GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi รจ online

Abbiamo 198 visitatori e nessun utente online

 

ALESSIO DI GIOVANNI

 

POESIE

CRISTU

 

 

CRISTU 


Misu a lu muru.
Tu mutu mi talii, sdignatu sempri,
Cu dd'occhiu apertu, funnu funnu e scuru.
Chi mi vo' diri?...
Iu, nni li notti longhi di lu 'nvernu,
Quannu stava a lu focu pi sintiri
Li cunti antichi,
ti vidia jiri sulu pi lu munnu,
O stari a lu ridossu di li spichi,
Sempri cuntenti,
Cu li' capiddi biunni comu meli.
E cu la vucca duci e risulenti.
Appressu a tia.
Mannira spersa senza la campana.
La fudda 'nfuta 'nfuta ca curria.
Orvi e sciancati,
Paralitici, surdi e picciriddi,
Fimmini scausi, o muti o 'ncifarati.
E, piccatura,
La Maddalena, pazza e scapiddata:
O, 'n funnu all'orti, 'mmezzu a la virdura.

                                                                                                                                                                     

CRISTO



Dalla parete, 
Mi guardi muto e sempre disdegnoso 
con l'occhio tuo sbarrato, misterioso e fondo. Che vuoi dirmi?... 
Io nelle lunghe notti dell'inverno, 
Quando vicino al fuoco, stavo ad ascoltare Antiche storie, 
Ti vedevo andartene solo per il mondo, 
o sostare a ridosso delle spighe, 
Sempre lieto, 
Con i capelli biondi come il miele, 
E con bocca soave e sorridente, 
E dietro a te, 
Dispersa mandria e senza alcun campano, 
La folla assiepandosi accorreva. 
Ciechi e storpi 
Paralitici, sordi e bambini, 
Donne scalze o mute o indemoniate. 
E, peccatrice, 
La Maddalena pazza e scarmigliata: 
O, in fondo agli orti, tra il verde.

(Traduzione di Lucio Zinna