GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 154 visitatori e nessun utente online

 

ANTONIO VENEZIANO

 


 

 

POESIE

 

LA CELIA

............... CHISTA CHIÙ SURDA A LI MEI VUCI AMARI,

............... CU DUCI MODI MI LIGHI E 'NCATINI,

............... CHIANGIU E LU CHIANTU MIU È COSA STRANGIA

............... CELI, PIANETI E VUI, CAUSI SECUNDI,

............... VURRIA LU CORI MIU, DONNA, VURRIA

............... ZERTU, CH'IU TANTU E TANTU CHIANGIRÒ,

X.

Chista chiù surda a li mei vuci amari, 
chi non su' chiddi undi cadi lu Nilu; 
si non m'aiuti Amuri e ci ripari, 
ben mi consumiria pilu suppilu. 
Tiraci quanti flecci a l'arcu pari: 
forsi la mutirai di lu so stilu. 
Quandu n'havirai chiù chi ci tirari, 
pìghiati lu miu cori e tiraccilu.


XI.
Cu duci modi mi lighi e 'ncatini, 
tal chi li sensi mei non su' chiù soi; 
fa di mia schelta, 'ngrata, chi mai fini, 
o in atomi risolvimi si poi. 
E si non basti, st'ossa, carni e vini 
risolvili a lu minimu chi voi. 
Chiddu minimu stissu, senza fini, 
amirà estremu li biddizzi toi.

XII.

Chiangiu e lu chiantu miu è cosa strangia
chi, cui la senti, a lagrimari invita; 
e l'una e l'autra gota rudi e smangia 
lu chiantu, chi cadendu fa via trita. 
E spissu in sangu li lagrimi cangia, 
tant'è la pena mia, pena infinita; 
e comu n'havirò cosa chi chiangia, 
chiangirò l'occhi e, a l'ultimu, la vita.

XIII.
Celi, pianeti e vui, causi secundi, 
chi distinguiti motu, tempu ed huri, 
chianti, arbuli, frutti, xhiuri e frundi, 
chiani allegri, auti munti e valli oscuri, 
ripi, xhiumi, vui sausi e vui duci undi, 
ferì salvaggi e vui, manzi e sicuri: 
si di vui, comu di mia, non s'ascundi, 
cuntati a la mia donna lu miu arduri.

XIV.

Vurria lu cori miu, donna, vurria 
addimandarti cu la lingua aiutu:
scapula, pungi, e parti e per la via 
appunta e torna ddà und'havia partutu. 
Mancaci chidda lena c'haviria la lingua, 
resta lu cori abbattuta: 
cussi, mischinu mia, mischinu mia, 
tu non sai li mei peni ed iu su' mutu.

XV.
Zertu, ch'iu tantu e tantu chiangirò, 
chi mi trasformirò 'n fonti di chiantu; 
ddà tu, 'ngrata, verrai, quand'autra no, 
per sazziarti, eh iu sia iuntu a tantu. 
Tand'iu di tia sta vengia mi farro: 
mustrirò a l'acqua lu to aspettu spantu; 
tu, per forza, amirai l'aspettu to 
e provirai eh'è amuri, tantu o quantu.

                                                                                                

Lei è ancora più sorda alle mie amare voci, 
di quelli che abitano presso le cataratte del Nilo;
Amore, se non mi aiuti ed appresti riparo, 
mi consumerò totalmente a poco a poco. 
Tirale quante frecce hai nella faretra: 
forse ne cambierai un po' l'atteggiamento. 
E quando non avrai più che tirare, 
prendi il mio cuore e tiraglielo.

 

Con dolci maniere mi leghi e incateni, 
sicché i miei sensi non si controllano più; 
fai di me, ingrata, eterna scelta, 
o, se puoi, riducitni in atomi. 
E se non ti basta, queste ossa, la carne e le vene 
riduci al minimo che vuoi. 
Quel minimo stesso, senza un fine
I amerà sino all'estremo le tue bellezze.

 

Piango ed il mio pianto è cosa strana 
tanto da invitare a piangere chi l'ascolti; 
e l'una e l'altra gota corrode e logora 
il pianto, che, cadendo, logora la strada. 
E spesso in sangue si cambian le lacrime, 
tanta è la mia pena, pena infinita; 
e quando non avrò cosa piangere, 
piangerò gli occhi e, all'ultimo, la vita.

 

Cieli, pianeti e voi cause seconde,
che scandite moto, tempo ed ore, 
piante, alberi, frutti, fiori e fronde, 
pianure sorridenti, alti monti e valli ombrose, 
rive, fiumi, voi pietre e voi dolci onde, 
fiere selvagge e voi animali domestici e tranquilli: 
se a voi, come a me, non si nasconde 
riferite alla mia donna il mio ardore

 

Vorrebbe il mio cuore, donna, vorrebbe 
chiederti a voce aiuto; 
li svincola, sperona, e parte e per la strada 
si ferma e torna lì da dove era andato via. 
Gli manca la lena che avrebbe 
la lingua, il cuore rimane prostrato: 
così, me misero, me misero, 
tu non conosci le mie pene ed io son muto.

 


Di certo tanto e poi tanto piangerò, 
che mi trasformerò in fonte di pianto;
lì tu, ingrata, verrai mentre altri no, 
per saziarti [di gioia] che io sia giunto a tanto. 
Allora io di te mi prenderò questa vendetta: 
mostrerò all'acqua il tuo aspetto spaventato; 
tu, per forza, ti innamorerai del tuo aspetto
e proverai ciò che è amore, tanto o quanto.