GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 89 visitatori e nessun utente online

 

ALESSIO DI GIOVANNI

 

POESIE

'NTRAMENTRI FORA

 

 

'NTRAMENTRI FORA

'Ntramentri fora,
Lu ventu, c'arrimazza la timpesta.
Grida a lu munnu persu: mora, mora!
Chinu di scantu.
Cu la vuci ca trema puru idda,
Cu lu pettu affannatu di lu chiantu,
Ti gridu e dicu:
'Chi ca penzi? Puru tu, tu puru
Vo' abbannunari stu munnazzu anticu?!
O forsi senti
(Sdisertu e nivi 'e nivi... e. a lu sdisertu,
Vuci d'armali o puru di viventi?)
A ddi mischini
Jittati muribunni a li pirreri,
Misi comu li cani 'a li catini,
E ogni minutu
Ca passa lentu un sculu, ogni corpu
Di picuni cci conza lu tabbutu.
E, a la campia,
Sulu ca segui la to santa liggi
Un vecchiu granni com'è granni Elia,
Ca, riccu e conti,
iassannu li ricchizzi: “O matri! o terra!
lu tornu!” dissi, e li so' manu pronti.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    

 

 

INTANTO FUORI


Intanto, fuori, 
il vento che spazza la tempesta, 
Urla al mondo smarrito: mora, mora! /
Pieno di spavento 
Con la voce anch'essa tremolante 
con il petto affannato dal mio pianto, 
Ti grido e chiedo: 
Che pensi?!... Pure tu, tu pure 
Vuoi mollare questo vecchio putrido mondo? 
O forse odi 
(Deserto e neve e neve, e, nel deserto, 
voci d'animali oppure di persone?) 
Quei derelitti 
Gettati moribnndi nelle miniere, 
Stretti, come cani, alle catene. 
E ogni minuto, 
Che passa lento è un secolo, ogni colpo, 
Di piccone allestisce la loro bara. 
E, per i campi, 
Solo segue la tua santa legge
Un gran vegliardo com'è grande Elia, 
Che, ricco e conte, 
Abbandonando ricchezze: “O madre, o terra! 
Io ritorno!” disse. E le sue mani pronte.

(Traduzione di Lucio Zinna)