e mi senti:
lu cori si grapi cuntenti
e s’inghi di tia lu me nenti.

                                                          

QUESTO MONDO E TU


Questo mondo è una casa vuota,
senza aria né cielo né vento .
(Non sento né gioia né pianti,
né pena né ridere sento).
Mi pare impastato di niente;
non ha né poco né quanto.
In tanto silenzio potente,
se nessuno mi sente, che canto?

Ma c’era il tutto e il tanto.
Perfino il cielo era stupito
quando eri tu qui il mio incanto.
Rispuntami, e parlo e mi senti,
il cuore si apre contento
e si riempie di te il mio niente.

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 172 visitatori e nessun utente online