GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 66 visitatori e nessun utente online

 

NINO MARTOGLIO

 


 

IL TELEFRICO SENZA FILI 

 

 

 

IL TELEFRICO SENZA FILI 

Siti bestia, quadrupedi, animali.... 
e non vi dicu autru,non vi dicu !... 
Le ’ntinne ci su’ sempri,tali e quali, 
e l’amu vistu ju e’ cumpari Ricu... 

Chiddu ca nun c’è chiù, mio caru amicu, 
è il filo !... "Oh, binidittu San Pasquali !".. 
Il filo, dintra il quali, a tempu anticu 
curreva il telecrama naturali !.. 

La mia difoortà, però, ’n’è chissa; 
c’è un’artra cosa, ca ancora non sacciu 
e della quali nn’arristai scossu : 

Chiovi, mintemu, l’acqua si subissa ?... 
Com’è ca la parola del dispacciu 
agghica bella, asciutta come n’ossu ? 


IL TELEGRAFO SENZA FILI 

Siete bestia, quadrupede,animale.... 
e non vi dico altro, non vi dico !.. 
Le antenne ci sono sempre, tali e quali, 
e le ho viste io e compare Enrico... 

Quello che non c’è più,mio caro amico, 
è il filo !.."Oh,benedetto San Pasquale !".. 
Il filo, dentro il quale, prima 
scorreva rapidamente il telegramma ! 

La mia difficoltà, però, non è questa; 
c’è un’altra cosa, che ancora non so 
e della quale ne rimango scosso : 

mettiamo che piova, che l’acqua ci subissi ?.. 
Com’è che la parola del dispaccio 
arrivi bella, asciutta come un osso ?