GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 82 visitatori e nessun utente online

 

ALESSIO DI GIOVANNI

 

POESIE

'NA LAMPA 'N FUNNU

 

 

'NA LAMPA 'N FUNNU

'Na lampa 'n funnu.
L'oduri di lu 'ncenzu... ed iu mi 'ntisi
Luntanu, assai luntanu di stu munnu.
Dissi 'nta mia:
“Certu chistu è lu regnu di li 'ncanti!”
'Ntamentri mancu un'arma si sintia.
Quannu jisavi
L'occhi 'nta l'aria e vitti ddu sblennuri,
Cu lu po' diri chiddu ca pruvavi?!...
Tu eri ddil:
Mutu, sirenu, granni, maistusu:
Tu vera luci di l'umanità...
L'aria celesti,
Celesti l'occhiu apertu ti lucia,
Mari cujetu e funnu, e li to' gesti
Carmi, sireni,
Dicevanu: “Iu sugnu lu Signuri
Ca 'mparadisu staju, e cu' mi teni
A lu so latu.
È lu Patri di tutti: ddu Diu sugnu
Ca di lu nenti un munnu haju furmatu!...
Ma di lu muru.
Ora cu l'occhiu 'nfuscu mi talii:
Assaccagghìa la lampa, e, nni lu scuru.

                                                                                                                                                                                                             

UNA LAMPADA IN FONDO

 

Una lampada in fondo, 
L' odore dell'incenso... e mi sentii 
lontano, assai lontano da questo mondo. 
Dissi fra me: 
“Questo è di certo il regno deg'incanti!” Nemmeno un'anima alitava, intanto. 
E quando alzai 
gli occhi e vidi lo splendore del tuo volto, 
Chi, cchi può mai dire quello che provai?!... 
Tu eri là: 
Muto, sereno, grande, maestoso: 
Tu vera luce dell'umanità... 
L'aria azzurra, 
Azzurro l'occhio aperto ti splendeva, 
Mare quieto e profondo, e i tuoi gesti 
Calmi e sereni 
Dicevano: “Io sono il Signore 
Che in paradiso sta, e che mi tiene 
Alla sua destra, 
È il padre di tutti: quel Dio sono 
Che, dal nulla, ha creato un mondo!...” 
Ma, dalla parete 
Ora con l'occhio fosco tu mi guardi: 
Agonizza la lampada, e, nel buio.

(Traduzione di Lucio Zinna)