Stampa
Categoria: VENEZIANO ANTONIO
Visite: 458

 

ANTONIO VENEZIANO

 


 

 

POESIE

 

LA CELIA

 .............. IN OGNI LOCU M'IMAGINU E CRIJU

............... QUANDU TIRANNA A CASU TI PLACISSI

............... MORTU È STU CORI PR'UN CORI TIRANNU

............... CU CHIDDI SOI MUDUZZI SAPURITI

............... DI PROPIA MANU ST'OPRA PINSI AMURI

............... NATURA È BEDDA PER C'HA' STILU VARIU

............... S'IU DI LU FOCU TO SUGN'ARSU E PERSU,

 

 

In ogni locu m'imaginu e criju
per miu conforti! ritrovarci a tia:
ma quandu, ohimè, m'addugnu poi e m'avviju,
cosa non trovu chi comu tia sia.
Perchè, si per l'ardenti e gran disiju
ccà e ddà mi fingiu chiddu chi vurria,
sai chi su' tutti li cosi chi viju?
Figura tua di terra e tu la dia.

 

Quandu tiranna a casu ti placissi 
di fari di mia stissu notomia 
e carni e sangu ed ossa mi vidissi 
per satisfazioni tua e mia, 
iu letu e tu contenti ristirissi 
e satisfatta la tua chirurgia; 
perchì, di parti in parti, scopririssi 
chi tu si' 'ngrata ed iu moru per tia.

Cu chiddi soi muduzzi sapuriti
mi spijau, un iornu, cu' era lu miu dardu:
- Guardatimi 'ntra l'occhi e vidiriti 
(ci diss'iu) chi ddà pari per cui ardu —. 
Guardau, si vitti, e risi: chi criditi? 
Suggiunsi un tiru chiù beddu e guaghiardu:
- Guarda chi latru gintili chi siti! 
Chi rubbati li genti cu lu sguardu!

VI.
Mortu è stu cori pr'un cori tirannu 
a attortu sutta terra si conduci; 
li visitusi l'occhi mei sarrannu, 
accumpagnati di sughiuzzi e vuci; 
li sensi pri tabbutu sirvirannu 
e li suspiri pr'incenzu e per luci; 
e tutti chisti repitu auzirannu: 
pr'amuri divintau la morti duci!

Di propia manu st'opra pinsi Amuri 
per farisi adurari iddu per diu. 
Macinau la biddizza, li coluri, 
la grazia per pinzeddu ci sirviu. 
Poichì, cu middi travaghi e suduri, 
cussi divina jmagini cumpliu, 
ndi fu idolatra, com'era pitturi: 
e ci sagrificau lu cori miu.

VIII
Natura è bedda per c'ha' stilu variu 
e zocchi è variu è beddu, a bona cera. 
Lu mundu, di lu tempu tributariu, 
di quandu in quandu cangia di bandera. 
Lu suli in tauru, cancru, libra e aquariu 
fa jnvernu, autunnu, stati e primavera. 
A mia sulu lu motu, ohimè, è contrariu: 
iu sulu, sempri, su' a lu statu ch'era.

IX.
S'iu di lu focu to sugn'arsu e persu, 
comu non senti lu to propiu arduri? 
Anzi, 'ntornu lu cori e d'ogni versu, 
d'eternu ielu ti circundi e muri? 
Sta qualitati e st'effettu diversu 
su' propiamente celesti faguri: 
comu lu suli scalfa l'universu 
ed iddu non ha' puntu di caluri.

                                                                                                                                                                                                    

In ogni luogo immagino e suppongo 
per mio conforto ritrovarti: 
ma quando, ohimè, me ne ac corgoo e poi mi ravvedo 
non trovo cosa che come te sia. 
Perché, se per ardente e gran desiderio 
qui e là immagino ciò che vorrei, 
sai che sono tutte le cose che vedo? 
Immagine tua terrena e tu la dea.


Quando, tiranna, per caso ti piacesse 
di fare su me stesso l'esame anatomico
e vedessi la carne, il sangue, le mie ossa 
per soddisfazione tua e mia, 
lo resterei lieto e tu contenta 
e soddisfatta dell'opera tua di chirurgo; 
perché, in ciascuna parte, scopriresi| 
che tu sei ingrata e che io muoio per te.

Con quelle sue maniere buone e gentili 
mi chiese, un giorno, qual dardo mi avesse ferito: 
- Guardatemi negli occhi e vedrete 
(le dissi io) che in essi appare colei per cui spasimo -. Guardò, si vide e, che credete? Sorrise. 
Lanciò un tiro più bello e gagliardo: 
- Guarda che gentile ladro siete! |
Che rubate le persone con lo sguardo!

Questo cuore è morto per un cuore tiranno 
e ingiustamente vien posato sottoterra
gli occhi miei saranno pieni di lacrime, 
accompagnati da singhiozzi e grida;
i miei sensi serviranno da bara 
ed i respiri per incenso e luci; 
e tutti insieme eleveranno lamenta 
per amore la morte divenne dolce!

Di propria mano "quest'opera dipinse Amore 
per farsi adorare egli stesso come un Dio. 
Macinò la bellezza, i colori, 
la grazia gli servì da pennello. 
Poiché, con mille fatiche e sudori, 
cosi divina immagine dipinse, 
ne fu idolatra, come ne era pittore: 
e le sacrificò il mio cuore.

 

La natura è bella perché ha un aspetto vario 
e ciò che è vario è bello,ha buon aspetto. 
II mondo, debitore del tempo, 
di quando in quando cambia bandiera. 
II sole in toro, cancro, bilancia, acquario 
determina l'inverno, l'autunno, l'estate e la primavera.
Per me solo, ahimè, il movimento è contrario: 
solo io sono sempre allo stato di prima.


Se io sono arso e distrutto dal tuo fuoco d'amore,
come non senti il tuo proprio ardore? 
Anzi, intorno al cuore e da ogni parte, 
di gelo eterno ti circondi e muri? 
Questa qualità e quest'effetto contrario 
sono propriamente celestiali grazie: 
come il sole che re riscalda l'universo 
ed esso stesso non si consuma per il calore.