GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 110 visitatori e nessun utente online

 

PETRU FUDDUNI

 

 

 

POESIE

 

NUN ERA NATU - PETRU SI PRESENTA

O PETRA DISPRIZZATA... - RITRATTU 
 

 

 

NUN ERA NATU

Nun era natu e la gran fidi critti,
stetti a lu scuru lu jornu e la notti;
ci stetti novi misi biniditti,
com'è usu di l'autri picciotti;
e stetti 'nda ddi cammiri distritti,
mi calavanu cibi crudi e cotti;
quannu nascivi e a libirtà mi vitti,
cantai e detti liggi a milli dotti.

PETRU DUDDUNI SI PRESENTA

Sutta sti vesti rozzi e pilligrini
si trovanu li cori sparigghiati;
la rosa nasci 'nta puncenti spini,
'nta gerbi terri li gigghia su' nati ;
li petri priziusi e li rubini
'nta li rustichi rocchi li truvati;
chi maraviglia c'è, all'ultimi fini,
si mi viditi sti robbi sfardati?

O PETRA DISPRIZZATA...

O petra disprizzata, opranti mia,
avanti, petra, non ti dubbitari;
si nni lu munnu 'unn'avissimu a tia,
furtizza,'un si putia furtificari;
tu sula , o petra, avisti la valia,
chi cu la petra figuri e cumpari
tu dasti morti a lu giganti 'Ulia,
e facisti Re Saulli triunfari.

Petru cu la petra si struiju,
e Petru cu la petra si campau;
a stissa petra che Petru 'ntagghiau,
un ghiornu pi cummogghiu ci sirviu. 
avanti, petra, non ti dubbitari

RITRATTU 

Canturi giniali pupulanu,
sprigiudicatu, gran facciazza tosta;
Petru Fudduni lu palermitanu,
avia pì tutti pronta la risposta.
Sfidau in rima e battìu lu Vinizianu
e lu dottu di Tripi, e un detti sosta
a nobili ed a monaci evoluti
chiamannu a tutti buttani e curnuti.

                                                                                                                                                    

 

NON ERO NATO

Non ero nato e la gra fede credetti,
son stato al buio il giorno e la notte;
ci stetti nove mesi benedetti,
com'è uso per gli altri giovanotti;
e son stato in quelle camere strette;
mi calavano cibi crudi e cotti;
quando son nato e la libertà vidi,
ho cantato e diedi leggi a mille dotti. 

PIETRO FOLLONE SI PRESENTA

Sotto queste vesti rozze e povere
si trovano i cuori sparigliati;
la rosa nasce in pungenti spine ,
in terre aride i gigli son nati;
le pietre preziose e i rubini
nelle rustiche rocche li trovate;
che meraviglia c'è, alla fine
se mi vedete con questi abiti malconci?

O PIETRA DISPREZZATA...

O pietra disprezzata, che dai a me lavoro,
avanti, pietra non dubitare;
se nel mondo non avessimo te, 
fortezza, non si potrebbe fortificare
(non si potrebbe costruire una fortezza); tu sola,
o pietra hai avuto la forza,
perchè con la pietra figuri e compari
(con la pietra si celebrano fatti storici)
tu dasti morte al gigante Ulia
(Davide nella Bibbia con una pietra
uccide il gigante Ulia)

e facesti trionfare Re Saul

Pietro (Fudduni) con la pietra si è istruito
e Pietro potè vivere grazie alla pietra
la stessa pietra che Pietro ha intagliato,
un giorno per balata funeraria ci servì

RITRATTO

Cantore popolano geniale,
spregiudicato, fran faccia tosta;
Pietro Fudduni il palermitano,
aveva per tutti pronta la risposta.
Sfidò inh rima e battè il Veneziano
e il dotto di Tripi e pon diede sosta 
a nobili e a monaci evoluti 
chiamando tutti puttane e cornuti.