Stampa
Categoria: MARINO NINO
Visite: 744

 

NINO MARINO

 

POESIE

FAVULA PI LI GRANNI E LI NICHI

 

IU SUGNU LATRU

LA PRUCISSIONI

 

LU ME CANTU

LU SCIOFFERRU E LU PRIURI

 

LU MURTICEDDU

 

O CAMPUSANTU

PRIJERA

RAGGIU DI SULI

 

PASSARIDDUZZU

POVIRU CANI

 

QUANNU SUGNU PAPÀ

SI NASCIU ARRERI

 

SUNETTU FRANCISCANU

TEMPU DI SDILLUVIU

 

VOGLIU ARRICCHIRI

 

da "Libriceddu du paisi" a cura di Calogero Carità 
Nino Marino, profondamente legato ai poveri, di cui denuncia la dolorosa condizione sociale, tristemente crucciato dalla miseria di Licata, si accostò alla poesia ancora giovanissimo. A vent'anni pubblicò «Robba di chiova», una raccolta di rime sotto lo pseudonimo di Aonin Marienco. Al 1921 risale «Ciuciuliu».
Collaborò a diverse riviste, fra le quali è opportuno ricordare «La Lucerna», «Dialetti d'Italia», «Voci dialettali», «Convivio Letterario» (diretto da Luigi Russo), mentre partecipò alla compilazione, per i vocaboli caratteristici del vernacolo licatese, del «Grande Vocabolario Siciliano» a cura del prof. Giorgio Piccitto, ordinario di glottologia all'Università di Palermo.
Numerose sue composizioni apparvero pure in diverse antologie. Citiamo ad esempio «I poeti dell'Etna», «Le più belle poesie del 2° Novecento», «I migliori poeti contemporanei», «I cento poeti di oggi», «I poeti e le poesie» in onore di Domenico Tempio nei 150° anniversario della scomparsa (1821-1971).
La critica non mancò di riconoscere le qualità poetiche di Nino Marino che si meritò numerosissimi premi. E per non citarli tutti, ci limitiamo al primo premio 6 medaglia d'oro «Città di Taormina», al primo premio «II Sileno d'Argento», al 3° premio «Mandorlo in fiore», al diploma di benemerenza al concorso nazionale di narrativa e poesia siciliana ed italiana, al premio «Caltagirone», al premio internazionale «Gela», al premio «Cattolica» ed infine al premio «Saraceni di Sicilia», attribuitogli prima della sua morte avvenuta a Licata il 26 febbraio 1977.