GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 127 visitatori e nessun utente online

 
 
 
 

 

NINO MARTOGLIO

 


 

LI ME' SUNETTI

 

 

LI ME' SUNETTI

Ju li cugghivi 'mmenzu li lurdumi,

'ntra li taverni, 'ntra lu lupanaru,

unni lu nostru suli é tantu avaru

di luci, nè virtù, nè c'è custumi.

Ju li cugghivi unni paru paru

lu sangu allimarratu scurri a sciumi,

unni lu scuru è fittu e c'è pri lumi

sulu ôcche 
luci luci picuraru.

E li cugghii di notti, sgammittati,

tastiannu comu l'orvi muru muru

e zuppicannu comu li sciancati.

Pricchissu, ed anchi pricchi su' sicuru

chi a fari lustru non su' distinati,

ju li vosi chiamari: 
«'o scuru, 'o scuru» .

 

I MIEI SONETTI

Io li ho raccolti in mezzo al lordume,

nelle taverne, nei postriboli,
do
ve il nostro sole è tanto avaro

di luce, di virtù e di costumi.

Io li ho raccolti dove in modo abbondante

il sangue misto a fanchiglia scorre a fiumi,

dove il buio è fitto e per lume c'è

soltanto occhi a mò di lucciole.

E li ho raccolti di notte, senza gambe,

brancolando come i ciechi che camminano 

tastando i muri e zoppicando come gli zoppi.

Proprio per questo ed anche percè sono sicuro

che a fare luce non sono destinati,

io li ho voluto chiamare "al buio, al buio"