GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 79 visitatori e nessun utente online

 

PETRU FUDDUNI

 

 

 

POESIE

 

CUNTRASTU A MISSINA 

CUNTRASTU CU ROCCU STIVALA 
 

 

 

CUNTRASTU A MISSINA 
"Quattro capitani di bastimento provocarono
Fudduni in Messina coi seguenti versi
improvvisati uno per ciascheduno dei suddetti" (Vigo).

Capitani:
Petru Fudduni, cu la to' fuddìa 
a lu populu ebreu ci duni 'ntrizzu; 
allura ca Missina visti a tia, 
visti un nìvuru carbunacchiu spugghiatizzu.

Fudduni:
Allura ca Missina visti a mia, 
visti 'n'aquila d'oru supra un pizzu; 
pigghiu a to' matri, a to' soru e a to' zia, 
e tutti til'attaccu cu stu lizzu;
pigghiu li corna di la vuccirìa, 
e 'n testa ad unu ad unu vil'appizzu; 
sùgnu Fudduni pi la me ' fuddìa, 
e a dumila pueti dugnu 'ntrizzu.

DUBBIU DU PICURARU E...

Haiu fatta 'na casa longa e stritta, 
dintra ci stannu tri mila pirsuni; 
e lu travagghiu so' fannu a l'additta, 
puru l'onoratissimu patruni; 
e la murami so' è tanta fitta 
e'a sdiruparla ci vonnu picuni; 
e tu, ca si' pueta di sidditta, 
duna risposta a chisti mei canzuni.

.. RISPOSTA DI FUDDUNI
Tu ch'ai fattu 'na casa longa e stritta, 
mi parinu vasceddi, pi ragiuni; 
dintra ci sta la lapa biniditta, 
ca fa lu meli e renni a lu patruni, 
si vo' sapiri qual è cchiù sidditta, 
cui fa la cira di nostru Signuri; 
si sta canzuna non ti pari dritta 
va' pi risposta nni Re Salumuni.


CUNTRASTU CU ROCCU STIVALA

Stivala:
Eu su ' Stivala, mastru di canzuni, 
e natu sugnu supra Mongibbeddu; 
va' spiaccìnni anchi a Salumuni, 
chi ci haju datu e ci dugnu marteddu; 
pi quali causa e quali ragiuni, 
davanti di lu meu Ottaviu beddu, 
tu duvirissi stari addinucchiuni, 
quannu Stivala sta cu lu cappeddu.


Fudduni:
Eu su' lu Petru chiamatu Fudduni, 
e sugnu di lu meu Palermu beddu; 
e natu sugnu sutta un cristalluni, 
unni si teni giudici e maceddu; 
e tu, sbirrazzu assuggettu a un vastuni, 
nimicu di la patria ribeddu, 
tu duvirissi stari addinucchiuni; 
sedi, arriventa e sta senza cappeddu.

Stivala:
Roccu Stivala chinu di canzuni, 
e natu sugnu sutta Mongibbeddu; 
vinìri avissi Apollu e Salumuni, 
li tengu cu la lingua mia a marteddu; 
arriventa e sta' tu senza cappeddu, 
mentri ca don Ottaviu è to' patruni, 
ed iu cumannu mannàra e marteddu.

Fudduni:
Iu sugnu Petru, e su' Petru Fudduni, 
e sugnu natu 'ntra Palermu beddu; 
m'ammuntuasti Apollu e Salumuni, 
cu la lingua e li vrazza li marteddu; 
migghiara ti nni fazzu di canzuni, 
arriventa e sta' tu senza cappeddu; 
mentri ca don Ottaviu è to' patruni, 
iu ti cumannu mannara e marteddu.

                                                                                                                                                                                          

 

 

CONTRASTO A MESSINA 

Capitani:
Pietro Fudduni, con la tua follia
al popolo ebreo dai filo da torcere;
allorquando Messina ti ha visto
vide un uomo nero di carbone e con vestiti laceri.

Fudduni:
Allorquando messina mi vide,
vide un'aquila doro sopra un'altura;
prendo tua madre, tua sorella e tua zia,
e tutti te li lego con un laccio;
prendo le corna della Vucciria (mercato palermitano)
e in testa ad uno ad uno ve li conficco;
sono Fudduni per la mia follia,
e a duemila poeti do lezioni.

DUBBIO DEL PECORAIO E... 

Ho fatto una casa lunga e stretta,
dentro ci stanno tre mila persone;
e il loro lavoro fanno in piedi,
pure l'onoratissimo padrone; 
e le sue mura sono così robuste
che per distruggerla ci vogliono piconi;
e tu che sei poeta di valore
dai risposta a queste mie canzoni.

... RISPOSTA DI FUDDUNI 
Tu che hai fatto una casa lunga e stretta,
mi sembrano vascelli, per ragione;
dentro ci sta un ape benedetta
che fa il miele e lo rende al padrone,
se vuoi sapere quale è più di valore,
chi fa la cera di nostro Signore:
se questa canzone npn ti pare giusta
vai per risposta da Re Salomone.

CONTRASTO CON ROCCO STIVALA

Stivala 
Io sono Stivala, maestro di canzoni ,
e nato sono sopra Mongibello;
va a chiedere anche a Salomone,
che gli ho dato e gli do martello: (penso meglio di Re Salomone) perchè
davanti al mio Ottavio bello (protettore di Stivala)
tu dovresti stare in ginocchio
mentre Stivala sta con il cappello.

Fudduni:
Io sono Pietro chiamato Fudduni,
e sono di Palermo bello:
e nato sono sotto un cristallone,
dove si tiene la giustizia e il macello;
e tu sbirraccio, assoggettato al bastone; nemico e ribelle della patria,
tu dovresti stare in ginocchio,
siedi, riposati e stai senza cappello.

Stivala

Rocco Stivala, pieno di canzoni,
e nato sono sotto il Mongibello;
se venissero Apollo e Salomone
li terrei con la lingua mia a soggezione;
riposati e stai tu senza cappello,
mentre che don Ottavio è tuo padrone,
ed io comando mannaia e martello.

Fudduni
Io sono Pietro e sono Pietro Fudduni,
e sono nato in Palermo bello;
mi hai nominato Apollo e Salomone
con la lingua, le braccia e il martello;
mgliaia te ne faccio di canzoni,
riposati e stai tu senza cappello;
mentre che Don Ottavio è tuo padrone
io ti comando mannaia e martello