GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 88 visitatori e nessun utente online

 

PETRU FUDDUNI

 

 

 

POESIE

 

PINSATI DI PETRU FUDDUNI

 

 

ERA CCHIU' DURU DI LI VOSTRI CORNA (1) 


Nun ha successu mai 'nta 'na taverna 
còciri un pedi tri notti e tri jorna; 
di ligna un voscu, d'acqua 'na cisterna: 
era cchiù duru di li vostri corna.
(variante)
Nun ha successu 'ntra nudda taverna, 
mancu ha successu a la mia bona donna; 
di ligna un voscu e d'acqua 'na cisterna, 
mancu ha successu a cui casi guverna, 
còciri un peri tri notti e tri jorna: 
vero martiriu di la vita eterna, 
era cchiù duru di li vostri corna.

(altra variante) 
Iu sacciu ca di corna si' provistu, 
ca po' truzzari cu lu megghiu crastu; 
to' mugghieri, la notti, ni fa acquistu, 
e tu, lu jornu, li porti cu fastu; 
carricatu di corna fusti vistu, 
l'àutru jornu, senza dari 'mmastu; 
lassamu jri li passati jorna, 
dunami la carni e tèniti li corna. 

(1) il poeta era stato ingannato da un macellaio che gli aveva regalato un piede di toro impossibile a cucinarsi e quindi... a mangiarsi 

ACCHIANA, ACCHIANA...

E sta' acchianannu a lu barunali, 
si nun 'ntra 'n'annu ci arrivi 'ntra un misi; 
Fudduni nun è foddu né minnali, 
vi dici: - Su ' sirpenti e 'un su ' palisi; 
mittìticci a la vigna li sipali,
e tinitivi forti li cammisi; 
e tu pri chistu a la to' casa sciali, 
burginateddu, o sia mastru, o burgissi. 

L'ottava è indirizza a un tale che si era arricchito
con il lavoro della moglie 

AVÌA LA VARCA MIA SENZA SAVURRA... 

Avìa la varca mia senza savurra, 
era jittata cu la puppa 'n terra; 
mentri vuàvutri jucavavu a la murra, 
iu detti paci a cu' mi dava guerra; 
facitimi a pizzudda comu surra, 
a li me' carni nun lassati 'nfurra, 
sirràtimi lu coddu cu 'na serra; 
faciti ca nunu pigghia e l'àutru afferra.


Con questi versi il poeta si scusa di avere iniziato
a mangiare senza attendere gli altri ospiti.

ERA PIU' DURO DELLE VOSTRE CORNA


Non è mai successo in una taverna
cuocere un piede tre notti e tre giorni:
di legna un bosco, d'acqua una cisterna:
era più duro delle vostre corna.
( variante)
Non è successo in nessuna taverna
nemmeno è successo alla mia buona donna;
di legna un bosco, d'acqua una cisterna:
nemmeno è successo a chi case governa,
cuocere un piede tre notti e tre giorni:
vero martirio della vita eterna, 
era più duro delle vostre corna.

altra variante
Io so che di corna sei provvisto
che puoi sbattere con il migliore crasto:
tua moglie, la notte, ne fa acquisto,
e tu il giorno li porti con fasto;
carcato di corna fosti visto,
l'altro giorno, senza dare confidenza;
lasciami andare i passati giorni
dammi la carne e tieniti le corna.

SALENDO, SALENDO

E stai salendo ad essere barone,
se non tra un anno ci arrivi tra un mese;
Fudduni non è folle nè sciocco,
vi dice: Sono serpenti e non sono chiari; 
metteteci alla vigna le siepi,
e tenetevi forte la camicia,
e tu per questo alla tua casa sciali,
contadinello, o sia mastro o campiere.


AVEVO LA BARCA MIA SENZA ZAVORRA

Avevo la barca mia senza zavorra,
era gettata con la poppa a terra;
mentre voi giocavate a la murra,(1)
io ho dato pace a chi mi dava guerra (lo stomaco)
fatemi a pezzettini come carne di maiale,
alle mie carni non lasciate soppanno,
serratemi il collo con una sega;
fate che uno prenda e un'altro afferra. 

1) (gioco con le dita, bisogna indovinare la somma delle dita mostrate dai due concorrenti, dicendola mentre si mostrano le dita