GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 96 visitatori e nessun utente online

 

ANTONIO VENEZIANO

 


 

 

POESIE

 

LA CELIA

............ DAVANTI L'AUTU E SANTU TRIBBUNALI

............ NON È XHIAMMA ORDINARIA, NO, LA MIA,

............ IN PARTI DUBBIU ED IN PARTI SICURU

VI.

Davanti l'autu e santu tribbunali 
d'Amuri accusu a cui già mi firiu; 
e ammustru e provu lu colpu murtali 
c'un testimoniu, ch'è lu cori miu. 
Lu casu è grandi, la prova non vali, 
né la pò condannari un giustu Diu. 
Per non sdignarla e farimi chiù mali, 
nd'accorda Amuri e li spisi pagh'iu.

VII.

Non è xhiamma ordinaria, no, la mia, 
è xhiamma chi sul'iu tegnu e rizettu, 
xhiamma pura e celesti, ch'ardi 'n mia: 
per gran misteriu e cu stupendu effettu. 
Amuri, 'ntentu a fari idulatria, 
s'ha novamenti sazerdoti elettu; 
tu, sculpita 'ntra st'alma, sì la dia: 
sacrifiziu lu cori, ara stu pettu.

VIII
In parti dubbiu ed in parti sicuru, 
fra lu zertu e l'inzertu scurru e penzu, 
contemplu ora lu chiaru, ora lu scuru, 
e dugnu or'unu ed ora un autru senzu; 
pisu, assuttighiu, bilanzu, misuru, 
criju, non criju, risolvu e ripenzu, 
ogn'hura penzu e guastu, muru e smuru 
e sempri ddà finixxu, undi 'ncumenzu.

                                                                                                                                                                                           

Dinanzi all'alto e santo tribunale 
di Amore accuso colei che già mi ferì; 
ed indico e produco la prova del mortale colpo 
con un testimonio, che è il mio cuore. 
Il caso è grande, la prova non è valida 
né può condannarla un giusto Dio. 
Per non sdegnarla e procurarmi un male maggiore, Amore ci accorda ed io pago le spese.


Non è una comune passione, no, la mia, 
è passione che soltanto io nutro e albergo, 
passione pura e celeste, che arde in me: 
per gran mistero e con stupendo efletto. 
Amore, intento a idolatrare, 
si è nuovamente eletto sacerdote; 
tu, scolpita in questa anima, sei la dea: 
il cuore è la vittima, altare questo petto.



In parte dubbioso ed in parte sicuro, 

fra il certo e l'incerto corro e penso, 
contemplo ora il chiaro, ora il buio, 
e agito ora uno ora un altro pensiero; 
peso, assottiglio, faccio bilanciare, misuro, 
credo, non credo, risolvo e ripenso, 
ogni ora penso e guasto, costruisco e distruggo 
e sempre li finisco, dove io comincio