GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 140 visitatori e nessun utente online

 

ALESSIO DI GIOVANNI

 

POESIE

LESTI E MASSARI

 

 

LESTI E MASSARI

Lesti e massari,
Su sempri a la picozza, a lu marteddu,
O puru a tavulinu a tramannari
Vuci d'amuri ...
O forsi ascuti vèniri di ddà,
Unni la terra china di lavuri,
'N funnu, luntanu,
Pari tocca lu celu, lu putenti
Cantu di lu pueta americanu,
Forti e piatusu:
“Iu sulu, o crucifissu, ti cumprennu,
Iu sulu sentu ddu jornu gluriusu,
Ca tu vidisti.
Forti e libiru vaju pi lu munnu:
Tutti li razzi viu ca tu chiancisti,
Libiri, aguali:
Cu l'arma, cu lu cori ti salutu
Prufeta di l'amuri universali...
Ma tu 'un rispunni ...
Lu mè pinzeri curri pi la terra
E senti e vidi: la rabbia di l'unni
Sutta un timuni
Biancu di scuma, botti di marteddu
Supra un tabbutu, corpi di picuni.

                                                                                                                                                                                                             

 

 

LESTE E LABORIOSE


Leste e laboriose, 
Stan sempre alla piccozza, al martello, 
Oppure al tavolo, a tramandare /
Parole d'amore... 
O forse odi giungere di là, 
Ove la terra, densa di biade, 
In fondo, in lontananza, 
Pare che tocchi il cielo, il potente 
Canto del poeta americano, 
Forte e pietoso: 
“Io solo, o crocifisso, ti comprendo, 
Sento io solo quel glorioso giorno 
Che tu annunziasti, 
Forte e libero vado per il mondo, 
Vedo tutte le razze sulle quali
piangesti, 
Libere, uguali: 
Con l'anima, col cuore io ti saluto, 
Profeta dell'amore universale.” 
Ma resti in silenzio... 
Il mio pensiero vola per la terra, 
E ascolta e vede: la furia dei marosi 
Sotto un timone 
bianco di spuma, colpi di martello 
Su una cassa da morto, colpi di piccone.

(Traduzione di Lucio Zinna)