GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 57 visitatori e nessun utente online

 
 
 
 

 

NINO MARTOGLIO

 


 

NON CRÌDIRI NÈ A DONNI, NÈ A SIRENI

 

 

NON CRÌDIRI NÈ A DONNI, NÈ A SIRENI

I.

Haju scrittu 'na littra a la me zita,

ccu 'na pinnuzza di 'n'aceddu raru,

la carta è arraccamata ccu la sita

e fu d'argentu, lu me' calamaru.

A manu 'ritta c'è 'na calamita

e 'na palumma ca cerca riparu,

a manu manca un cori e 'na firita

d'unni ci cula sangu, paru paru.

Dintra lu fogghiu ci misi la spica,

pri farlu addivintari abbarsamatu

e, pp'attaccarlu, 'na fittuccia nica.

Pri 'nchiostru lu me' sangu stimpiratu,

e pri suggillu, allocu di muddica,

lu stissu cori miu 'nsanguniatu.

Pensi quannu si' vecchia chi farai

si ju nun ti vurroggiu beni chiui,

pirchì 'ssa bedda giuvintù chi hai,

comu lu ventu, dici, si nni fui.

Ed ju ti dicu chi nun 'nvecchia mai,

lu cori, e si nn'amamu tutti dui,

vinti o sissanta, quantu nn'hai nn'hai,

anni di 'ncoddu, chi nni 'mporta a nui?

Tu sempri mi darai li to' carizzi,

ed ju pri tia farò cosi di pazzi

fùssiru brunni o janchi li to' trizzi,

fùssiru niri o no li me' mustazzi;

ma... nun li pirdirai 'ssi to' biddizzi,

no, nun ci cridu, mancu si m'ammazzi!

Tegnu lu cori miu 'mpintu 'ntra 'nchiovu,

vaju pri spiccicallu e non ci arrivu,

e non ti sacciu diri lu currivu

e lu dispettu granni ca nni provu.

Sugnu sutta la cuva comu all'ovu,

non sugnu mortu e mancu sugnu vivu,

e pri di chiù non sacciu lu mutivu

di 'ssu patiri e 'ssu turmentu novu.

Ti l'haju scrittu e ti lu tornu a scrivu,

e speru ca 'sta vota ti cummovu:

lu me' duluri è troppu pusitivu!...

Si lu to' cori 'un'è vinnicativu,

dammi lu cori miu 'mpintu a 'ssu chiovu,

lèvami, bedda, di 'stu focu vivu!

No, non mi diri ccu 'ssa vucca duci

chi mèttiri mi pozzu l'arma 'mpaci:

lu sai ca su' cchiù duru di la nuci,

vera testa di trunzu nata a Jaci.

Avi tri anni chi ti mettu 'ncruci

pri dirimi di sì e nun ti cumpiaci;

senti, Carmela, sentila 'sta vuci,

abbèntalu 'stu cori, ch'è 'na braci!

Vidi ca ti lu dicu beddu saggiu,

e ccu lu bonu, non mi fari sfreggiu,

pirchì l'amuri miu è assai sarvaggiu!...

Vidi chi ti l'avvisu, sciàtu beddu:

ritirati li ponti, sai, ccu chiddu,

si no finisci a corpa di cuteddu!

E lu me' cori mancu si nni lagna

si tu mi tratti mali o si' binigna;

si la to' vucca è duci o è maligna,

siddu mi ridi o si mi fai la 'ncagna.

'Stu cori miu sulu ca si spagna,

ca fidirtà nni tia non ci nni alligna;

cu 'stu pinseri addivintai 'na signa,

mi struj la saluti e m'azzaccagna!...

Haj 'ntra la facci du' puma sanghigna,

'na fussitedda ch'è 'na cosa magna –

pari 'na cucchiaredda di castagna

'mmenzu lu pampinitu di la vigna... 

Non mi lassari, bedda me' cumpagna,

e poi... fammi macari la matrigna!

Vinni di notti e m'abbaiò lu cani,

mentri guardava 'ntra lu to' barcuni!

Li cani – ju dissi – abbajanu a li strani;

dunca è lu signu ca cangiò patruni!

Turnavi ccu sampugni e marranzani,

e ti cantai li soliti canzuni...

