GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 76 visitatori e nessun utente online

 

PETRU FUDDUNI

 

 

 

POESIE

 

TINTU CHIDD'OMU - LA ME VICCHIAIA

TU, PICCATURI, CHI CAMPI 'N CUVERTA - ORA DI FICGHIU MI TROVU FIGGHIASTRU 
 

 

 

TINTU CHIDD'OMU 

Tintu chidd'omu chi confida in donna!
La donna t'ammali e poi t'inganna;
ti teni comu varca supra l'onna,
comu varca ti teni e ti cumanna; 
quannu la criri d'essiri culonna,
tannu idda è gragili comu 'na canna;
si voi sapiri cosè la donna,
'ci mancio, vivi, dormime poi t'inganna

LA ME VICCHIAIA

La me' vicchiaia, pozza essiri accìsa,
ca stà jttata supra li vastuna,
quasi aiu persu la vista e la 'ntisa,
e mancu sentu botti di cannuna, 
prima la vìrga mia, sempri era tisa 
ora è abbaffàta supra li badduna,
e pìaisalla e fari a menzaprisa,
mi pisciu 'nnappa, quasetti e quasuna.

TU, PICCATURI, CHI CAMPI 'N CUVERTA.

L'omu chi di piccari si nni alletta 
e offenniri a Diu pocu c'importa; 
cu'è 'n piccatu murtali stassi all'erta, 
havi lu corpu vivu e l'arma morta; 
tu, piccaturi, chi campi 'n cuverta, 
e va' a lu 'nfernu, poi, di mala sciorta; 
cu'è 'n piccatu murtali stassi all'erta, 
e'havi iu corpu vivu e l'arma morta. 

ORA DI FICGHIU MI TROVU FIGGHIASTRU 

Fazzu la vita iu, chi fa lu nigghiu, 
di cima 'n cima d'un pedi d'agghiastru; 
un versu lassù, e 'n'àutru nni pigghiu,
nun sacciu dunni vinni stu disastru; 
omini e donni, a tutti vi cunsigghiu,
nun vegna nuddu chi si fazza mastru; 
cridennu di me' patri essiri figghiu, 
ora di figghiu mi trovu figghiastru.

        

INUTILE QUELL'UOMO

Inutile quell'uomo che confida in donna!
La donna t'ammalia e poi t'inganna;
ti tiene come una barca sopra le onde,
come barca ti tiene e comanda;
quando credi che sia una colonna,
tanto lei è gracile come una canna;
se vuoi sapere cos'è la donna
mancio con lei, vivo con lei dormiamo insieme 
e poi t'inganna

LA MIA VECCCHIAIA

La mia vecchiaia possa essere uccisa,
che sta gettata sopra i bastoni,
quasi ho perso la vista e l'udito,
e nemmeno sento colpi di cannone,
prima il mio pene, sempre era teso 
ora è abbosciata sopra i coglioni,
e per alzarla e fare a mezzapresa
mi urino, il cappello di lana, calze e calzoni. 


TU PECCATORE CHE CAMPI TRANQUILLO

L'uomo che di peccare è sempre pronto
e offendere Dio poco gli importa:
chi è in peccato mortale stia ll'erta
ha il corpo vivo e l'anima morta
tu peccatore che campi tranquillo 
e vai all'inferno poi di mala sorte
chi è in peccato mortale stia ll'erta
ha il corpo vivo e l'anima morta.


ORA DI FIGLIO MI TROVO FIGLIASTRO

Faccio la vita che fa il nibbio ,
di cima in cima di un albero di olivo selvatico;
un verso lascio e un altro ne piglio,
non so da dove è venuto questo disatro;
uomini e donne a tutti vi consiglio
non ci sia nessuno che si faccia mastro;
credendo di mio padre essere figlio,
ora di figlio mi trovo figliastro