GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 357 visitatori e nessun utente online

 
 
 
 

 

NINO MARTOGLIO

 


 

MALACRIANZA

 

 

 

MALACRIANZA

Vostra matri sarà fimmina onesta,

– ju la cuscenza mia non mi l'aggrâu –

ma non mi leva nuddu di la testa

ca pri 'dda vota... sa chi cumminau!

Forsi fu San Micheli, jornu di festa,

'ntra quarche vanidduzza, l'alluzzau...

Chi nni diciti?... Ccu 'dda lancia in resta

si fici forti e si nn'apprufittau!...

O 'nnunca – e chistu po' darisi puru –

San Pantalìu – 'ddu gran mulu scintinu –

ci jiu di notti... e l'abbrazzò a lu scuru!...

Lu fattu è pani pani, vinu vinu,

e vostra matri, nni sugnu sicuru, 

pri fari a vui patìu malu distinu!

                                                                                        

MALACREANZA

Vostra mamma sarà donna onesta

- io la mia coscienza non l'aggravo -

ma nessuno mi leva dalla testa

che quella volta... chissà cosa ha combinato!

Forse fu San Michele, giorno di festa,

in qualche stradina, la sbirciò ...

Che ne dite? ... con quella lancia in avanti

si fece forte e se ne approfittò! ...

Oppure - e questo è anche possibile -

San Pantaleo - quel gran mulo inetto -

andò da lei di notte ... e l'abbracciò al buio! ...

Il fatto è pane pane e vino vino (acclarato)ù

e vostra madre, ne sono sicuro,

per dare la vita a voi ebbe a patire un cattivo destino"