GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 84 visitatori e nessun utente online

 

PETRU FUDDUNI

 

POESIE

POESIE SACRE

A DIU - PIETÀ DI CRISTU

PICCATURI PINTUTU - GLUIUSA CRUCI

A DIU

Auturi incomprensibili, chi renni
di l'auta essenza ogni oggettu incapaci,
mentri chi tuttu movi e tuttu intenni,
Spiritu, ca ogni cosa fai vivaci,
Suli chi nun tramunti e in tuttu stenni
li rai sublimi, re santu e viraci, 
pirduna tu li me' gran culpi orrenni 
e a st'ama affannata metti paci.

PIETA' DI CRISTU

O di anima ingrata amanti piu,
chi 'nchiagatu a la cruci misu stai,
e la tua vita a tantu straziu riu
di dura morti offirennu la vai;
Quant'è la tua pietati o Cristu miu,
di la mia crudeltà chiù ranni assai,
poichè nun stanchi a pirdunarmi, Diu,
s'iu d'offenniri a tia nun stancu mai

PICCATURI PINTUTU

Vinta è la forza cchiù l'armi n'afferra
St'anima di lu gran piccatu riu, 
Chi la virgogna mi spanta e m'atterra, 
Pinsannu quantu fu l'ardiri miu. 
L'ira tua provocai cu la mia guerra,
Cchiù di middi ministri impiu sugn'iu, 
Chiddi com'omu t'offisiru in terra, 
Ed iu t'offisi in celu comu Diu.

Cchiù d'impia tigri cu Li perfidi ugna 
Su' statu scanuscenti e discurtisi; 
Ora a la tua pietà, chi mi pirdugna 
Vegnu e li culpi mei fazzu palisi. 
Nun sia mai, Cristu miu, chi m'abbandugna 
La grazia tua chi salva mi pretisi; 
Còntru cui mi criau pigghiai la pugna,
A cui sparsi pi mia lu sangu, occisi.

Eccumi amanti più, ch'in tia mi giru, 
Miu Diu d'amuri consumatu ed arsu; 
Tardu m'avvju, ohimè! chianciu e suspiru, 
Tardu pintutu t'haiu innanzi apparsu. 
Pirduna st'arma tu, ch'iu troppu ammiru, 
Pinsannu, benchì sia d'affettu scarsu, 
Chi la criasti a un sulu to' respiru, 
E poi la riscattasti a sangu sparsu.

GLURIUSA CRUCI

Biatu lignu, gluriusa cruci 
Jìcami l'onorata e sacra frunna,
Mùstrami lu to' frutta chi produci 
Eterni beni, e summi grazii abbunna; 
Mentri chi l'almu Auturi di la luci, 
Chi celu e stiddi di lumi circunna, 
In tia d'Eternu amuri splenni e riluci,
Di lu figghiu di Diu matri sicunna.

Occhi, mentri a la cruci vi girati, 
Unni penni lu Diu, ch'offisu aviti, 
Chi manna vivi fonti estirminati 
Di sangu pri li soi larghi firiti, 
D'amaru chiantu dui fonti sgurgati, 
Poichi tantu spittacuiu viditi;
Muvitivi, muvitivi a pietati,
occhi nunb siti mei, si nun chianciti. 

A DIO

Autore incomprensibile che rendi 
dell'alta essenza ogni oggetto incapace,
mentre che tutto muovi e tutto intendi,
Spirito che ogni cosa fai vivace,
Sole che non tramonti e in tutto stendi
i raggi sublimi, Re santo e verace,
perdona tu le mie grandi colpe orrende 
e a quest'anima affannata metti pace.


PIETA' DI CRISTO

O di quest'anima ingrata amante pio,
che pieno di piaghe alla croce messo stai,
e la tua vita a tanto strazio rio
di dura morte offrendo la vai;
Quanto è la tua pietà o Cristo mio,
della mia crudeltà assai più grande,
poichè non stanchi a perdonarmi, Dio,
se io di offenderti non stanco mai.

PECCATORE PENTITO

Vinta è la forza, più l'armi ci afferra
quest'anima dal gran peccato rio.
Che la vergogna mi spaventa e m'atterra,
pensando quanto fu l'ardire mio.
L'ira tua provocai con la mia guerra,
più di mille ministri empio sono io,
quelli ti offesero in terra,
ed io t'offesi in celo come Dio.

Più di una empia tigre con le perfide unghia
sono stato sconoscente e non cortese;
Ora a la tua pietà, che mi perdona
vengo e le mie colpe faccio palesi.
Non sia mai, Cristo mio, che mi abbandoni
La grazia tua che salva pretendo:
Contro chi mi ha creato ho fatto guerra,
a chi ha sparso per me il sangue, ho ucciso. 

Eccomi amante più. che in te confido,
Mio Dio d'amore consumato ed arso;
In ritardo mi avvio, ohimè! piango e sospiro,
On ritardo pentito ti sono apparso dinnanzi.
Perdona st'arma tu, che io troppo ammiro,
pensando, benchè sia d'affetto scarso,
che la creasti con un solo tuo respito,
e poi la riccastasti asangue sparso.

GLORIOSA CROCE

Beato legno, gloriosa croce
indicami l'onorata e sacra fronde,
mostrami il tuo frutto che produce
Eterni beni, e di somme grazie abbondi;
Mentre che l'Almo Autore della luce,
che cielo e stelle di lumi circonda,
in te d'Eterno amore splende e riluce,
del figlio di Dio madre seconda.

Occhi, mentre alla croce vi girate,
dove pende il Dio, che offese avete,
che manda vive fonti sterminate
di sangue per le sue larghe ferite,
d'amaro pianto due fonti sgorgate,
poichè tanto spettacolo vedete;
muovetevi. muovetevi a pietà,
occhi non siete miei, se non piangete