GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 68 visitatori e nessun utente online

 

NINO MARTOGLIO

 


 

DICHIARAZIONI A 'N'AMICU INTIMU 

 

 

 

DICHIARAZIONI A 'N'AMICU INTIMU


– Pippinu, 'ssa tò soru è 'na gran figghia,

– tènila fitta, senzamai ti squagghia! –

ma si mi fa la cucca e si cattigghia,

diccillu chiaru e tunnu, ca si sbagghia.

Prima di tuttu 'un sugnu 'ntinziunatu,

e pozza pozza,

esta e aneddi o' jtu.

Tò soru, amicu miu, è prisintusa,

si tingi l'occhi, va tutta allisciata,

si 'mpruvuligghia e fa la vummicusa;

e quannu 'a vidu d'accussì cunzata,

d'onuri miu, Pippinu, senz'offisa,

non sacciu s'è tò soru, o 'na 'nzalata!

 

DICHIARAZIONE AD INTIMO AMICO

Peppino, questa tua sorella è una gran figliola, 

tienitela stretta, senza mai si squaglia ! 

Ma se mi fa la civettuola e si solletica, 

diglielo chiaro e tondo che si sbaglia. 

Prima di tutto non ho intenzione alcuna, 

e se decidessi di fidanzarmi, 

vorrei una ragazza del mio stato 

senza pampini in testa ed anelli al dito. 

Tua sorella, amico mio, è pretenziosa, 

si tinge gli occhi, va tutta allisciata, 

s’incipria e fa la stomachevole; 

e quando la vedo così conciata, 

Peppino, per l’onore, senza offesa, 

non so più se è tua sorella o un’insalata !