GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 98 visitatori e nessun utente online

 
 
 
 

 

NINO MARTOGLIO

 


 

NATALIZIU

 

 

 

NATALIZIU

– Mamma, mammuzza, si 'n'avissi a tia,

ju 'ntra 'stu munnu, mi sintissi persu;

ti vogghiu beni chiù di l'Universu,

chiù di la vista e chiù di l'arma mia.

Si lu me' sensu ancora non s'ha' persu,

lu vidi, mamma, è pirchì pensu a tia:

a tia ca si' la megghiu puisia;

e di la puisia lu megghiu versu!

Oggi ricurri ancora la to' festa

ed ju, chi non mi scordu la iurnata,

t'offru l'umili miu, solitu cantu.

Tu dùnami la solita vasata,

e po' fammi durmiri ccu la testa

supra lu pettu to' amurusu e santu!

ONOMASTICO

-Mamma, mammuccia, se non avessi te,

io in questo mondo mi sentirei perso;

ti voglio bene più dell'Universo,

più della vista e più della mia anima .

Se il mmio senso ancora non si è perso,

lo vedi, mamma, è perchè penso a te:

a te che se la meglio poesia ;

e della poesia il migliore verso!

Oggi ricorre la tua festa

ed io, che non scordo la giornata,

ti offro l'unile mio, solito canto.

Tu dammi il solito bacio,

e poi fammi dormire con la testa

sopra il petto tuo, amoroso e santo!