GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 275 visitatori e nessun utente online

 

ALESSIO DI GIOVANNI

 

POESIE

E QUANNU L'URA

 

 

E QUANNU L'URA

E quannu l'ura
Di la mè morti veni e, a lu capizzu,
Chianci la figghia mia, cunurtatura
No, nun ni vogghiu,
Ma vogghiu a tia, Signuri, ma cuntenti,
No cu ss'occhi di sdegnu o misu 'n sogghiu,
Mutu e iratu,
Ma duci, comu quannu iu di nicu
Ti vidia stari all'ummira assittatu,
Ccà a ddà muvennu,
L'occhiu azzurru e sirenu ca s'apriva
Comu un'arba d'aprili, appressu jennu
Sempri a la manu
Bianca, ca tu jisavi a binidiciri
L'aria, la terra, lu mari luntanu...
(1905)

                                                                                                                                                                              

E QUANDO L'ORA


E quando verrà 
L'ora della mia morte, al capezzale, 
Mia figlia piangerà, a consolarmi 
Non voglio gente, 
Voglio te, Signore, ma lieto, 
Non con occhi sdegnosi o assiso in trono, 
Muto e irato, 
Ma soave come quando, fanciullo, 
Ti vedevo seduto al fresco, 
Qua e là volgendo, 
L'occhio azzurro e sereno, che s'apriva
Splendido come un'alba d'aprile, e che seguiva  Sempre la mano 
Bianca, che innalzavi
a benedire 
L'aria, la terra e (lontano) il mare...
(Traduzione di Lucio Zinna)