GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 70 visitatori e nessun utente online

 

ALESSIO DI GIOVANNI

 

POESIE

ALL'UMRA FRISCA

 

 

ALL'UMRA FRISCA
Alessio Di Giovanni

All'umra frisca,
Lavannari e lagnusi, e po' san Petru
A fari cu dda so linia pazzisca,
Dumanni 'ncutti;
E tu, letu e filici, a firiarri
Passannu li nuttati 'nta li grutti
O a lu sirenu ...
Accussì iu di nicu ti sunnavi
Bonu e pacinziusu, o Nazzarenu ...
Vularu l'anni ...
Comu 'li silnti pagini liggivi
Di san Luca. san Marcu e san Giuvanni,
Sempri lu stissu
Ti videva passari pi lu munnu,
Sarvaturi di genti e crucifissu...
Ddoppu lu vitti.
'Nta quatri antichi e novi, appitturatu
Cu li vrazzudda stanchi e sdirilitti
Supra la cruci,
O, misu all'umra fitta di 'na ficu,
Jisari, cu li vrazza, la gran vuci,
Carma e putenti.
Mentri la vaddi, a picu di lu suli,
Vugghia di li testi di li genti.

                                                                                                                                                          

ALLA FRESCA OMBRA


Alla fresca ombra, 
Lavandaie e fannulloni, e poi San Pietro, 
A rivolgerti, con quel suo filo di follia, 
Fitte domande: 
E tu, ben lieto, girovagare
/ Passando le notti nelle grotte, 
O all'aria aperta, 
Così, da fanciullo, ti sognai 
Buono e paziente, o Nazareno...
Volarono gli anni... 
Quando le sante pagine io lessi 
Di San Luca, San Marco, e San Giovanni, Sempre lo stesso 
Ti vedevo passare per il mondo, 
Salvatore di genti e crocifisso...
Dopo ti vidi 
In quadri antichi e nuovi, a petto nudo, 
con esili braccia, stanche e derelitte 
Sulla croce, 
O seduto alla densa ombra d'un fico, 
Alzare, con le braccia, la gran voce 
Calma e possente, 
Mentre la valle, sotto il sole a picco, 
Brulicava di teste.

(Traduzione di Lucio Zinna)