Non t'affacciasti, e mancu a lu 'nnumani:

chistu è lu signu ca tu m'abbannuni!

Oh, Diu, ca mancu l'âvi du' simani

ca mi dicevi: – quantu mi vo' beni? –

e m'accupavi ccu li to' vasuni!

Ah, ca sugnu lu re di li babbani!

Non cridiri nè a donni nè a sireni;

ju lu sapeva, e ci cascai appuzzuni!

NON CREDERE NE' A DONNE NE' A SIRENE

Ho scritto una lettera alla mia fidanzata

con una pennetta di raro uccello,

la carta è ricamata con la seta

e è d'argento, il mio calamaio.

A destra c'è una calamita

e una colomba che cerca riparo,

a sinistra un cuore e una ferita

da dove cola sangue copiosamente.

Dentro il foglio ho messo una spiga di Francia, (erba odorosa)

per farla diventare imbalsamata

e per attaccarla ad un nastrino piccolo.

Per inchiostro il mio sangue stemperato

e per sigillo, a posto di mollica,

lo stesso cuore mio insanguinato.

Pensa quando sarai vecchia, cosa farai

se io non ti vorrò poiù bene,

perchè questa bella gioventù che hai

come il vento, dici, se ne fugge.

Ed io ti dico che non invecchia mai

il cuore, e se ci amiamo tutti e due

venti o sessanta, quanti anni hai,

anni sulle spalle, ma che importa a noi?

Tu sempre mi darai le tue carezze,

ed io per te farò cose da pazzi

fossero biondi o bianche le tue trecce,

fossero neri o no i miei baffi;

ma ... non li perderai queste tue bellezze,

non , non ci credo, neanche se m'ammazzi!

Tengo il cuore mio appeso ad un chiodo

vado per lstaccarlo e non ci arrivo

e non ti so dire la rabbia

e il gran dispetto che provo.

Sono sotto la cova, come un uovo

non sono morto e neanche vivo,

e per di più non so il motivo

di questo patire e di questo nuovo tormento.

Te l'ho scritto e lo ritorno a scrivere

e spero che questa volta ti commuovo:

il mio dolore è troppo positivo! ...

Se il tuo cuore non è vendicativo

ritornami il cuore mio appeso a questo chiodo,

levami, bella, da questo fuoco vivo!

No, non mi dire con questa bocca dolce

che mettere mi posso l'anima in pace:

lo sai che sono più duro della noce

vera testa di cavolo nato a Jaci.

Son tre anni che ti metto in croce

per dirmi di si e non ti compiaci;

senti Carmela, sentila questa voce,

confortalo questo cuore che è una brace!

Vedi che te lo dico calmo calmo,

e con bontà, non mi fare sfregio,

perchè l'amore mio è assai selvaggio! ...

Stai attento, che te l'ho avvisato, amore bello:

ritirati i ponti, sai, con quello,

se no finisce a colpi di coltello!

Ed il mio cuore nemmeno se ne lagna

se tu mi tratti male o sei benigna;

se la tua bocca è dolce o è maligna,

se mi ridi oppurte se mi tieni il broncio.

Questo cuore mio ha solo paura

che fedeltà in te non alligna;

con questo pensiero son diventato una scimmia,

mi strugge la salute e mi addolora! ...

Hai nella faccia due mele rosse,

una fossetta che è una grande cosa -

sembri una castagna vuota che s'arriccia

in mezzo ai filari della vigna... -

Non mi lasciare, bella mia compagna,

e poi ...fammi magari la matrigna!

Son venuto di notte e m'abbaiò il cane,

mentre guardavo il tuo balcone!

I cani, io ho detto tra di me; abbaiono alle persone sconosciute;

allora è il segno che hai cambiato il padrone!

Son tornato con zampogne e marranzani (scacciapensieri)
e ti ho cantato le solite canzoni ...

Non ti sei affacciata e nemmeno il giorno dopo
;
questo è il segno che tu mi abbandoni!

Oh Dio che nemmeno son passate due settimane

che mi dicevi: - quanto mi vuoi bene? -

e non mi facevi respirare con i tuoi bacioni

Ah, io sono il re degli sciocchi!

Non credere a donne nè a sirene

io lo sapevo e ci son caduto a capo fitto.