SCIUTO CINZIA

POESIE

VULEVA A TIA 

VULEVA A TIA 

Meli è dda parola,
quannu cu la dici,
s’arricorda la ducizza di la vuci.
Caru è lu mumentu
di vasati e carizzi risulenti,
ppi li figghi,
quannu sunu nicareddi,
oppuri ranni,
ma ppi idda sempri picciriddi.
Matri…
mi mancava lu tò ciatu supra a facci,
la me vita era tutta a lu sbucciari,
ma tu fridda
non mi davi lu caluri
di lu suli quannu abbrazza forti u mari.
Iù vuleva a tia!
Comu l’acqua voli la funtana,
li campani i festi ppi sunari,
la campagna l’arvuli e li ciuri,
lu respiru l’essiri viventi.
Ni vuleva vasuneddi a centu a centu,
ninni nanni ppi lu sonnu cunuttari,
favuli cuntati e lisciati di capiddi,
ammizzigghi ni vuleva a mai finiri.
A tia vuleva ciciuliari
li me jorna spinsirati di carusa,
li risateddi, li chianciuteddi,
li frastorni di lu primu amuri.
Matri…
lu cori mi tagghiasti a feddi a feddi
quannu sula ntra la negghia mi lassasti.

TI VOLEVO

Miele è quella parola,
quando chi la dice,
si ricorda la dolcezza della voce.
Caro è il momento
di baci e carezze armoniose,
per i figli,
quando sono piccoli,
oppure grandi,
ma per lei sempre bambini.
Madre…
mi mancava il tuo fiato sul viso,
la mia vita era tutta allo sbocciare,
ma tu fredda
non mi davi il calore
del sole quando abbraccia forte il mare.
Io ti volevo!
Come la fontana vuole l’acqua,
le campane le feste per suonare,
la campagna gli alberi e i fiori,
il respiro l’essere vivente.
Ne volevo bacetti a cento a cento,
ninne nanne per confortare il sonno,
favole raccontate e capelli accarezzati,
coccole ne volevo a mai finire.
A te volevo bisbigliare
i miei giorni spensierati di ragazza,
le risatine, i piccoli pianti
le inquietudini del primo amore.
Madre…
il cuore mi tagliasti a fette
quando sola in mezzo alla nebbia mi lasciasti.

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 214 visitatori e nessun utente online