GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 190 visitatori e nessun utente online

 

ALESSIO DI GIOVANNI

 

POESIE

O, ARRICAMPATU

 

 

O, ARRICAMPATU 

O, arricampatu
Nni Marta, stancu, versu lu scurari,
Vidiri l'acqua nni lu siminatu
Càdiri lenta,
Ddà, davanzi a la porta sbarracata;
E unniri, a lu friscu, li sarmenta,
N' funnu a la cava ...
Marta 'n facenni, Maria, addinucchiuni.
L'arma 'mpinta a li labbra, t'ascutava...
Oh, pi ogni cosa
Avia dd'oc.chiu amurusu 'na carizza.
Beddu comu 'na pampina di rosa,
Sutta li spini
Di la cruna puncenti, o nni lu mantu
Linnu e strazzatu di li pilligrini!...
'Na sula vota ...
Sempri sempri cci penzu... Nni la chiesa.
Nun si videva mancu 'na divota...
'Mmezzu li navi,
Tracuddava lu suli, arrussicannu
Lu lignu arraccamatu di li travi.
Dintra lu coru.
Li guirreri e li santi ca niscianu
Di l'umra, spicchiannu 'mmenzu l'oru.

                                                                                                                                                                                                                                                                                         

O, AL RITORNO

 

O, al ritorno, 
A casa di Marta, stanco, all'imbrunire, 
Guardare la pioggia nel campo di grano,
Cadere lenta, 
Là, davanti la porta spalancata: 
E i sarmenti ondeggiare nella brezza, /
Nella bassa valle e fonda... 
Marta in faccende: ma Maria in ginocchio, T'ascoltava, con l'anima sospesa tra le labbra.
Oh, per ogni cosa 

Aveva lo sguardo amoroso una carezza, 
Bello come un petalo di rosa, 
Sotto, le spine 
Dell'ispida corona, o entro il manto 
Sottile e lacero dei pellegrini... 
Solo una volta... 
Da sempre lo ricordo... Nella chiesa, 
Non si scorgeva neanchc una devota... 
Tra le navate, 
Il sole tramontava, di rosso, tingendo, 
Il legno ricamato del soffitto, /
Dentro il coro, 
I guerrieri ed i santi sbucavano 
Dall'ombra, luccicando in mezzo all'oro.

(Traduzione di Lucio Zinna)